Solidarietà collettiva: il volontariato

Secondo le rilevazioni Eurispes del Rapporto Italia 2015, nel clima di generale sfiducia degli italiani nelle istituzioni, Volontariato e Protezione civile fanno il pieno di consensi. Il primo registra infatti un 78,8%, con una crescita del 4,3% rispetto al 2014; la Protezione civile, invece, segna addirittura un aumento dell’11,8% e raggiunge il 70% dei consensi.

Il no profit nostrano ha ormai ottenuto il suo pubblico e ufficiale riconoscimento come settore trainante della società e dell’economia italiane. Il mondo del volontariato, infatti, fa parte a pieno titolo di quelle infrastrutture civiche  capaci di direzionare le politiche sociali sul territorio.

Sicuramente conoscere meglio il mondo del volontariato può portare molti benefici, incrementando la fiducia, incoraggiando l’impegno, superando l’approccio meramente sensazionalistico e contribuendo a determinare prospettive e priorità nella cura e tutela del bene comune.

L’esigenza di poter contare su informazioni prodotte in autonomia e in grado di raccontare che cosa sono e che cosa fanno le OdV nasce proprio da qui: realizzare una Banca Dati Unitaria per tutte le organizzazioni presenti sul territorio nazionale.

Dai dati forniti dal Report Nazionale sulle Organizzazioni di Volontariato censite dal sistema dei Centri di Servizio per il Volontariato emerge una fotografia inedita del volontariato italiano, particolarmente diffuso e variegato.

I valori assoluti della realtà presa in considerazione, che supera le 44mila Organizzazioni, premiano le regioni più popolose: il 55% delle OdV hanno sede legale in Lombardia, Toscana, Lazio, Piemonte ed Emilia Romagna. Si pensi che solo in Lombardia risiede il 18% del totale delle OdV italiane.

Rapportando il numero di OdV al numero di abitanti, sono 7 le regioni che hanno più di una OdV ogni 1.000 abitanti, e il rapporto più elevato si registra in Friuli Venezia Giulia e in Valle d’Aosta.

Il 67% delle OdV è un’associazione non riconosciuta e l’83% ha la qualifica fiscale di onlus. La metà delle organizzazioni opera con meno di 16 volontari; solo il 15% delle OdV ha un numero di volontari superiore a 50. Il 50% delle organizzazioni conta meno di 60 soci e poco più del 10% ha una base associativa molto estesa, con più di 500 soci.

L’analisi dei nomi, o meglio delle denominazioni delle OdV offre uno scorcio suggestivo su questo mondo. I soggetti più citati nelle denominazioni scelte dalle singole organizzazioni sono “famiglia”, “anziani” e “genitori”, seguiti da “donne”, “bambini” e “disabili”: è il nucleo familiare il target delle associazioni no-profit, e all’interno di esso, i soggetti più deboli.

Tra le parole utilizzate più di frequente nelle medesime denominazioni troviamo “amici”, “insieme”, “sorriso”, a ribadire i concetti di sostegno, condivisione e solidarietà che si pongono a fondamenta di ogni realtà di volontariato.

Attraverso l’analisi delle finalità, cioè di come le OdV descrivono la loro mission e i propri obiettivi è utile a comprenderne i tratti distintivi: troviamo ai primi posti la promozione, l’assistenza, la donazione, ma anche la sensibilizzazione, la tutela e l’educazione. La maggior parte opera nel campo dell’assistenza sociale e della sanità: da sole queste due classi racchiudono il 55% del totale delle realtà monitorate. Seguono le organizzazioni che si occupano di cultura, sport e ricreazione. Oltre 2.000 le OdV impegnate nella difesa del territorio, sia che si tratti del servizio di protezione civile, sia della tutela dell’ambiente, mentre la tutela dei diritti impegna oltre 1.500 OdV sul territorio nazionale.

È stato così possibile disegnare una road map condivisa per tutti gli operatori del settore del volontariato , in una sorta di auto-fotografia – un selfie -che le organizzazioni stesse hanno scattato. Il lavoro realizzato si colloca in primo piano all’interno del ruolo e della missione dei Centri di Servizio per il Volontariato – che trova origine, senso forza e prospettiva se ancorato alle OdV stesse, di cui sono al contempo espressione e strumento.

 

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare