Le vittime, l’Italia e l’Europa

I Tg di lunedì 18 aprile 2016 – Nell’anniversario del più drammatico naufragio nelle acque del Mediterraneo, l’odierna sciagura che vede dispersi tra i 200 e i 400 somali partiti dalle coste egiziane (o libiche) non può che imporsi su tutte le testate. Inevitabili nei servizi i rimandi alla tragedia del 2015, rispetto alla quale “nulla sembra essere cambiato” (Tg1) sul piano internazionale. In realtà, a un anno di distanza, la situazione è mutata profondamente benché i risultati restino, sostanzialmente, gli stessi. L’Italia, che in aprile 2015 cercava timidamente di ottenere da un’Europa una risposta comune, con la recentissima lettera ai vertici di Bruxelles propone una soluzione ad un’Unione che si mostra disponibile, ma caratterizzata da muri e fratture interne. Spazio sui Tg Rai e La7 alle tensioni tra Italia e Germania sull’ipotesi degli Eurobond per favorire le economie africane, col premier Renzi (intervistato sul Tg1) che invita la Cancelliera Merkel a “trovare lei soluzioni alternative”. Tg2 denuncia nei titoli l’apertura di una nuova rotta, quella egiziana, mentre Tg4 presenta nel dettaglio la proposta italiana per una soluzione comune dei flussi dei profughi, che non possono più essere definiti un’”emergenza”. Una cosa è certa: i toni catastrofisti adottati da una parte dell’informazione che nella primavera 2015 annunciavano il “pericolo invasione” sono, ad un anno di distanza, sostanzialmente scomparsi, il che non è male.

Il fallimento del referendum sulle trivelle, che ha visto superare di misura il quorum solamente in Basilicata, viene analizzato da tutte le testate. La risposta del premier, che ridabisce la vittoria e fa i nomi degli sconfitti, viene rilanciata da Tg1 e Tg2, mentre sul Tg3 un preoccupato Massimo Cacciari invita il presidente del Consiglio a cambiare presto rotta, leggendo i 15 milioni di cittadini che si sono recati alle urne come una emersione di un voto di protesta contro le sue politiche e, soprattutto, contro la sua persona. Spazio su Tg5 agli odierni editoriali del Corriere e della Stampa, che già guardano al prossimo e più decisivo confronto: quello del referendum costituzionale. Segnaliamo come Mentana, dopo la forte critica mossa durante la diretta di ieri agli attacchi del premier ai media, anche stasera non si è risparmiato.

Il destino della leadership di M5S continua ad interessare Tg4 e Tg1, con il primo che intervista Luigi Di Maio, disponibile dopo molti “se” ad accettare di candidarsi premier, mentre il secondo segue il “pellegrinaggio” milanese della candidata M5S romana Virginia Raggi in undienza dal figlio del guru.

La notizia di un attentato compiuto su di un autobus di linea in Israele irrompe nell’edizione del Tg3 e figura già nei titoli di quelli delle 20, che riprendono le dichiarazioni di Netanyahu. l’Impeachment votato stamani da una larga maggioranza del parlamento brasiliano contro la presidente Roussef conquista titoli e servizi su Tg3, Tg1 e Tg La7. Spazio nei servizi anche al tragico sisma in Equador.

Grande attenzione stasera sulle testate Mediaset e Tg1 ai recenti casi di discriminazione avvenuti nelle scuole ai danni di studenti autistici. Tg4 ospita in diretta la ministra della Pubblica Istruzione Giannini che annuncia seri provvedimenti.

Le operazioni di contenimento del forte sversamento di petrolio a Genova che minaccia di provocare un disastro ambientale viene seguito con molte attenzione da tutte le testate, con servizi e collegamenti in diretta.

Chiudiamo segnalando l’ampia pagina dedicata dal Tg2 ai tanti casi di minacce a giornalisti in Italia, oltre che alla situazione drammatica che vive il diritto-dovere di informare in paesi quali la Turchia. Non è la prima volta che la testata della seconda rete pubblica se ne occupa. Precisiamo che non si è trattato di uno sterile piagnisteo né, tantomeno, di una pletora di istanze corporative, anche perché la presenza in studio del Presidente Fnsi Giuseppe Giulietti ha meritoriamente evitato questo rischi.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale