Ivrea è divenuta patrimonio Unesco, Adriano Olivetti la rese grande

Ivrea ce l’ha fatta: é stata accolta la candidatura per il riconoscimento da parte dell’Unesco come uno dei siti mondiali dell’umanità. E’ il cinquantaquattresimo sito Unesco italiano. Ivrea è la città della rivoluzione industriale del Novecento ma è soprattutto la patria di Adriano Olivetti e della sua città ideale, quella in cui riuscì a coniugare la cultura d’impresa con la crescita umana, economica e sociale del territorio e dei suoi abitanti e lavoratori. La decisione è stata presa durante i lavori del Comitato del Patrimonio mondiale che si sta svolgendo a Manama, in Bahrein.

Fondata nel 1908 da Camillo Olivetti, la città industriale di Ivrea rappresenta uno dei modelli di progetti economici e socio-culturali più moderni e illuminati dell’epoca. Fu proprio Adriano Olivetti a portare al successo l’azienda omonima che produceva macchine per scrivere, calcolatrici meccaniche e computer. Adriano Olivetti fu artefice di un modello di sviluppo che realizzò secondo lo schema e le idee del Movimento Comunità. La stessa forma della città e gli edifici urbani furono progettati dagli urbanisti più bravi, nella consapevolezza dell’importanza che il luogo di produzione non poteva non avere, per il benessere di chi vi trascorreva gran parte del tempo oltre che per quello di chi lo abitava. La città industriale di Ivrea finì col rappresentare un esempio concreto, tangibile, di un nuovo modo di produrre che coniugava profitto, qualità della vita, solidarietà sociale, crescita culturale.

Un luogo, una vera e propria comunità che rispondeva alla domanda di servizi e che prevedeva alloggi per i lavoratori, uffici, asili nido, mensa, servizi sociali, edifici per la produzione, ambienti per la fruizione di attività culturali. Una esperienza di produzione industriale all’avanguardia con una particolare attenzione alle persone, alla loro crescita, per uno sviluppo ecosostenibile e di qualità. Ma chi era Adriano Olivetti, artefice di questa utopica città ideale? Era un imprenditore nato nel 1901, ingegnere e figlio di Camillo, fondatore della Ing. C.Olivetti & C, la prima fabbrica italiana di macchine per scrivere. Adriano Olivetti fu promotore e realizzatore di un progetto industriale rivoluzionario. Per lui il profitto aziendale doveva essere reinvestito a beneficio della comunità e dei suoi membri. Fu uomo di cultura, impegnato in attività politiche e sociali, ma anche editore. Ingegnere del Politecnico, soggiornò negli Stati Uniti dove apprese le più innovative pratiche di organizzazione del lavoro e dell’azienda.

Convinto oppositore del regime fascista, si impegnò nell’azienda di famiglia – che portò al primo posto nel mondo nel settore dei prodotti per ufficio – per l’affermazione dei diritti umani e della democrazia partecipativa dentro la fabbrica. Fu cultore appassionato di letteratura, arte, storia, filosofia, urbanistica. Nel 1956 fu eletto sindaco di Ivrea e nel 1958 fu eletto in Parlamento candidandosi con il Movimento Comunità. Fu sostenitore del federalismo europeo e ciò in virtù del suo incontro con Altiero Spinelli durante l’esilio in Svizzera nel 1944. Un uomo lungimirante che volle riformare l’industria, creando un equilibrio tra solidarietà e profitto, convinto assertore dell’importanza della cultura e dell’arte per tutti i componenti di una comunità. Un grande italiano, tra quelli che hanno segnato il XX secolo. Il modello che creò, grazie al riconoscimento da parte dell’Unesco, viene oggi definitivamente consegnato alla memoria e alla storia. Un uomo che credeva nel lavoro come strumento di realizzazione umana, di crescita e di incontro. ’Lavorando ogni giorno tra le pareti della fabbrica e tra le macchine e i banchi e gli altri uomini per produrre qualcosa che vediamo correre nelle vie del mondo e ritornare a noi in salari che sono poi pane, vino e casa – scriveva Adriano – partecipiamo ogni giorno alla vita pulsante della fabbrica, alle sue cose più piccole e alle sue cose più grandi, e finiamo per amarla, per affezionarci e allora essa diventa veramente nostra, il lavoro diventa a poco a poco parte della nostra anima, diventa quindi una immensa forza spirituale”.

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale