Politica

Natale di Stabilità

17

Nel pomeriggio entrerà nel vivo la discussione sulla legge di Stabilità. Il governo sembra intenzionato a non forzare i tempi; lascerà quindi discutere il testo ai deputati senza apporre la questione di fiducia. Un’ipotesi che smentisce i pronostici della vigilia. L’obiettivo, non dichiarato ufficialmente, è proprio quello di rimettere mano al provvedimento in modo da apportare alcune modifiche ritenute essenziali. Si tratta di un’operazione rischiosa perché significa aprire alla possibilità che anche i partiti, a loro volta, presentino nuovi emendamenti magari in un numero tale da impantanare l’iter di approvazione. L’ostacolo, però, potrebbe essere aggirato grazie ad un “gentlemen agreement” tra i gruppi parlamentari in base al quale le richieste di modifiche dovrebbero essere limitate ad un centinaio. Il provvedimento, comunque, ha già raggiunto la cifra esorbitante di 993 commi che inserisce la manovra 2016 nelle parti alte della speciale classifica delle finanziarie più corpose nella storia della Repubblica. Il nuovo pacchetto di misure per la sicurezza e le ultime modifiche approvate hanno portato il valore complessivo della manovra a 35,4 mld e al 2,4% il rapporto deficit/pil. Soddisfatto della legge di Stabilità è il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan che, in vista dei lavori conclusivi a Montecitorio, ha voluto tendere una mano all’opposizione: “il provvedimento è stato rafforzato dal dibattito parlamentare anche grazie alle vostre proposte”, ha dichiarato durante il suo intervento di replica nel corso della discussione generale in Aula. Il responsabile del dicastero di via XX settembre ha sottolineato che con la nuova manovra “continua l’azione del governo a sostegno della crescita e dell’occupazione in un quadro di progressivo consolidamento della finanza pubblica”. Critiche, invece, le opposizioni che mettono in guardia il governo dalla tentazione di provare a reinserire con emendamenti in Aula norme “ad personam, come quella per l’aeroporto di Firenze”. Misure di favore denunciate durante i lavori della Commissione dal Movimento 5 stelle. Se i tempi saranno rispettati, il testo potrebbe essere licenziato già domani in modo da dare un giorno agli uffici della Camera per approntare lo stampato da trasmettere a Palazzo Madama. A quel punto, la legge di Stabilità potrebbe essere incardinata in commissione Bilancio al Senato lunedì 21 dicembre e passare il giorno seguente all’esame finale dell’Assemblea di Palazzo Madama. Il voto definitivo dovrebbe arrivare l’antivigilia di Natale. Poi, arriverà lo “sciogliete le righe” e avranno inizio le lunghe vacanze natalizie.

I lavori a Montecitorio saranno aperti oggi dalla discussione della mozione di sfiducia a carico del ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, presentata dal Movimento 5 stelle. I numeri parlamentari sono inequivocabili: a votare contro saranno M5S, Lega e Sinistra Italiana mentre Fi non parteciperà al voto per non mostrare le crepe interne, per non omologarsi alle opposizioni di sinistra e per non venir meno ai principi di garantismo. Non ci saranno quindi né soprese né scossoni. Proprio per segnare la distanza da un dibattito che “non sta né in cielo né in terra”, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, non sarà in aula ma resterà a Bruxelles per il consiglio europeo. Il premier è convinto che la demagogia “non paga né per il Paese né in termini di voti” ed è impegnato a girare pagina dall’assedio politico-mediatico sul caso banche. Renzi è certo che il suo ministro supererà a testa alta le forche caudine del voto. Così come difende la trasparenza del decreto-legge sul salvataggio dei quattro istituti insolventi e per rafforzare la serietà dell’arbitrato ha deciso di affidare all’Anac di Raffaele Cantone la supervisione dei rimborsi. Il teatro parlamentare sarà poi per il premier l’occasione per testare il grado di demagogia dei suoi principali rivali, Grillo e Salvini. Il Partito democratico ha già messo in conto di subire colpi bassi e attacchi personali durante le dichiarazioni di voto e la discussione. E dopo l’accordo con M5S sulla Consulta, non si fa in realtà grandi illusioni di poter consolidare il dialogo con i grillini in vista di nuove intese su provvedimenti legislativi. “È un accordo istituzionale – ha chiarito Renzi – e noi siamo sempre disponibili a dialogare perché è il momento di fare le cose, di dare un segnale ai cittadini”. Maria Elena Boschi è comunque decisa a salvare la sua onorabilità. Durante la replica alle dichiarazioni dei vari gruppi parlamentari spiegherà che non ha mai avuto nessuna interferenza nella governance di Banca Etruria. Non può quindi essere accusata di aver spinto il governo ad avere un atteggiamento accondiscendente solo perché nel Cda dell’istituto sedeva il padre con la carica di vicepresidente. Ricorderà che le multe, le ispezioni e il commissariamento sono arrivati nonostante la sbandierata vicinanza dei vertici della banca al governo.

Ultime notizie
Società

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione
Intervista

Educazione civica. Rusconi: “Manca una cabina di regia”

"L'educazione civica spesso non viene insegnata, qualche insegnante lo fa per propria buona volontà. Viene sottovalutato l’apprendimento delle norme e dell’ordinamento dello Stato, fatto soprattutto di comportamenti di rispetto".
di Valentina Renzopaoli