Tg, occhi puntati sulle regole del Natale e sul Mes

L’intera settimana sui Tg della sera ha visto edizioni dominate dalla “stretta sul Natale” (presente in 17 aperture) e dal conseguente scontro governo-regioni sulla circolazione. Molte le immagini dalle piste da sci che resteranno chiuse e, inevitabilmente, ampio spazio alla politica che litiga su tutto. Nei giorni scorsi, però, le maggiori divisioni si sono manifestate su di un altro fronte: la battaglia sul Mes, il Meccanismo Europeo di Stabilità, presente nei titoli con 23 citazioni. Questi alcuni aspetti che emergono dall’analisi settimanale dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza dal 30 novembre al 4 dicembre.

Il voto sulla riforma del Fondo Salva Stati, previsto per mercoledì 9 dicembre, è stato tramutato dalla politica, in un clima di accuse, ultimatum e “congiure notturne”, in un referendum su Corte ed il governo. I Tg lo riprendono con servizi in cui si fa la conta dei transfughi tra i 5 Stelle e le convulsioni a destra. Ma quali sono le ragioni di queste forti divisioni? Quali i rischi del Mes riformato? E cosa c’entra questo voto con il dibattito sull’uso dei 37 miliardi per la Sanità?   

Vorremmo poter dire che i Tg hanno “spiegato male”, ma mentiremmo. Se lunedì qualche servizio era pur entrato nel merito (Tg2, Tg3 e Tg La7), col sollevarsi delle prime polemiche le testate hanno abbandonato ogni approfondimento, e i tanti servizi si sono risolti nell’andar dietro ad annunci, slogan e prese di posizione dei leader. Le stesse interviste a Di Maio (sui Tg Rai) e Giorgia Meloni (Tg5 e Tg2) contribuiscono poco a chiarire le posizioni, che si fanno ancora più confuse quando nel dibattito entrano gli altri fondi promessi dall’Europa, quelli del Recovery Fund. Siamo certi che nessun teleutente serale ci abbia capito granché.

Qualcosa di analogo avviene anche sul tema sicurezza. La discussione dei decreti sicurezza per l’ostruzionismo delle opposizioni è slittata alla prossima settimana (9 riferimenti nei titoli), ma al di là degli slogan “stravaganti” del centrodestra (“chiudono gli italiani in casa e fanno entrare liberamente i clandestini”), in nessun servizio è capitato di trovare riferimenti ai numeri concreti dell’immigrazione, né tantomeno alle evoluzioni dalle aree da cui partono profughi, barconi e scafisti. Una grave assenza di contenuti, che attesta come il tema immigrazione/sicurezza figuri nei Tg di prime time – talvolta anche per quelli più attenti – solo in quanto può essere impiegato come munizionamento per il politico di turno. Non a caso, un elemento più fattuale come la firma questo venerdì del nuovo accordo per la difesa tra Libia ed Italia con Guerini a Tripoli, è stato assente dalle scalette.

Per recuperare, ecco qualche dato sul fenomeno migratorio aggiornato al 4 dicembre: 32.665 gli arrivi quest’anno, 3 volte di più rispetto al 2019. 5.360 gli arrivi a novembre, contro i 1.232 dell’anno scorso. Da notare che, a differenza che negli anni delle migrazioni di massa, un terzo degli arrivati provengono dalla Tunisia – paese la cui profonda crisi economica è stata meritoriamente documentata nei mesi passati da diversi servizi del Tg3.

Ultime notizie
Cosa vuol dire Mafia?

Chi era davvero il giudice Rosario Livatino: l’intervista

Rosario Livatino, ammazzato dalla Stidda il 21 settembre 1990 sulla SS 640 Caltanissetta-Agrigento, dichiarato beato il 9 maggio 2021. Definito “giudice santo”,...
di redazione
Cosa vuol dire Mafia?

Rosario Livatino: Magistrate without adjectives

Rosario Livatino, killed by the Stidda on September 21, 1990 on the on the road SS 640 Caltanissetta-Agrigento, declared blessed on May...
di Sergio Nazzaro
Intelligenza artificiale: pro e contro
Tecnologia

Intelligenza artificiale, pro e contro: dalle opportunità ai rischi

Come la tecnologia sta trasformando l'umanità e quali sono i rischi. Saremo governati dai robot? L'intelligenza artificiale tra pro e contro.
di Massimiliano Cannata
Intelligenza artificiale: pro e contro
Crescita dell'e-commerce 2020 e anni precedenti: le cifre
Innovazione

La crescita dell’e-commerce e le nuove abitudini dei consumatori

La pandemia ha cambiato le abitudini dei consumatori. I dati della crescita dell'e-commerce internazionale nel 2020 e negli ultimi anni.
di Ludovico Semerari
Crescita dell'e-commerce 2020 e anni precedenti: le cifre
Magistratura politicizzata e separazione delle carriere
Giustizia

Magistratura politicizzata: la situazione tra scandali e veleni

Perché si parla così tanto di Magistratura politicizzata? L'incidenza del caso Palamara e il tema della separazione delle carriere.
di Alfonso Lo Sardo
Magistratura politicizzata e separazione delle carriere
Il dataismo, tra significato e caratteristiche
Cultura

Viviamo nell’era del “Dataismo”: significato e caratteristiche

Che cos'è il Dataismo? Cosa intendiamo con tale espressione? L'analisi del Dataismo ("datism", in inglese), tra significato e caratteristiche.
di Giuseppe Pulina
Il dataismo, tra significato e caratteristiche
Come il Covid ha cambiato la nostra vita
Approfondimenti

Come il Covid ha cambiato la nostra vita

Lavoro, vita sociale, spostamenti: tutte le trasformazioni della pandemia. Un'analisi su come il Covid ha cambiato la nostra vita.
di Angelo Perrone*
Come il Covid ha cambiato la nostra vita
Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza?
Cosa vuol dire Mafia?

Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza: intervista a Giovanna Di Rosa

Il magistrato di sorveglianza è una figura di cui poco si conosce e si parla in Italia. Un lavoro complesso che incomincia...
di Sergio Nazzaro
Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza?
Who Supervisory Judges are and what they do?
Cosa vuol dire Mafia?

Who Supervisory Judges are and what they do: an interview with Giovanna Di Rosa

The Eurispes online magazine's pages feature an interview with Dr Giovanna Di Rosa, President of the Supervisory Court of Milan, on the issue of the Supervisory Magistracy.
di Sergio Nazzaro
Who Supervisory Judges are and what they do?
Fisco

Le tecniche di intelligenza artificiale contro l’evasione fiscale

Nell’evoluzione del sistema informativo tributario e delle tecniche di contrasto all’evasione fiscale, l’efficace utilizzo delle banche dati assume un ruolo sempre più...
di Giovambattista Palumbo*