Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Macron Le jeune vainqueur

I Tg di lunedì 8 maggio – L’apertura di 6 delle 7 testate va al trionfo di Emmanuel Macron, divenuto da ieri il più giovane presidente di Francia. Grande spazio alle celebrazioni festanti che hanno visto la marsigliese accompagnarsi all’inno alla gioia. Attenzione diffusa anche ai cortei di protesta in una Parigi ancora in stato d’allerta, che sui Tg Mediaset “rubano la scena” alla vittoria del candidato moderato, con Studio Aperto che parla già di “un’altra musica”. Minor spazio, condensato sui Tg Rai, alla reazione della Le Pen, sconfitta ma con all’attivo un grande pacchetto di voti per le imminenti elezioni parlamentari. Sugli effetti che la leadership di Macron potrà sortire sull’Europa della austerity, Tg3 e Tg1 chiamano ad esprimersi diversi analisti.

Le conseguenze del voto francese sulla nostra politica vengono affrontate da tutti. Per TgLa7 la vittoria di Macron favorirà una accelerazione sulla legge elettorale, che oggi ha registrato un avvicinamento tra Pd ed M5S (titoli anche per Tg3 e Tg1). Tutte le testate registrano anche le dichiarazioni di Berlusconi, secondo cui “chi segue le ricette del Fronte Nazionale non vince” (titolo per Studio Aperto ed i Tg delle 20), con Mentana che esplicita la polemica con Salvini. Alta e presente anche nei titoli di TgLa7 e Tg4 la prima visita all’estero di Obama, che a Milano ha incontrato Renzi e insieme a lui ha richiamato Macron.

Molto presenti i numeri degli sbarchi, e soprattutto quelli degli oltre 200 dispersi in mare nelle ultime ore (dato non ripreso dai Mediaset minori). A fronte di una pressione mai registrata (si contano quest’anno oltre 40.000 arrivi, il 38% in più del 2016) i servizi registrano il grandissimo lavoro svolto dalle strutture d’accoglienza (Tg3 intervista un profugo che ringrazia per l’Italia per averlo salvato e integrato), con l’eccezione diTg4 che enfatizza invece i rischi e denuncia che alcune realtà siano al collasso. A fine edizione Tg3 propone un’intervista esclusiva al premier libico Al- Serraji, che tocca i molti tasti dolenti degli ultimi mesi ma assicura che entro un anno il suo paese “pacificato” permetterà di controllare i flussi.

La visita di Mattarella in Argentina compare adeguatamente solo sui Tg Rai, mentre La7 propone l’unico aggiornamento di serata sugli scontri in Venezuela.

Per la cronaca, il nuovo scandalo nel mondo della sanità scoperto dalla Procura di Parma, che ha portato a 19 arresti e 50 indagati, figura nei titoli di Tg3, Tg1 e TgLa7, mentre i Tg Mediaset danno maggior spazio alla vicenda della 16enne che ha abbandonato il figlio appena partorito. La cattura del superlatitante Rocco Barbaro, vertice dell’omonima cosca e figura di spicco della ndrangheta milanese figura solamente in un servizio del Tg3.

A metà edizioni si ripropone l’attenzione al rogo di Pomezia, con l’allarme per il rischio di amianto lanciato dall’asl. Presenti fin dai titoli su Tg1 e tg3 l’aumento delle spiagge “bandiere blu” sulle coste italiane.

Chiudiamo sul Tg2, che dedica titolo e lungo servizio al “Muro delle bambole” un’istallazione artistica itinerante che, riprendendo una tradizione indiana, ha visto a teatro Tor di Nona di Roma l’affissione di bambole alle porte per denunciare lo stillicidio dei femminicidi.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica