Firmato Protocollo Direzione Centrale della Polizia Criminale ed Eurispes

È stato firmato nel corso di un videoincontro il Protocollo d’intesa finalizzato a implementare la collaborazione fra la Direzione Centrale della Polizia Criminale, Ente a connotazione interforze (vi presta servizio personale di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Penitenziaria), e l’Eurispes (Istituto di Studi Politici Economici e Sociali).

Condividendo il medesimo obiettivo di studio e di analisi, il Protocollo siglato dal Prefetto Vittorio Rizzi, Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza – Direttore Centrale della polizia Criminale, e dal Prof. Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes, consentirà di condurre ricerche di settore, studi ed approfondimenti congiunti sui vari fenomeni criminali, attingendo al rispettivo patrimonio informativo.

Verranno promosse, allo stesso tempo, attività culturali, iniziative editoriali e formativeanche aperte a soggetti terzi – al fine di trasmettere le rispettive conoscenze agli operatori del settore e, in particolar modo, alle Forze di polizia chiamate ad effettuare una sempre più efficace azione di prevenzione e contrasto alla criminalità.

Il Prefetto Rizzi ha sottolineato la necessità di un continuo scambio delle forze di polizia con tutte le espressioni della società civile, del mondo sociale, economico, accademico. Confronto ancor più urgente per quelle articolazioni la cui mission è ispirata alla cultura dell’intelligence, come il Servizio Analisi Criminale. Grazie alla continua osmosi con il mondo della ricerca è possibile cogliere precocemente i segnali del cambiamento della società, la cui individuazione costituisce il presupposto indefettibile per orientare l’azione strategica e operativa del law enforcement.

Il Professor Fara ha posto l’accento sulla necessità di “fare squadra” nel contrasto ai fenomeni criminali e sull’importanza di questo Protocollo che segue la via del dialogo e dello scambio proficuo di dati e informazioni tra realtà pubbliche e private. E ciò nella convinzione che di fronte ad una società in crescente evoluzione occorre non cedere alle semplificazioni ma affrontare i fenomeni che essa esprime attraverso una lettura interdisciplinare e complessa.

È possibile rivedere l’incontro al seguente link http://www.poliziadistato.it/pressarea/Share/link/4b5c0cb0-67d3-11eb-861f-736d736f6674

Hanno inoltre preso parte alla firma del Protocollo, per l’Eurispes: l’Avv. Angelo Caliendo in rappresentanza del Consiglio Direttivo dell’Istituto, la Dott.ssa Raffaella Saso, Vicedirettore dell’Eurispes. Per la Direzione Centrale Polizia Criminale, presso la sala De Sena: il dott. Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale, Dirigente Superiore della Polizia di Stato; la Dott.ssa Elisabetta Mancini, Capo Ufficio di Staff del Prefetto, Primo Dirigente della Polizia di Stato; la Dott.ssa Anna Maria Russitto, Capo Segreteria del Prefetto, Primo Dirigente della Polizia di Stato; la Dott.ssa Carla Valenti, Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato, funzionario del Servizio Analisi Criminale.

 

Ultime notizie
Internazionale

Universal child allowance: the first step of tax reform. Interview with the Minister for Equal Opportunities and the Family, Elena Bonetti

Universal child allowance: the first step of tax reform. Interview with the Minister for Equal Opportunities and the Family, Elena Bonetti
di Emilio Albertario
Italia

Assegno unico: primo passo per una riforma fiscale. Videointervista al Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti

L'assegno unico universale per i figli è solo primo passo per una grande riforma fiscale. Videointervista al Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti.
di Emilio Albertario
Attualità

Perché è fallita la Superlega? La rivincita sociale del calcio

Fra i temi che hanno animato il dibattito pubblico negli ultimi giorni c’è la “Superlega” di calcio. Una suggestione durata circa 24...
di Salvatore Di Rienzo
processo
Diritto

Giustizia tributaria e giusto processo: ipotesi per una riforma

Avere un giusto processo significa, innanzitutto, avere diritto ad un giudice indipendente ed imparziale. Ma la giurisdizione tributaria non è esercitata da magistrati di ruolo, nominati per concorso pubblico per esami. Un processo è infatti veramente tale solo se i suoi protagonisti sono dei “professionisti” della materia, ad essa dedicati a tempo pieno.
di Giovambattista Palumbo*
processo
gioco
Criminalità e contrasto

Giochi e scommesse, l’effetto boomerang che non si vuole vedere

L’analisi di Chiara Sambaldi e Andrea Strata, Direttori dell’Osservatorio Permanente Giochi Legalità e Patologie, prende in considerazione l’effetto boomerang generato dalle misure di contenimento dell’offerta legale di gioco: meno entrate erariali, aumento della criminalità, nessuna soluzione effettiva nel contrasto al disturbo da gioco d’azzardo patologico.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
gioco
Economia

The unstoppable rise of e-commerce and Italy’s shortcomings

The rapid development of e-commerce in recent years and the following restrictions imposed by the Covid-19 pandemic contribute to revolutionising the retail...
di Ludovico Semerari
Internazionale

Albania: the mafia beyond the blue border

The Adriatic Sea is defined by investigators as having a blue border, a border that has united two countries and two criminal...
di Sergio Nazzaro
Criminalità e contrasto

Albania: la mafia oltre il confine blu

Il “confine blu” è la definizione che gli investigatori danno del mare Adriatico, un confine che ha unito due Paesi ma anche due realtà criminali: quella italiana e quella albanese.
di Sergio Nazzaro
Crescita

L’inarrestabile ascesa dell’e-commerce e i ritardi dell’Italia

Il rapido sviluppo del commercio elettronico negli ultimi anni, ed in particolare a seguito delle restrizioni imposte dalla pandemia da Covid-19, sta...
di Ludovico Semerari*
Italia

Il nostro Mezzogiorno come l’ex-Germania dell’Est

Perché non prendere lezione dall’esempio offerto dalla Germania in questi anni e fare altrettanto per rilanciare l'economia del nostro Mezzogiorno?
di Gian Maria Fara*