Innovazione

Robot e l’intelligenza artificiale: come cambierà il mercato del lavoro

176

Il lavoro umano non potrà mai essere sostituito completamente dai robot o dalle intelligenze artificiali. Al contrario, l’intelligenza artificiale creerà nuove possibilità e figura professionali.
È questa una delle conclusioni a cui sono giunti l’Aidp – l’Associazione Italiana per la Direzione del Personale – e lo studio legale Labwaw che hanno presentato il primo rapporto su Robot, Intelligenza Artificiale e Lavoro.

L’operazione di proporre una fotografia per cercare di comprendere in che modo le aziende italiane stiano vivendo e accogliendo i processi di digitalizzazione e robotizzazione nel Paese, ha permesso di far emergere con nettezza un sostrato di problematicità irrisolte e di produrre, al contempo, un’oggettiva valutazione sulle potenzialità delle nuove tecnologie.
Le recenti turbolenze occupazionali, la necessità di individuare nuovi modelli di complementarietà tra l’uomo e la macchina, unitamente a una percezione distorta, spesso negativa, circa l’ingresso in azienda di IA o di robot industriali, sono alcuni dei motivi che hanno spinto Aidp e Labwaw a indagare in tale direzione.
Scopriamo allora i dati principali evidenziati dal rapporto.
Per cominciare, viene ribadito il ruolo centrale della figura umana, attrice imprescindibile e perno indispensabile allo sviluppo industriale, inquadrata però, come vedremo, sotto una nuova luce.
La ricerca ha evidenziato che le aziende non robotizzate si nutrono di aspettative e stereotipi – circa l’introduzione di IA e robot – fin troppo spesso non conformi alla realtà, così come è diffusa la preoccupazione che il peso di questa nuova rivoluzione industriale possa ricadere tutto sulle spalle dei lavoratori.
In Italia, stando al rapporto, il 61% delle aziende è pronta però a introdurre sistemi di intelligenza artificiale e robot nelle proprie organizzazioni. Questo con la convinzione che possano rendere il lavoro meno faticoso e più sicuro; un driver in grado di aumentare l’efficienza e la produttività e quindi di raggiungere nuovi obiettivi di business.
In oltre la metà delle aziende sottoposte al sondaggio, che utilizzano i sistemi di IA, impiegano i robot per lo più a supporto del lavoro delle persone: in estensione e non in sostituzione delle attività umane. Nello specifico, nei casi in cui è stata certificata la “sostituzione” di una mansione, ne è seguita la creazione di una molteplicità di nuovi profili professionali (come ad esempio: production & quality controller, IT specialist, addetto alla gestione e alla manutenzione dei robot, ecc).
Un altro dato assai interessante riguarda proprio i lavoratori. Evidenti sono infatti i miglioramenti per i carichi di lavoro e per gli aspetti che riguardano la sicurezza. L’atteggiamento di chi lavora in aziende già robotizzate, inoltre, conferma tali vantaggi e smentisce le principali perplessità di chi non lavora in realtà robotizzate.
In conclusione, l’83% delle aziende robotizzate fornisce un bilancio assolutamente positivo dell’impatto che l’adozione di IA e robot ha avuto nelle proprie realtà organizzative.
Per tornare al postulato iniziale, manager e aziende sono straconvinti (89%) che i robot e le IA non potranno mai sostituire del tutto il lavoro delle persone: verranno a crearsi invece, come è sempre successo nel corso della storia, nuovi ruoli, nuove funzioni e nuove posizioni lavorative di cui spesso oggi neanche conosciamo il nome. Scompariranno, o meglio, subiranno una profonda trasformazione i lavori a più basso contenuto professionale: si passerà sempre più dalla manualità ad attività di concetto e, di conseguenza, si registrerà l’esclusione dal mercato del lavoro di chi è meno scolarizzato e qualificato.
Tali problematicità sono già presenti e ben diffuse già oggi, anche a causa di una mancata riflessione preventiva che sarebbe dovuta avvenire almeno una quindicina di anni fa.
Aidp e Labwaw indicano nella formazione continua di qualità una possibile strada per rispondere agli interrogativi industriali. Oggi, infatti, non esiste un sistema educativo in grado di riqualificare la forza lavoro e di formare tutte le figure che serviranno nei prossimi anni. In questo schema dove il mercato si adegua alla rivoluzione tecnologica senza scendere a compromessi con nessuno, è necessario compensare al più presto il differenziale tra la velocità dell’innovazione e la velocità dell’apprendimento, attraverso un potenziamento del sistema universitario e dei sistemi di placement.

Ultime notizie
Osservatori

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot