Firmato Protocollo Direzione Centrale della Polizia Criminale ed Eurispes

È stato firmato nel corso di un videoincontro il Protocollo d’intesa finalizzato a implementare la collaborazione fra la Direzione Centrale della Polizia Criminale, Ente a connotazione interforze (vi presta servizio personale di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Penitenziaria), e l’Eurispes (Istituto di Studi Politici Economici e Sociali).

Condividendo il medesimo obiettivo di studio e di analisi, il Protocollo siglato dal Prefetto Vittorio Rizzi, Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza – Direttore Centrale della polizia Criminale, e dal Prof. Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes, consentirà di condurre ricerche di settore, studi ed approfondimenti congiunti sui vari fenomeni criminali, attingendo al rispettivo patrimonio informativo.

Verranno promosse, allo stesso tempo, attività culturali, iniziative editoriali e formativeanche aperte a soggetti terzi – al fine di trasmettere le rispettive conoscenze agli operatori del settore e, in particolar modo, alle Forze di polizia chiamate ad effettuare una sempre più efficace azione di prevenzione e contrasto alla criminalità.

Il Prefetto Rizzi ha sottolineato la necessità di un continuo scambio delle forze di polizia con tutte le espressioni della società civile, del mondo sociale, economico, accademico. Confronto ancor più urgente per quelle articolazioni la cui mission è ispirata alla cultura dell’intelligence, come il Servizio Analisi Criminale. Grazie alla continua osmosi con il mondo della ricerca è possibile cogliere precocemente i segnali del cambiamento della società, la cui individuazione costituisce il presupposto indefettibile per orientare l’azione strategica e operativa del law enforcement.

Il Professor Fara ha posto l’accento sulla necessità di “fare squadra” nel contrasto ai fenomeni criminali e sull’importanza di questo Protocollo che segue la via del dialogo e dello scambio proficuo di dati e informazioni tra realtà pubbliche e private. E ciò nella convinzione che di fronte ad una società in crescente evoluzione occorre non cedere alle semplificazioni ma affrontare i fenomeni che essa esprime attraverso una lettura interdisciplinare e complessa.

È possibile rivedere l’incontro al seguente link http://www.poliziadistato.it/pressarea/Share/link/4b5c0cb0-67d3-11eb-861f-736d736f6674

Hanno inoltre preso parte alla firma del Protocollo, per l’Eurispes: l’Avv. Angelo Caliendo in rappresentanza del Consiglio Direttivo dell’Istituto, la Dott.ssa Raffaella Saso, Vicedirettore dell’Eurispes. Per la Direzione Centrale Polizia Criminale, presso la sala De Sena: il dott. Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale, Dirigente Superiore della Polizia di Stato; la Dott.ssa Elisabetta Mancini, Capo Ufficio di Staff del Prefetto, Primo Dirigente della Polizia di Stato; la Dott.ssa Anna Maria Russitto, Capo Segreteria del Prefetto, Primo Dirigente della Polizia di Stato; la Dott.ssa Carla Valenti, Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato, funzionario del Servizio Analisi Criminale.

 

Ultime notizie
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse