Metafore per l'Italia

La dinamica degli strappi e la “società eventuale”

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.

Siamo dominati dall’idea che i sistemi sociali debbano tendere all’equilibrio; in realtà la globalizzazione e la necessità di integrazione dei sistemi portano alla creazione di nuovi squilibri. Siamo di fronte ad una “dinamica degli strappi” ad un “procedere per rotture” e per segmenti senza che vi sia la possibilità di ricomporre gli strappi perché mancano valori omogenei in grado di rappresentare tutti e perché manca una politica che sappia farsi carico delle minoranze.

Lo stesso concetto di sviluppo si modifica, non può più essere “lineare” ma deve arrendersi alla “discontinuità”. Neppure il cambiamento nelle società complesse, né nelle strutture delle relazioni che lo plasmano è quindi un processo lineare: diventa sempre più difficile individuare un inizio ed un traguardo.

Esistono molteplici punti di partenza (eventi), tante possibilità di diramazione (biforcazioni) e, soprattutto, molti scenari (effetti) possibili. Il cambiamento non solo interviene come effetto di cause individuate o predeterminate, ma è il frutto di eventi che si modellano intorno a connessioni casuali di rapporti, di comunicazioni tra individui, gruppi ed Istituzioni, dove casuale è inteso nel senso di probabile.

Dal cambiamento come fenomeno controllabile e spiegabile in termini evoluzionistici si passa al cambiamento come dimensione probabile, in cui l’interconnessione degli eventi diventa imprevedibile e, di conseguenza, caotica.

La “società eventuale”, infatti, non è soltanto la società degli eventi, intesa come modellata dagli stessi, ma è soprattutto la società dell’eventualità, della probabilità che diventa elemento costitutivo, della possibilità del verificarsi di un evento concepita come molteplicità delle prospettive offerte dal caso. Tutto è possibile, nulla è improbabile: anche l’assurdo. Il nuovo approccio, la nuova razionalità nei confronti della complessità, saranno in questo: individuare tra i residui dell’ordine che si disgrega, nella crisi delle strutture, le nuove forze ed energie per il rinnovamento, ovvero gli agenti e le forme del nuovo ordine. Quest’ultimo dovrà avere al suo interno la capacità di rigenerarsi riconoscendo nel disordine lo strumento per tale processo e dal quale ripartire.

Si assiste dunque al superamento di una concezione in cui ordine e ciclicità sono gli stati di vita normale di un sistema, mentre disordine, caoticità ed incomprensibilità sarebbero momenti transitori, opposti ai primi e non coesistenti. La “società eventuale” è la sfida che abbiamo di fronte e con la quale dobbiamo misurarci, ma essa esige forte determinazione, capacità di costruzione ed una virtù ormai quasi dimenticata: il coraggio.

(2001)

 

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità