Scontro Governo-Regioni: a Speranza l’ultima parola

La settimana dell’informazione è in gran parte assorbita dall’ulteriore aggravarsi dei contagi e dai nuovi provvedimenti, che da venerdì ridisegnano il Paese dividendolo in 3 zone a differenti livelli di rischio: 25 le aperture. In primo piano dunque lo scontro Governo-Regioni. Per il resto, le elezioni negli Stati Uniti in più occasioni riescono a rubare la scena alla battaglia contro il Covid.  Questi alcuni degli aspetti più importanti emersi nell’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza nella settimana dal 2 al 6 novembre.

Il varo, martedì, del nuovo Dpcm, con il ritorno di misure da lockdown per diverse Regioni, si accompagna ad una crescente tensione tra Governo e territori. La voce della protesta si esprime con maggior forza sui Tg Mediaset, i quali illustrano ampiamente gli effetti dei provvedimenti sulle categorie più colpite; attenzione anche alle iniziative messe in atto a livello locale, con il Tg4 di giovedì che dedica un titolo alla “babele di ordinanze” avanzate da sindaci e comuni “lasciati a se stessi”. La voce dell’esecutivo è, comunque, quella più presente, con gli interventi del Ministro Speranza (citato in 12 titoli) che assieme al Premier Conte risponde alle critiche di Fontana e degli altri governatori. Spazi rilevanti anche per gli appelli all’unità del Presidente Mattarella (spiccano in altre 12 titolazioni).

Con l’aumento dei ricoverati e delle vittime l’attenzione del prime time torna a concentrarsi sulle strutture sanitarie, con il Tg5 che giovedì denuncia il superamento della “soglia critica” del 40% dei posti occupati in terapia intensiva. Nonostante questi dati, le valutazioni degli analisti restano positive, con Zangrillo che – intervistato lunedì dal Tg4 – si mostra comunque ottimista, dato il minor numero di vittime. Venerdì la parola passa alle immagini, con diversi servizi dedicati alle atmosfere lunari di piazze e strade famose delle città del Nord finite in zona rossa e di nuovo spettralmente vuote.

Tra gli approfondimenti del prime time spicca quello del Tg La7 di lunedì sullo stato delle RSA nel Paese dove nel corso della prima ondata si sono registrati il 40% dei decessi. A commento del servizio, Milena Gabanelli e Mentana hanno lanciato all’unisono un appello al Ministro Speranza, denunciando la grave disorganizzazione che ancora governa questo importante settore dell’assistenza, nel quale si palesa una situazione “fuori controllo” che non sembra aver tratto alcuna lezione dalle migliaia di morti dei mesi primaverili.

Presidenziali, scontro all’ultimo voto. Il prime time “elegge” Biden. Tg2 rinuncia alla difesa di Trump

L’attesa per i risultati delle elezioni del 4 novembre, con lo scontro all’ultimo voto tra Biden e Trump negli Stati contesi, domina con 47 titoli la pagina degli esteri. In uno scenario reso torbido dalla comunicazione del Presidente Trump – che tra mercoledì e venerdì ha denunciato a più riprese brogli e manipolazioni del voto postale – il prime time si schiera presto dalla parte del candidato democratico, con il Tg5 che giovedì invita il commentatore Carlo Rossella, per il quale «l’America di Biden non sarà isolazionista». Venerdì è il Tg1 a proporre un servizio sugli effetti delle contestazioni di Trump, che non solo “rendono difficile una transizione ordinata” alla guida del paese, ma rischiano anche di soffiare sulle tensioni sociali (riprese nei titoli da tutti).

Davanti a questo scenario neppure la testata più “trumpiana” (Tg2) sembra voler difendere a spada tratta le rivendicazioni del Presidente USA. Il Tg di Sangiuliano venerdì evita anche d’esprimersi sul fatto del giorno: la “censura” operata da alcuni grandi network americani alle ultime dichiarazioni di Trump, con la ABC, la CBS e la NBC che hanno interrotto la diretta della sua conferenza stampa perché «il Presidente stava dando una serie di informazioni false». Proprio su questo tema è il Tg4 a promuovere la riflessione più interessante, coinvolgendo Molinari di la Repubblica, Serracchiani del Pd e Fidanza di Fratelli d’Italia.

Terrorismo e profughi: i Tg tornano a parlare di “sicurezza”. Gigi Proietti, Roma saluta l’ultimo “mattatore”

L’attacco nella notte di martedì per le strade di Vienna agita le edizioni (titolo per tutti mercoledì), e contribuisce a riportare l’attenzione sul tema della sicurezza. Doppio titolo per Tg4 e Studio Aperto per il nuovo piano sugli sbarchi della Ministra Lamorgese, attuato in collaborazione con Francia e Tunisia, parlando di un “blocco anti-migranti” che ricicla le ricette del Centro-destra. Nonostante il riaccendersi dell’interesse sul fenomeno migratorio mancano, in molti servizi, riferimenti ai dati degli sbarchi.

Il passaggio della legge Zan, per il contrasto all’omotransfobia – le misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi legati a sesso, genere, orientamento e disabilità – figura mercoledì solo in un titolo del Tg3, con spazi anche per Studio Aperto.

L’inattesa scomparsa di Gigi Proietti all’età di 80 anni, è molto presente: 15 i titoli tra martedì e giovedì, con ampi spazi nei servizi all’omaggio della Capitale per “l’ultimo mattatore”.

 
 
Ultime notizie
Osservatori

Web tax: il 2021 sarà l’anno della svolta?

Il tema della tassazione dei grandi colossi del Web è da tempo al centro del dibattito mondiale. Queste multinazionali (Google, Apple, Facebook...
di Giovambattista Palumbo*
Video

La luce, oltre la siepe

Quante volte vi siete chiesti: quando finirà? E quante volte vi siete sentiti rispondere: quando arriverà un vaccino. Ora sembra che stia...
di Emilio Albertario
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*
Società

Disuguaglianza di genere e violenza sulle donne. Un’emergenza nell’emergenza

La violenza di genere è un fenomeno che affonda le sue radici nella disuguaglianza di genere e persiste nell’affermarsi come una fra le più importanti violazioni dei diritti umani in tutte le società. Non a caso, è stata definita dall’ONU come un “flagello mondiale”.
di Lavinia Ferrari e Giulia Putzolu
Criminalità e contrasto

L’evasione fiscale brucia ogni secondo lo stipendio annuale di un infermiere

Il primo studio sullo Stato della giustizia fiscale realizzato da Tax Justice Network indica che ogni anno vanno in fumo 427 miliardi di dollari a causa dell’evasione fiscale. La fetta maggiore di evasione è praticata dalle multinazionali, che anziché pagare le tasse dovute al paese in cui originano e operano, trasferiscono la sede legale nei paradisi fiscali.
di Roberta Rega
Cultura

I primi cento anni di Gianni Rodari, genio “riverente” della letteratura per l’infanzia

Che cosa avrebbe pensato Gianni Rodari delle tante attenzioni che ha ricevuto in occasione della recente ricorrenza del centenario della nascita? Abbiamo pensato di rendergli omaggio con l’aiuto dei suoi critici più attenti: i bambini.
di Giuseppe Pulina
Lavoro

Gig economy e nuove frontiere del lavoro. Quali diritti per i riders?

La Gig economy è l’emblema di un sistema di produzione avanzato e non retrogrado, normato e fondato sul rapporto fra coloro che utilizzano il lavoro umano e coloro che invece lo forniscono, comprendendo una gamma assai ampia di lavoro autonomo fasullo. Anche l’Italia è investita da questo fenomeno, in particolar modo per quanto riguarda i riders.
di Marco Omizzolo
Intervista

11 milioni di italiani con meno cure. Sanità non è solo fermare il Covid

La prima ondata della pandemia ha causato importanti disagi e ripercussioni a carico degli undici milioni di cittadini affetti dalle patologie diverse dal Covid, cioè i pazienti oncologici, ematologici e cardiologici. Intervista al Prof. Francesco Cognetti Presidente Federazione Foce.
di Emilio Albertario
Cultura

Gli Hate speech online, quando la comunicazione dell’odio è organizzata

Nella Rete l’hate speech inizia ad essere sempre meno legato allo spontaneismo digitale e sempre più legato al fenomeno dei cosiddetti appaltatori dell’odio. L’intervento dell’Avv. Prof. Roberto De Vita, Presidente dell’Osservatorio Cybersecurity dell’Eurispes alla conferenza online promossa da Unar.
di Roberto De Vita