Solidarietà collettiva: il volontariato

Secondo le rilevazioni Eurispes del Rapporto Italia 2015, nel clima di generale sfiducia degli italiani nelle istituzioni, Volontariato e Protezione civile fanno il pieno di consensi. Il primo registra infatti un 78,8%, con una crescita del 4,3% rispetto al 2014; la Protezione civile, invece, segna addirittura un aumento dell’11,8% e raggiunge il 70% dei consensi.

Il no profit nostrano ha ormai ottenuto il suo pubblico e ufficiale riconoscimento come settore trainante della società e dell’economia italiane. Il mondo del volontariato, infatti, fa parte a pieno titolo di quelle infrastrutture civiche  capaci di direzionare le politiche sociali sul territorio.

Sicuramente conoscere meglio il mondo del volontariato può portare molti benefici, incrementando la fiducia, incoraggiando l’impegno, superando l’approccio meramente sensazionalistico e contribuendo a determinare prospettive e priorità nella cura e tutela del bene comune.

L’esigenza di poter contare su informazioni prodotte in autonomia e in grado di raccontare che cosa sono e che cosa fanno le OdV nasce proprio da qui: realizzare una Banca Dati Unitaria per tutte le organizzazioni presenti sul territorio nazionale.

Dai dati forniti dal Report Nazionale sulle Organizzazioni di Volontariato censite dal sistema dei Centri di Servizio per il Volontariato emerge una fotografia inedita del volontariato italiano, particolarmente diffuso e variegato.

I valori assoluti della realtà presa in considerazione, che supera le 44mila Organizzazioni, premiano le regioni più popolose: il 55% delle OdV hanno sede legale in Lombardia, Toscana, Lazio, Piemonte ed Emilia Romagna. Si pensi che solo in Lombardia risiede il 18% del totale delle OdV italiane.

Rapportando il numero di OdV al numero di abitanti, sono 7 le regioni che hanno più di una OdV ogni 1.000 abitanti, e il rapporto più elevato si registra in Friuli Venezia Giulia e in Valle d’Aosta.

Il 67% delle OdV è un’associazione non riconosciuta e l’83% ha la qualifica fiscale di onlus. La metà delle organizzazioni opera con meno di 16 volontari; solo il 15% delle OdV ha un numero di volontari superiore a 50. Il 50% delle organizzazioni conta meno di 60 soci e poco più del 10% ha una base associativa molto estesa, con più di 500 soci.

L’analisi dei nomi, o meglio delle denominazioni delle OdV offre uno scorcio suggestivo su questo mondo. I soggetti più citati nelle denominazioni scelte dalle singole organizzazioni sono “famiglia”, “anziani” e “genitori”, seguiti da “donne”, “bambini” e “disabili”: è il nucleo familiare il target delle associazioni no-profit, e all’interno di esso, i soggetti più deboli.

Tra le parole utilizzate più di frequente nelle medesime denominazioni troviamo “amici”, “insieme”, “sorriso”, a ribadire i concetti di sostegno, condivisione e solidarietà che si pongono a fondamenta di ogni realtà di volontariato.

Attraverso l’analisi delle finalità, cioè di come le OdV descrivono la loro mission e i propri obiettivi è utile a comprenderne i tratti distintivi: troviamo ai primi posti la promozione, l’assistenza, la donazione, ma anche la sensibilizzazione, la tutela e l’educazione. La maggior parte opera nel campo dell’assistenza sociale e della sanità: da sole queste due classi racchiudono il 55% del totale delle realtà monitorate. Seguono le organizzazioni che si occupano di cultura, sport e ricreazione. Oltre 2.000 le OdV impegnate nella difesa del territorio, sia che si tratti del servizio di protezione civile, sia della tutela dell’ambiente, mentre la tutela dei diritti impegna oltre 1.500 OdV sul territorio nazionale.

È stato così possibile disegnare una road map condivisa per tutti gli operatori del settore del volontariato , in una sorta di auto-fotografia – un selfie -che le organizzazioni stesse hanno scattato. Il lavoro realizzato si colloca in primo piano all’interno del ruolo e della missione dei Centri di Servizio per il Volontariato – che trova origine, senso forza e prospettiva se ancorato alle OdV stesse, di cui sono al contempo espressione e strumento.

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento