Spreco di cibo nei supermercati: ecco le principali cause secondo gli esperti

Nell’opinione pubblica è diffusa l’idea che nei supermercati si sprechi moltissimo cibo. Effettivamente, ogni giorno, vengono ritirati dalla vendita molti prodotti che si avvicinano alla scadenza: frutta e verdura ormai non più freschi, pane rimasto invenduto e prodotti da frigo che si avvicinano alla scadenza. Recenti ricerche svolte in Italia dal progetto Reduce – finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – hanno quantificato questo spreco in 18,7 kg per anno, in media, per ogni metro quadro di superficie di vendita. A livello nazionale si tratta di oltre 220.000 tonnellate di cibo buttato nella fase distributiva. Nonostante si tratti di una quantità notevole, va rimarcato che queste cifre sono inferiori di diversi ordini di grandezza rispetto alla quantità di cibo che viene gettata in casa dalle famiglie.

A livello europeo, si stima che lo spreco prodotto nella distribuzione ammonti appena al 5% del totale del cibo buttato. Tuttavia, ridurre lo spreco in questa fase della filiera è di primaria importanza, per almeno due motivi. Innanzitutto, perché molti dei prodotti alimentari smaltiti nei supermercati sono ancora perfettamente consumabili quando vengono tolti dagli scaffali. Secondo, perché le politiche commerciali adottate dai distributori hanno un grande effetto sul comportamento dei consumatori e delle aziende del settore alimentare. In altri termini, se la distribuzione attuasse strategie strutturali per limitare lo spreco, queste potrebbero essere in grado di influenzare nello stesso senso anche gli attori a monte e a valle della filiera. Un aspetto chiave delle ricerche sugli sprechi nella distribuzione è, quindi, capire le cause del fenomeno, per poter agire al meglio contro la generazione degli sprechi. Gli studi già svolti su questo tema si sono basati più che altro sui dati registrati dai supermercati stessi come “svalorizzazioni”, cioè prodotti che vengono tolti dalla vendita perché rimasti invenduti. Si tratta per lo più di dati secondari, acquisiti senza un confronto diretto con chi ogni giorno gestisce gli scaffali dei punti vendita.

Nel corso del progetto Reduce – che ha coinvolto 16 supermercati e ipermercati italiani – all’acquisizione di questi dati si è affiancata anche una intensa attività di indagine sulla percezione del fenomeno dello spreco alimentare da parte di chi, nei negozi, lavora ogni giorno. 67 addetti, responsabili dei reparti più colpiti dal fenomeno dello spreco, sono stati coinvolti in sessioni di discussione partecipata sulle cause dello spreco nei supermercati. I partecipanti, dopo essere stati divisi in gruppi di massimo 10 persone, sono stati invitati a scrivere su dei post-it quali sono, secondo loro, le cause per le quali i prodotti alimentari vengono gettati. Proprio da questi bigliettini, posizionati su un cartellone, è partita la discussione guidata da un facilitatore. Ognuna delle cause indicate è stata approfondita, invitando i partecipanti a proporre le proprie riflessioni e giungendo, nel corso della discussione, ad associare cause diverse in macro-argomenti. La figura riporta i vocaboli maggiormente ricorrenti nei bigliettini scritti dai partecipanti, i quali permettono di identificare le cause più rilevanti degli sprechi alimentari nella distribuzione. Come era prevedibile, diversi temi sono riconducibili alle cause dello spreco già identificate dagli studi scientifici svolti tramite elaborazione di dati secondari.

Prima tra tutti, la gestione degli ordinativi, che comporta l’oggettiva difficoltà di prevedere quanta merce sarà necessaria per tenere pieni gli scaffali del punto vendita; proprio la tendenza a fare ordinativi a lunga scadenza, magari cautelandosi per evitare di rimanere a corto di qualche referenza, fa sì che si verifichi un surplus di prodotti, che rimangono poi invenduti. Questo problema è particolarmente sentito nel caso degli ordinativi per le offerte promozionali, per i quali il successo o meno della promozione determina la quantità di prodotto rimanente. La questione degli ordinativi si lega molto da vicino con la gestione delle scadenze; se da un lato viene rimarcata la necessità che gli addetti prestino la massima attenzione alla rotazione dei prodotti – proponendo in vendita prima quelli con scadenza più ravvicinata – dall’altro lato, è evidente, che il consumatore cerca sempre il prodotto più fresco e “sceglie” di conseguenza sullo scaffale quello con una shelf-life più lunga.

Dalla discussione sono, però, emersi anche temi meno esplorati dalla letteratura. Ad esempio, è stata a lungo dibattuta la questione delle scelte manageriali in termini di assortimento. La scelta di avere un assortimento molto ampio di prodotti simili è considerata da molti capireparto una importante causa di spreco, per quanto giustificata dal fatto che, in termini economici, il valore dei prodotti gettati è minimo rispetto al fatturato dei punti vendita. Anche la clientela, secondo i capireparto, fa la sua parte nel processo di generazione dello spreco, principalmente toccando in modo improprio i prodotti freschi, rovinando le confezioni di quelli impacchettati e abbandonando prodotti da frigo tra gli scaffali. Su questo punto, va rimarcato come le quantità di prodotti gettati a causa di questi comportamenti non siano particolarmente rilevanti, tuttavia si tratta di una causa di spreco piuttosto odiosa per gli addetti ai lavori, che la segnalano soprattutto nei punti vendita più grandi, dove c’è minor controllo nei reparti da parte del personale. In generale, dalla discussione, emerge come la rimanenza di una certa quota di prodotti invenduti sia quasi “fisiologica” per la modalità di commercializzazione tipica della grande distribuzione. Tale quota va senz’altro ridotta al minimo, magari utilizzando le nuove tecnologie per supportare i capireparto nell’elaborazione di ordinativi sempre più calibrati rispetto alle reali necessità di vendita. Un margine di prevenzione più ampio sembra esserci per lo spreco “patologico”, che dipende da precise scelte manageriali o dal comportamento dei consumatori e degli addetti ai lavori. In questo caso, la sensibilizzazione sembra la strada più promettente da percorrere per aumentare l’attenzione di chi manipola i prodotti in vendita e per aggiungere la minimizzazione degli sprechi tra i fattori decisionali del management. La ricchezza delle considerazioni emerse nel corso delle sessioni di discussione partecipata con i capireparto, mette anche in luce come, per studiare il fenomeno dello spreco, le tecniche di ricerca qualitative possano offrire spunti molto interessanti per integrare le informazioni raccolte tramite i dati quantitativi.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare