International

Proposta Eurispes: “Italia, alleati con i Paesi Brics”

644

L’Italia e i BRICS: quale raccordo costruire? Cioè, come rapportarsi a questo importante coordinamento internazionale tra Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica che opera ormai da un decennio? La domanda può sembrare quasi assurda, fuori luogo e tempo rispetto all’attuale quadro degli impegni di politica estera del nostro Paese. Eppure, ad una analisi attenta emergono elementi tali che dovrebbero indurre i responsabili delle decisioni pubbliche e molti operatori privati a porre in agenda anche questo nuovo compito: comprendere bene le strategie dei BRICS e provare a costruire un possibile raccordo individuando quantomeno degli àmbiti specifici di collaborazione.

Due gli elementi essenziali da cui muovono il ragionamento e la valutazione che il Laboratorio sui BRICS di Eurispes sta svolgendo ormai da tempo. Prima considerazione: i BRICS celebreranno a Johannesburg, con il prossimo vertice in programma dal 25 al 27 luglio 2018, un primo decennio di attività. Contro ogni previsione, diffusa anche tra molti autorevoli esperti ed analisti, il coordinamento dei BRICS non si è dissolto ma, al contrario, si è rafforzato con gli anni diventando un soggetto attivo del nuovo sistema multipolare internazionale, con proprie strategie di sviluppo, sistema di interessi, strutture finanziarie, capacità di raccogliere consenso e sollecitare adesioni in diverse aree del mondo. Attardarsi a prenderne atto rischia di diventare un grande errore politico ed economico.

Seconda considerazione: tutti gli Stati membri del coordinamento BRICS sono particolarmente attivi, soprattutto in termini di penetrazione e competizione economica, in due aree importanti per l’Italia: il Mediterraneo, innanzitutto, e l’Africa. Il Rapporto presentato dal nostro Ministero degli Affari Esteri in occasione dei Dialoghi Mediterranei MED 2017, riconosce apertamente che l’area mediterranea vive attualmente un grande paradosso: da un lato, infatti, si presenta come un’area molto “frammentata”, per le note vicende politiche, ma, dall’altro, come un’area sempre più “interconnessa” ai grandi processi dello sviluppo globale; nei quali gli attori principali, i veri decisori, ad esempio, dei principali investimenti, sono sempre meno quelli tradizionali europei e sempre più quelli extra europei. Tra questi i BRICS.

Un commento dell’ex Presidente della Commissione Europea, Romano Prodi, confermava questa valutazione e sosteneva che ormai il Mediterraneo non era più un mare “nostro”, ma di altri, con centri decisionali ben lontani da quest’area. D’altro canto, in Africa, con la nuova strategia “BRICS Plus” elaborata nel 2017, i BRICS si apprestano ad intervenire in modo coordinato sui principali asset economici del continente. Per l’Italia, e per l’Europa, tutto ciò è destinato ad avere pesanti conseguenze negative. Ne sanno qualcosa, ad esempio, i porti del Sud, che perdono ogni confronto con il Pireo o con i porti dell’Algeria e del Marocco; o i piani di sviluppo per il rilancio del Meridione che trovano forti ostacoli nel moltiplicarsi delle zone economiche speciali e degli accordi partenariato strategico tra gli Stati BRICS e quelli africani della sponda Sud del Mediterraneo.

In sostanza, tutto questo per dire che l’Italia ha un interesse obiettivo economico, prima ancora che politico, a promuovere una iniziativa di raccordo con i BRICS, da estendere eventualmente anche a livello europeo. Da qui la proposta maturata tra gli esperti del Laboratori di Eurispes nel 6° incontro del 12 giugno 2018: è urgente costruire una occasione, un tavolo di lavoro, una proposta organica da sottoporre alla valutazione del coordinamento dei BRICS per individuare una iniziativa da promuovere in comune, nell’area mediterranea o nel continente africano. Sarebbe un segno di attenzione e di svolta di grande valore per tutti. Per l’Italia, un modo per inserirsi nel quadro di opportunità che i BRICS stanno costruendo, e per gli stessi BRICS un importante riconoscimento del ruolo che comunque sono riusciti a costruirsi a livello mondiale. È un modello di collegamento e di coordinamento che alcuni esperti hanno definito del “5+1”, una espressione valida ed efficace.

Ultime notizie
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli
International

Lavoro, come individuare gli skills vincenti in un mondo che cambia

Per l'Italia, l'Eurispes parteciperà i prossimi 10 e 11 settembre alla 13^ Conferenza annuale della Rete Europea sui mercati del lavoro regionali – ENRLMM, in Gran Bretagna, che sarà dedicata proprio a questo tema
di Marco Ricceri
Attualità

Ferruccio de Bortoli: “Il partito del tanto peggio, tanto meglio”

Il Pd si è "accomodato sulla poltrona del "tanto peggio tanto meglio". Il Governo Lega CinqueStelle "ignora le regole a cominciare dai vincoli del debito pubblico e si sta isolando dall'Europa". Ferruccio De Bortoli disegna il suo ritratto dell'Italia
di Corrado Giustiniani