Gioco

Per il nuovo governo sarà d’obbligo la riforma dei giochi

Il tema è ancora al centro del dibattito pubblico e le chiusure di sale giochi e le infiltrazioni criminali sono tra gli argomenti più veicolati sui mezzi di comunicazione. Resta il fatto che la tanto attesa riforma del gioco non arriva mai. E soltanto un intervento organico, che contemperi gli interessi pubblici e quelli privati può aprire ad una nuova era del gioco pubblico, più condivisa e meno conflittuale, improntata ad una responsabilità che sino ad oggi è solo rimbalzata di qua e di là. Ecco un breve sguardo di contesto.

Il governo ha faticosamente condotto il confronto con le Regioni e gli enti locali, conclusosi con l’intesa raggiunta in Conferenza Unificata il 7 settembre scorso. Per la prima volta nella storia del comparto è stato deciso: di ridurre l’offerta di gioco tramite apparecchi; di dimezzare in tre anni i punti di gioco (ovvero gli esercizi pubblici che lo offrono); di innalzare il livello qualitativo dell’offerta attraverso la qualificazione degli stessi punti di gioco, che dovranno essere tutti certificati, mentre gli apparecchi andranno sostituiti con altri più evoluti e controllabili da remoto; di implementare i controlli e le misure finalizzate a prevenire degenerazioni patologiche ed illegali.

Da allora, però, l’unico passo compiuto è stato quello di ridurre l’offerta. Il clima di persistente contrapposizione istituzionale impedisce di fare tutto il resto.

Le Regioni e gli enti locali sono da tempo impegnati a contrastare la diffusione del gioco, con il fine della tutela della salute pubblica, tramite restrizioni orarie dell’offerta e lo strumento del “distanziometro metrico” previsto per preservare i frequentatori dei cosiddetti “luoghi sensibili” (scuole ed ospedali, ma anche bancomat e compro oro). Misure che si continuano a varare, anche se non vi è alcun riscontro scientifico che tali provvedimenti riescano effettivamente a contrastare la dipendenza da gioco (invero, secondo un orientamento, le misure anzidette potrebbero essere addirittura controproducenti). Vengono programmate poi, seppure a fatica ed in modo timido e disomogeneo sul territorio, iniziative per prevenire i rischi connessi al gioco con vincita in denaro. Queste sì, in particolare se rivolte alle giovani generazioni, in grado di sensibilizzare ed incidere in modo positivo, attraverso l’informazione, la conoscenza e la creazione di consapevolezza.

Se centro e periferie, nonostante l’intesa raggiunta, continuano a procedere su binari paralleli e conflittuali, viene meno il presupposto di un intervento organico, serio e responsabile, che è ormai indispensabile.

Sul piano operativo socio-sanitario, le misure di tutela della salute della popolazione rispetto al “disturbo da gioco d’azzardo” (patologia inclusa nei livelli essenziali di assistenza) debbono essere approntate dai Servizi pubblici territoriali che, talora con risorse insufficienti, si trovano a fronteggiare una dipendenza “senza sostanza” complessa e bisognosa di un approccio multidisciplinare. Il mondo dell’associazionismo si affianca e sopperisce in particolare attraverso campagne di sensibilizzazione ma anche con percorsi di cura e riabilitazione delle persone affette dalla patologia.

Le imprese del settore hanno ormai digerito la riduzione dell’offerta di gioco legale decisa dal Governo e attendono certezze e regole per riposizionarsi in un mercato che resta competitivo, grazie anche ad una significativa e crescente componente internazionale. Nel frattempo, continuano a difendersi dalle normative locali ritenute eccessivamente restrittive a tal punto da radiare il gioco legale dai territori urbani, per la difficoltà se non impossibilità oggettiva di trovare una collocazione ad un’offerta comunque autorizzata dallo Stato.

Si pone infatti, sempre e comunque, un’esigenza di proporzionalità della restrizione imposta all’attività di impresa rispetto all’interesse prevalente da tutelare, senza considerare che le limitazioni dell’offerta di gioco in “rete fisica” (punti di gioco) possono peraltro, come rilevato da illustri osservatori, facilitare lo spostamento della domanda di gioco verso circuiti illegali e non controllabili, in grado di sfruttare le possibilità offerte dalla tecnologia per il perfezionamento di giocate e scommesse tramite server posti all’estero.

Ecco, quindi, che il prossimo governo, dopo le sconfitte e i ritardi accumulati negli ultimi anni, non potrà sottrarsi ancora alla responsabilità di decidere nel rispetto delle sfere di competenza e, pertanto, condividere con le Regioni e gli enti locali i percorsi di regolamentazione per il miglior contemperamento degli interessi coinvolti.

Le imprese di settore, seppur in un clima di conflittualità tra i livelli della filiera, potrebbero rafforzare la propria posizione, sia nel dibattito pubblico che nell’interlocuzione istituzionale, concertando linee di azione e di difesa in seno ad associazioni di categoria e federazioni rappresentative di interessi solo apparentemente inconciliabili. La “multicanalità”, la fusione tra retail e online, che orientano le politiche commerciali, vanno in questa direzione.

È il tempo dell’unione, su tutti i fronti, per avviare in modo costruttivo una nuova fase di vita del settore e per “pretendere” un interlocutore istituzionale che decida e non temporeggi.

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale