Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Gioco

Per il nuovo governo sarà d’obbligo la riforma dei giochi

Il tema è ancora al centro del dibattito pubblico e le chiusure di sale giochi e le infiltrazioni criminali sono tra gli argomenti più veicolati sui mezzi di comunicazione. Resta il fatto che la tanto attesa riforma del gioco non arriva mai. E soltanto un intervento organico, che contemperi gli interessi pubblici e quelli privati può aprire ad una nuova era del gioco pubblico, più condivisa e meno conflittuale, improntata ad una responsabilità che sino ad oggi è solo rimbalzata di qua e di là. Ecco un breve sguardo di contesto.

Il governo ha faticosamente condotto il confronto con le Regioni e gli enti locali, conclusosi con l’intesa raggiunta in Conferenza Unificata il 7 settembre scorso. Per la prima volta nella storia del comparto è stato deciso: di ridurre l’offerta di gioco tramite apparecchi; di dimezzare in tre anni i punti di gioco (ovvero gli esercizi pubblici che lo offrono); di innalzare il livello qualitativo dell’offerta attraverso la qualificazione degli stessi punti di gioco, che dovranno essere tutti certificati, mentre gli apparecchi andranno sostituiti con altri più evoluti e controllabili da remoto; di implementare i controlli e le misure finalizzate a prevenire degenerazioni patologiche ed illegali.

Da allora, però, l’unico passo compiuto è stato quello di ridurre l’offerta. Il clima di persistente contrapposizione istituzionale impedisce di fare tutto il resto.

Le Regioni e gli enti locali sono da tempo impegnati a contrastare la diffusione del gioco, con il fine della tutela della salute pubblica, tramite restrizioni orarie dell’offerta e lo strumento del “distanziometro metrico” previsto per preservare i frequentatori dei cosiddetti “luoghi sensibili” (scuole ed ospedali, ma anche bancomat e compro oro). Misure che si continuano a varare, anche se non vi è alcun riscontro scientifico che tali provvedimenti riescano effettivamente a contrastare la dipendenza da gioco (invero, secondo un orientamento, le misure anzidette potrebbero essere addirittura controproducenti). Vengono programmate poi, seppure a fatica ed in modo timido e disomogeneo sul territorio, iniziative per prevenire i rischi connessi al gioco con vincita in denaro. Queste sì, in particolare se rivolte alle giovani generazioni, in grado di sensibilizzare ed incidere in modo positivo, attraverso l’informazione, la conoscenza e la creazione di consapevolezza.

Se centro e periferie, nonostante l’intesa raggiunta, continuano a procedere su binari paralleli e conflittuali, viene meno il presupposto di un intervento organico, serio e responsabile, che è ormai indispensabile.

Sul piano operativo socio-sanitario, le misure di tutela della salute della popolazione rispetto al “disturbo da gioco d’azzardo” (patologia inclusa nei livelli essenziali di assistenza) debbono essere approntate dai Servizi pubblici territoriali che, talora con risorse insufficienti, si trovano a fronteggiare una dipendenza “senza sostanza” complessa e bisognosa di un approccio multidisciplinare. Il mondo dell’associazionismo si affianca e sopperisce in particolare attraverso campagne di sensibilizzazione ma anche con percorsi di cura e riabilitazione delle persone affette dalla patologia.

Le imprese del settore hanno ormai digerito la riduzione dell’offerta di gioco legale decisa dal Governo e attendono certezze e regole per riposizionarsi in un mercato che resta competitivo, grazie anche ad una significativa e crescente componente internazionale. Nel frattempo, continuano a difendersi dalle normative locali ritenute eccessivamente restrittive a tal punto da radiare il gioco legale dai territori urbani, per la difficoltà se non impossibilità oggettiva di trovare una collocazione ad un’offerta comunque autorizzata dallo Stato.

Si pone infatti, sempre e comunque, un’esigenza di proporzionalità della restrizione imposta all’attività di impresa rispetto all’interesse prevalente da tutelare, senza considerare che le limitazioni dell’offerta di gioco in “rete fisica” (punti di gioco) possono peraltro, come rilevato da illustri osservatori, facilitare lo spostamento della domanda di gioco verso circuiti illegali e non controllabili, in grado di sfruttare le possibilità offerte dalla tecnologia per il perfezionamento di giocate e scommesse tramite server posti all’estero.

Ecco, quindi, che il prossimo governo, dopo le sconfitte e i ritardi accumulati negli ultimi anni, non potrà sottrarsi ancora alla responsabilità di decidere nel rispetto delle sfere di competenza e, pertanto, condividere con le Regioni e gli enti locali i percorsi di regolamentazione per il miglior contemperamento degli interessi coinvolti.

Le imprese di settore, seppur in un clima di conflittualità tra i livelli della filiera, potrebbero rafforzare la propria posizione, sia nel dibattito pubblico che nell’interlocuzione istituzionale, concertando linee di azione e di difesa in seno ad associazioni di categoria e federazioni rappresentative di interessi solo apparentemente inconciliabili. La “multicanalità”, la fusione tra retail e online, che orientano le politiche commerciali, vanno in questa direzione.

È il tempo dell’unione, su tutti i fronti, per avviare in modo costruttivo una nuova fase di vita del settore e per “pretendere” un interlocutore istituzionale che decida e non temporeggi.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra