Crescita

Pittella, più diritti e meno disoccupazione con un piano europeo per i giovani

62

Proprio questa settimana si festeggia l’Europa e la recente vittoria di Macron in Francia sembra diffondere una brezza quasi estiva sui venti di crisi che da qualche tempo soffiano a cerchio sull’Unione. Un’Unione che – su questo sembrano tutti d’accordo – va rafforzata e rilanciata.
Ma a distanza di oltre mezzo secolo quanto sono forti e radicati nei cittadini europei, e soprattutto nei giovani, le idee di Europa unita e il senso di identità e appartenenza europeo e che cosa si può ancora fare in tale direzione?
Lo abbiamo chiesto a Gianni Pittella, Presidente del Gruppo Socialisti & Democratici al Parlamento Europeo, impegnatissimo sul fronte e tra i maggiori sostenitori e promotori di iniziative e azioni nell’ambito dei programmi di mobilità UE, ma non solo, che
nel tempo hanno avuto l’obiettivo di coinvolgere il più ampio numero di cittadini.

Onorevole Pittella, quanto hanno contribuito le iniziative europee di mobilità e istruzione a formare la coscienza civica europea dei giovani?
“Quest’anno il programma Erasmus + – risponde Gianni Pittella – ha celebrato il suo trentesimo anniversario. In questi anni, tale programma ha fornito a migliaia di giovani l’istruzione e le competenze necessarie per migliorare la propria cultura, apertura mentale e non da ultimo la professionalità. Quello che però spesso si dimentica è che questi tipi di programmi europei hanno suscitato un senso di appartenenza ad una comunità. Varie valutazioni d’impatto hanno sottolineato l´autentico valore di questa mobilità. Queste evidenziano come andare all’estero abbia fornito ai giovani europei le competenze per affrontare il complesso mercato del lavoro di oggi e di domani, ed abbia migliorato le prospettive in termini di carriera. Gli studenti Erasmus hanno il doppio delle possibilità di trovare lavoro ad un anno dalla laurea rispetto ai loro coetanei. Inoltre, l’azione educativa tra i giovani, svolge un ruolo fondamentale nella promozione dell’integrazione sociale, rafforzando la comprensione interculturale e sviluppando un senso di appartenenza ad una comunità anche locale, ma partendo da un punto di vista più ampio, quello europeo”.

Dal Suo osservatorio politico, quanto ritiene sia radicato il sentimento europeo dei giovani nei confronti delle Istituzioni europee in un momento storico in cui vengono messi in dubbio i principi fondamentali dell’Europa?
“Ai giorni nostri, dobbiamo rivolgere la nostra attenzione sulla situazione dei giovani in tutta Europa. Aumentare la crescita economica e combattere l’alto livello di disoccupazione giovanile, ancora inaccettabile, dovrebbe essere la priorità e su questo ho caratterizzato il mio impegno europeo. Ho detto prima con chiarezza: dobbiamo renderci conto della necessità di coordinare meglio le attività delle istituzioni dell’Unione Europea dedicate ai giovani. Ad esempio, bisogna prestare maggiore attenzione a quei “millennials” che voteranno per la prima volta in occasione delle elezioni del Parlamento europeo del 2019. I giovani sono fondamentali non solo per l´economia nazionale e europea, ma anche per l’istruzione, la cultura, lo sport, le nuove tecnologie – in una parola: il futuro, rappresentano il nostro futuro. Vorrei vedere il riflesso delle politiche giovanili in senso trasversale, in tutta la legislazione dell’Unione Europea. Perché l’Europa non è solo a Bruxelles e abbiamo il dovere di far sentire tutti i cittadini e tutte le regioni pienamente consapevoli della loro appartenenza all’Unione Europea. Lotterò affinché la nostra Istituzione si avvicini sempre di più alla società in cui viviamo, migliorandola, divenendone il riflesso”.

Che cosa si può fare ancora per fortificare l’atteggiamento dei giovani e dei cittadini europei verso le Istituzioni europee?
“Se vogliamo una Europa capace di affrontare le sfide del 21esimo secolo, dobbiamo dotarla dei poteri necessari per operare concretamente per il bene comune, in modo efficace, aperto e trasparente. La democrazia e la sovranità a livello europeo devono arricchire la democrazia e la sovranità a livello nazionale. Ciò richiede una sensibilizzazione sull’Europa e sul pluralismo da parte dei media, bisogna informare i cittadini sui propri diritti, mettendoli nelle condizioni di fare scelte decisive per la vita democratica dell’Unione, a partire dalla definizione delle priorità europee e dalla scelta del Presidente della Commissione Europea. Inoltre, abbiamo bisogno di un vero Piano Europeo per la Gioventù, basato sull’occupazione con il rafforzamento della Garanzia Giovani, ampliando le possibilità del programma Erasmus + per i nostri giovani”.

 

 

Ultime notizie
Società

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione
Intervista

Educazione civica. Rusconi: “Manca una cabina di regia”

"L'educazione civica spesso non viene insegnata, qualche insegnante lo fa per propria buona volontà. Viene sottovalutato l’apprendimento delle norme e dell’ordinamento dello Stato, fatto soprattutto di comportamenti di rispetto".
di Valentina Renzopaoli