Innovazione

Robot e l’intelligenza artificiale: come cambierà il mercato del lavoro

156

Il lavoro umano non potrà mai essere sostituito completamente dai robot o dalle intelligenze artificiali. Al contrario, l’intelligenza artificiale creerà nuove possibilità e figura professionali.
È questa una delle conclusioni a cui sono giunti l’Aidp – l’Associazione Italiana per la Direzione del Personale – e lo studio legale Labwaw che hanno presentato il primo rapporto su Robot, Intelligenza Artificiale e Lavoro.

L’operazione di proporre una fotografia per cercare di comprendere in che modo le aziende italiane stiano vivendo e accogliendo i processi di digitalizzazione e robotizzazione nel Paese, ha permesso di far emergere con nettezza un sostrato di problematicità irrisolte e di produrre, al contempo, un’oggettiva valutazione sulle potenzialità delle nuove tecnologie.
Le recenti turbolenze occupazionali, la necessità di individuare nuovi modelli di complementarietà tra l’uomo e la macchina, unitamente a una percezione distorta, spesso negativa, circa l’ingresso in azienda di IA o di robot industriali, sono alcuni dei motivi che hanno spinto Aidp e Labwaw a indagare in tale direzione.
Scopriamo allora i dati principali evidenziati dal rapporto.
Per cominciare, viene ribadito il ruolo centrale della figura umana, attrice imprescindibile e perno indispensabile allo sviluppo industriale, inquadrata però, come vedremo, sotto una nuova luce.
La ricerca ha evidenziato che le aziende non robotizzate si nutrono di aspettative e stereotipi – circa l’introduzione di IA e robot – fin troppo spesso non conformi alla realtà, così come è diffusa la preoccupazione che il peso di questa nuova rivoluzione industriale possa ricadere tutto sulle spalle dei lavoratori.
In Italia, stando al rapporto, il 61% delle aziende è pronta però a introdurre sistemi di intelligenza artificiale e robot nelle proprie organizzazioni. Questo con la convinzione che possano rendere il lavoro meno faticoso e più sicuro; un driver in grado di aumentare l’efficienza e la produttività e quindi di raggiungere nuovi obiettivi di business.
In oltre la metà delle aziende sottoposte al sondaggio, che utilizzano i sistemi di IA, impiegano i robot per lo più a supporto del lavoro delle persone: in estensione e non in sostituzione delle attività umane. Nello specifico, nei casi in cui è stata certificata la “sostituzione” di una mansione, ne è seguita la creazione di una molteplicità di nuovi profili professionali (come ad esempio: production & quality controller, IT specialist, addetto alla gestione e alla manutenzione dei robot, ecc).
Un altro dato assai interessante riguarda proprio i lavoratori. Evidenti sono infatti i miglioramenti per i carichi di lavoro e per gli aspetti che riguardano la sicurezza. L’atteggiamento di chi lavora in aziende già robotizzate, inoltre, conferma tali vantaggi e smentisce le principali perplessità di chi non lavora in realtà robotizzate.
In conclusione, l’83% delle aziende robotizzate fornisce un bilancio assolutamente positivo dell’impatto che l’adozione di IA e robot ha avuto nelle proprie realtà organizzative.
Per tornare al postulato iniziale, manager e aziende sono straconvinti (89%) che i robot e le IA non potranno mai sostituire del tutto il lavoro delle persone: verranno a crearsi invece, come è sempre successo nel corso della storia, nuovi ruoli, nuove funzioni e nuove posizioni lavorative di cui spesso oggi neanche conosciamo il nome. Scompariranno, o meglio, subiranno una profonda trasformazione i lavori a più basso contenuto professionale: si passerà sempre più dalla manualità ad attività di concetto e, di conseguenza, si registrerà l’esclusione dal mercato del lavoro di chi è meno scolarizzato e qualificato.
Tali problematicità sono già presenti e ben diffuse già oggi, anche a causa di una mancata riflessione preventiva che sarebbe dovuta avvenire almeno una quindicina di anni fa.
Aidp e Labwaw indicano nella formazione continua di qualità una possibile strada per rispondere agli interrogativi industriali. Oggi, infatti, non esiste un sistema educativo in grado di riqualificare la forza lavoro e di formare tutte le figure che serviranno nei prossimi anni. In questo schema dove il mercato si adegua alla rivoluzione tecnologica senza scendere a compromessi con nessuno, è necessario compensare al più presto il differenziale tra la velocità dell’innovazione e la velocità dell’apprendimento, attraverso un potenziamento del sistema universitario e dei sistemi di placement.

Ultime notizie
Gioco

Il Governo “a senso unico” dei giochi. L’azzardo finanzia il Reddito di cittadinanza con 1,5 mld

"Siamo di fronte ad un governo dei giochi a senso unico: mentre l’obiettivo nobile “da campagna elettorale” è quello di contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il risultato concreto è quello di utilizzare il settore per esigenze di finanza, senza incidere realmente sulla lotta alla ludopatia”.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Innovazione

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David "Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete".
di Massimiliano Cannata
Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. Il ricordo di Bruno Tucci, Roberto Natale e Gian Maria Fara.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Era Meglio Prima! Oppure no? Saggio breve contro i piagnucolosi e i brontoloni

Avete due ore di tempo? Che so: un pomeriggio di pioggia; un post-prandiale domenicale; un trasferimento in aereo o treno da riempire....
di Alberto Mattiacci
Politica

Vincoli di bilancio, investimenti al minimo storico ma gli “avanzi disponibili” ammontano a 5,3 mld

Nel 2017 gli investimenti degli Enti locali hanno toccato il minimo storico. Eppure, l'ammontare delle somme potenzialmente spendibili ha raggiunto i 5,3 mld di euro.
di redazione
Informazione

Lutto nel giornalismo. Oggi i funerali di Gino Falleri a Roma

Lutto nel mondo del giornalismo. Si celebrano martedì nella parrocchia di San Mattia, alle ore 15, i funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, socio, fondatore e consigliere dell'Eurispes.
di redazione
Società

Festa del Papà: padri ottimisti, figli spaventati dal futuro. La ricerca

In occasione della Festa del Papà, l’Eurispes ha voluto focalizzare l’attenzione sull’opinione e la situazione degli uomini italiani rispetto ad alcuni aspetti della vita quotidiana.
di redazione
Economia

Politica industriale: la nuova Europa dei players globali secondo il Manifesto franco-tedesco

Francia e Germania, in occasione della presentazione del Manifesto franco-tedesco di politica industriale europea, hanno chiarito le posture dei due Paesi rispetto al futuro della concorrenza intra-Ue.
di Antonio De Chiara
Economia

La Cina è vicina. Belt and Road, la nuova Via della Seta è già realtà

Il Presidente della Repubblica Cinese viene in Italia a perfezionare la nuova Via della Seta, un’iniziativa strategica per il miglioramento dei collegamenti commerciali con i paesi nell’Eurasia. E all’improvviso c'è chi si è ricordato del porto di Palermo e del progetto dell’Eurispes.
di Alfonso Lo Sardo
Ambiente

Ambiente, l’emergenza clima non è una “moda”. I giovani ne sanno più degli adulti

La questione ambientale non è una moda e dopo il Global Climate Strike For Future, la protesta del 15 marzo, nessuno potrà più dire di non sapere. Con un totale di 2083 eventi, in 125 paesi, la protesta ha raggiunto ogni continente della Terra.
di Matteo Bruno Ricozzi