Osservatorio TG

Sfiducia numero 31

I Tg di martedì 19 aprile – Lo scontro che ha preceduto il voto di fiducia, tutt’ora in corso al Senato, occupa le aperture di Tg1, Tg3, Tg5 e Tg La7. Doppio titolo su alcune testate, uno dedicato al discorso del premier, che si scalda sul tema della differenza tra giustizia e giustizialismo parlando di “sceneggiate televisive” che fungono da camera di consiglio, l’altro alle ragioni dell’opposizione. Il Pd parla di “rito seriale” delle 31 fiducie richieste. Coperture “stanche” sullo scontro politico visto che, come commenta Tg4, “stasera il governo non rischia”.

Il Ministro Padoan che sulle pensioni, a fronte dei dati sulla ripresa economica, apre sul tema flessibilità, è in apertura Tg4. Tg1, Tg2 e Tg La7 collegano questa uscita all’allarme lanciato sulle pensioni da Tito Boeri che, ospite delTg1, parla dei 35enni di oggi che rischiano di andare in pensione a 75 anni.

Tutte le testate riprendono l’ulteriore intervento del Papa sui profughi che si rivolge ai migranti per chiedere loro perdono per le società indifferenti al loro dramma. Tg4 propone un servizio non banale sui disturbi che molti profughi soffrono a seguito del trauma della traversata. Ricordiamo che, a seguito delle aggressioni di Colonia, il “precedente” Tg4 aveva proposto un servizio sugli scontati pericoli rappresentati da “migliaia di giovani deprivati sessualmente”. Alle tensioni di ieri tra Italia e Germania sugli Eurobond si affiancano su Tg3, Tg1 e Tg La7 quelle tra UE e Turchia dopo l’intervento di Erdogan che afferma che è l’Europa ad avere bisogno del suon paese, e che, secondo Mentana, “suona molto di ricatto”. Il mistero degli oltre 200 somali ancora dispersi nel Mediterraneo raccoglie servizi su tutte le testate.

Il rischio di attentati sulle spiagge avanzato dal giornale tedesco Bild-Zeitung viene ripreso da tutto le testate con le immediate smentite da parte del Copasir e del Ministro Alfano, ma anche delle autorità tedesche. Tg5 dedica una copertina dal giudizio severo su di un allarme “totalmente ingiustificato”, presentandolo come un momento di “cattivo giornalismo” se non proprio come un atto finalizzato “a far screzio all’Italia”. TgLa7 parla di una “frescaccia”, anche se ad opera di un importante giornale.

Tg4 e Tg5 si occupano della mafia che si è “aggiornata” e utilizza massivamente i social.

Titoli e servizi per quasi tutti sulla richiesta di ergastolo per l’omicidio di Ciro Esposito. Tg3 ascolta la sorella di Uva, assolta dall’accusa di aver ingiuriato le forze dell’ordine, “che chiede scusa all’“uniforme”, ma non ai polizziotti che ritiene coinvolti nella morte del fratello.

Interessante l’approfondimento del Tg2 sulle tante modalità di spaccio di droga e sulle 100 nuove sostanze immesse sul mercato nel solo 2015, facilmente acquistabili anche su internet.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia