Economia

Robot e l’intelligenza artificiale: come cambierà il mercato del lavoro

109

Il lavoro umano non potrà mai essere sostituito completamente dai robot o dalle intelligenze artificiali. Al contrario, l’intelligenza artificiale creerà nuove possibilità e figura professionali.
È questa una delle conclusioni a cui sono giunti l’Aidp – l’Associazione Italiana per la Direzione del Personale – e lo studio legale Labwaw che hanno presentato il primo rapporto su Robot, Intelligenza Artificiale e Lavoro.

L’operazione di proporre una fotografia per cercare di comprendere in che modo le aziende italiane stiano vivendo e accogliendo i processi di digitalizzazione e robotizzazione nel Paese, ha permesso di far emergere con nettezza un sostrato di problematicità irrisolte e di produrre, al contempo, un’oggettiva valutazione sulle potenzialità delle nuove tecnologie.
Le recenti turbolenze occupazionali, la necessità di individuare nuovi modelli di complementarietà tra l’uomo e la macchina, unitamente a una percezione distorta, spesso negativa, circa l’ingresso in azienda di IA o di robot industriali, sono alcuni dei motivi che hanno spinto Aidp e Labwaw a indagare in tale direzione.
Scopriamo allora i dati principali evidenziati dal rapporto.
Per cominciare, viene ribadito il ruolo centrale della figura umana, attrice imprescindibile e perno indispensabile allo sviluppo industriale, inquadrata però, come vedremo, sotto una nuova luce.
La ricerca ha evidenziato che le aziende non robotizzate si nutrono di aspettative e stereotipi – circa l’introduzione di IA e robot – fin troppo spesso non conformi alla realtà, così come è diffusa la preoccupazione che il peso di questa nuova rivoluzione industriale possa ricadere tutto sulle spalle dei lavoratori.
In Italia, stando al rapporto, il 61% delle aziende è pronta però a introdurre sistemi di intelligenza artificiale e robot nelle proprie organizzazioni. Questo con la convinzione che possano rendere il lavoro meno faticoso e più sicuro; un driver in grado di aumentare l’efficienza e la produttività e quindi di raggiungere nuovi obiettivi di business.
In oltre la metà delle aziende sottoposte al sondaggio, che utilizzano i sistemi di IA, impiegano i robot per lo più a supporto del lavoro delle persone: in estensione e non in sostituzione delle attività umane. Nello specifico, nei casi in cui è stata certificata la “sostituzione” di una mansione, ne è seguita la creazione di una molteplicità di nuovi profili professionali (come ad esempio: production & quality controller, IT specialist, addetto alla gestione e alla manutenzione dei robot, ecc).
Un altro dato assai interessante riguarda proprio i lavoratori. Evidenti sono infatti i miglioramenti per i carichi di lavoro e per gli aspetti che riguardano la sicurezza. L’atteggiamento di chi lavora in aziende già robotizzate, inoltre, conferma tali vantaggi e smentisce le principali perplessità di chi non lavora in realtà robotizzate.
In conclusione, l’83% delle aziende robotizzate fornisce un bilancio assolutamente positivo dell’impatto che l’adozione di IA e robot ha avuto nelle proprie realtà organizzative.
Per tornare al postulato iniziale, manager e aziende sono straconvinti (89%) che i robot e le IA non potranno mai sostituire del tutto il lavoro delle persone: verranno a crearsi invece, come è sempre successo nel corso della storia, nuovi ruoli, nuove funzioni e nuove posizioni lavorative di cui spesso oggi neanche conosciamo il nome. Scompariranno, o meglio, subiranno una profonda trasformazione i lavori a più basso contenuto professionale: si passerà sempre più dalla manualità ad attività di concetto e, di conseguenza, si registrerà l’esclusione dal mercato del lavoro di chi è meno scolarizzato e qualificato.
Tali problematicità sono già presenti e ben diffuse già oggi, anche a causa di una mancata riflessione preventiva che sarebbe dovuta avvenire almeno una quindicina di anni fa.
Aidp e Labwaw indicano nella formazione continua di qualità una possibile strada per rispondere agli interrogativi industriali. Oggi, infatti, non esiste un sistema educativo in grado di riqualificare la forza lavoro e di formare tutte le figure che serviranno nei prossimi anni. In questo schema dove il mercato si adegua alla rivoluzione tecnologica senza scendere a compromessi con nessuno, è necessario compensare al più presto il differenziale tra la velocità dell’innovazione e la velocità dell’apprendimento, attraverso un potenziamento del sistema universitario e dei sistemi di placement.

Ultime notizie
Politica

Migranti, Arci: «Calpestati i diritti: il Pd ha alzato la palla a Salvini»

Migranti e Decreto Sicurezza: Filippo Miraglia, responsabile per l’immigrazione dell’Arci: «Stiamo calpestando decenni di conquiste della democrazia. Ci vorranno tanti anni per uscirne fuori»
di Corrado Giustiniani
Gioco

Gioco legale in Puglia. Si apre la fase di riflessione

Il 27 ottobre scorso a Bari, l’Eurispes ha presentato il rapporto Gioco legale e dipendenze in Puglia, realizzato nel quadro delle attività...
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Politica

L’offerta politica nella postmodernità liquida. La visione M5S del grappolo

In uno dei primi passi di quel lento pensiero lungo che è Modernità Liquida, il grande sociologo Zygmunt Bauman afferma: «alcuni degli...
di Alberto Mattiacci
Informazione

Fake news, quando a “barare” era il Vaticano. Lo studio

Fake news e informazione manipolata nella storia della Chiesa. Alessandro Corvisieri compie una vera e propria analisi filologica dei testi di Ludwing Von Pastor scritti alla fine del 1800, su commissione di Papa Leone XIII
di Diego Sambucini
Immigrazione

Immigrazione, centri d’accoglienza “decapitati” dai nuovi bandi

Una scelta improntata esclusivamente al drastico taglio dei fondi, con la conseguenza di determinare un peggioramento delle condizioni di accoglienza per i richiedenti asilo. Il quadro tracciato da In Migrazione nell’analizzare i nuovi bandi di gara
di Marco Omizzolo
Recensioni

Governo Lega-M5S. Miseria e nobiltà dello strumento “contratto”

Lega e M5S legati da un “contratto di Governo”. La politica e il contratto. Nel saggio di Fabrizio Di Marzio, La politica e il contratto, la ricchezza, i limiti, la miseria e la nobiltà dello strumento contrattuale che oggi domina in tutti i campi.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Democrazia in crisi, Lazar: “Più Balotelli per rinnovare la politica”

Nel processo di ripensamento del capitalismo, abbiamo dimenticato il ruolo dei sindacati e dei corpi intermedi. Il politicolo Marc Lazar ha affrontato il tema inquadrandolo nella difficile partita di un’Europa che si prepara al voto
di Massimiliano Cannata
Europa

Europa e diritto d’autore. Copy (and Paste) right. Con chi stiamo?

Il Parlamento Europeo approva la direttiva “Il diritto d’autore nel mercato unico digitale”. L’approvazione della Direttiva Ue è piombata sul Vecchio Continente come un meteorite: un gran polverone e tutti lì a correre e strillare
di Alberto Mattiacci
Attualità

Eccidio Fosse Ardeatine, ecco il prototipo che ricostruisce le stragi

Un archivio virtuale con documenti inediti, oggetti e reperti sull’eccidio delle Fosse Ardeatine. Si chiama ViBiA la piattaforma che ha permesso di ricostruire nel dettaglio le 48 ore precedenti la strage del 24 marzo 1944
di Diego Sambucini
Informazione

Da “sapiens” a “stupidus”: l’uomo digitale verso la barbarie

L'uomo a rischio autismo digitale, da “sapiens” sta diventando “stupidus”. Lo scrive Vittorino Andreoli, uno dei più noti psichiatri italiani, nel suo ultimo saggio Homo Stupidus Stupidus. "Si va verso la barbarie"
di Massimiliano Cannata