L'opinione

Macron Le jeune vainqueur

120

I Tg di lunedì 8 maggio – L’apertura di 6 delle 7 testate va al trionfo di Emmanuel Macron, divenuto da ieri il più giovane presidente di Francia. Grande spazio alle celebrazioni festanti che hanno visto la marsigliese accompagnarsi all’inno alla gioia. Attenzione diffusa anche ai cortei di protesta in una Parigi ancora in stato d’allerta, che sui Tg Mediaset “rubano la scena” alla vittoria del candidato moderato, con Studio Aperto che parla già di “un’altra musica”. Minor spazio, condensato sui Tg Rai, alla reazione della Le Pen, sconfitta ma con all’attivo un grande pacchetto di voti per le imminenti elezioni parlamentari. Sugli effetti che la leadership di Macron potrà sortire sull’Europa della austerity, Tg3 e Tg1 chiamano ad esprimersi diversi analisti.

Le conseguenze del voto francese sulla nostra politica vengono affrontate da tutti. Per TgLa7 la vittoria di Macron favorirà una accelerazione sulla legge elettorale, che oggi ha registrato un avvicinamento tra Pd ed M5S (titoli anche per Tg3 e Tg1). Tutte le testate registrano anche le dichiarazioni di Berlusconi, secondo cui “chi segue le ricette del Fronte Nazionale non vince” (titolo per Studio Aperto ed i Tg delle 20), con Mentana che esplicita la polemica con Salvini. Alta e presente anche nei titoli di TgLa7 e Tg4 la prima visita all’estero di Obama, che a Milano ha incontrato Renzi e insieme a lui ha richiamato Macron.

Molto presenti i numeri degli sbarchi, e soprattutto quelli degli oltre 200 dispersi in mare nelle ultime ore (dato non ripreso dai Mediaset minori). A fronte di una pressione mai registrata (si contano quest’anno oltre 40.000 arrivi, il 38% in più del 2016) i servizi registrano il grandissimo lavoro svolto dalle strutture d’accoglienza (Tg3 intervista un profugo che ringrazia per l’Italia per averlo salvato e integrato), con l’eccezione diTg4 che enfatizza invece i rischi e denuncia che alcune realtà siano al collasso. A fine edizione Tg3 propone un’intervista esclusiva al premier libico Al- Serraji, che tocca i molti tasti dolenti degli ultimi mesi ma assicura che entro un anno il suo paese “pacificato” permetterà di controllare i flussi.

La visita di Mattarella in Argentina compare adeguatamente solo sui Tg Rai, mentre La7 propone l’unico aggiornamento di serata sugli scontri in Venezuela.

Per la cronaca, il nuovo scandalo nel mondo della sanità scoperto dalla Procura di Parma, che ha portato a 19 arresti e 50 indagati, figura nei titoli di Tg3, Tg1 e TgLa7, mentre i Tg Mediaset danno maggior spazio alla vicenda della 16enne che ha abbandonato il figlio appena partorito. La cattura del superlatitante Rocco Barbaro, vertice dell’omonima cosca e figura di spicco della ndrangheta milanese figura solamente in un servizio del Tg3.

A metà edizioni si ripropone l’attenzione al rogo di Pomezia, con l’allarme per il rischio di amianto lanciato dall’asl. Presenti fin dai titoli su Tg1 e tg3 l’aumento delle spiagge “bandiere blu” sulle coste italiane.

Chiudiamo sul Tg2, che dedica titolo e lungo servizio al “Muro delle bambole” un’istallazione artistica itinerante che, riprendendo una tradizione indiana, ha visto a teatro Tor di Nona di Roma l’affissione di bambole alle porte per denunciare lo stillicidio dei femminicidi.

Altre opinioni dell'Autore
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli