Web tax: le proposte di Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania

Gli Stati Uniti hanno sempre rappresentato la propria contrarietà all’introduzione di una misura unilaterale, da parte dei vari Stati europei, sulla tassazione delle imprese digitali. La linea americana è quella di soprassedere all’applicazione di una web tax fino a quando non sia stato raggiunto un accordo globale a livello Ocse.
Nell’ambito del confronto tra esperti G7, per facilitare una sintesi tra le diverse visioni dei principali paesi europei e quella degli Usa, sono state avanzate delle proposte, poi presentate nell’ambito del BEPS Inclusive Framework: una proposta del Regno Unito, che mira a modificare le regole di allocazione dei profitti delle imprese dell’economia digitale, i cui modelli di business includono una partecipazione attiva degli utenti (per esempio, motori di ricerca, social media e online marketplace). Una proposta degli Usa, che mira a modificare le regole allocative dei profitti non solo realizzati dalle imprese digitali, ma in tutti i casi in cui gli stessi derivino dall’utilizzo di “market intangibles” (per esempio, avviamento commerciale, marchi). I profitti riconducibili a tali beni immateriali sarebbero dunque attribuiti alle giurisdizioni di sbocco, sulla base di un meccanismo di attribuzione che tenga conto dei costi e delle vendite in tali giurisdizioni, derogando alle attuali regole internazionali vigenti in materia di prezzi di trasferimento, che tengono conto delle funzioni svolte e dei rischi assunti dalle diverse entità costituenti un gruppo multinazionale. Tale proposta è del resto coerente con quanto era stato originariamente proposto dai repubblicani nel corso delle discussioni che hanno preceduto la riforma fiscale americana, ossia un sistema di tassazione destination-based (che avrebbe tassato le importazioni ed esentato le esportazioni), tuttavia non implementato nella tax reform adottata alla fine del 2017 per l’opposizione interna di parte del settore industriale americano, oltre che per le reazioni negative della comunità internazionale riconducibili alla possibile violazione delle regole sul commercio mondiale.
C’è poi una proposta franco-tedesca, non mirata specificamente all’economia digitale, ma che intende assicurare una tassazione minima effettiva dei profitti, in modo da contrastare lo spostamento di profitti in giurisdizioni a bassa tassazione. Tale proposta si compone di tre elementi:
regola di inclusione del reddito: tutti i redditi derivanti da un’impresa collegata nell’ambito di un gruppo sarebbero tassati secondo le regole (e con l’aliquota) della giurisdizione di residenza del soggetto controllante/collegato quando nella giurisdizione dell’impresa collegata vi è una tassazione inferiore ad un certo livello;
non deducibilità dei pagamenti verso giurisdizioni a bassa tassazione: non sarebbero deducibili nel paese della fonte i pagamenti effettuati in favore di soggetti correlati, localizzati in giurisdizioni che prevedono una tassazione inferiore ad una certa soglia;
rafforzamento della “subject-to-tax rule”, negando i benefici dei trattati contro le doppie imposizioni nel caso in cui i redditi esteri o i pagamenti transfrontalieri non siano assoggettati a un livello minimo di tassazione.
Di recente si è aggiunta anche un’ulteriore proposta del G24 Working Group (elaborata, a livello tecnico, da Colombia, India e Ghana), che mira ad identificare un nuovo presupposto di tassazione nella presenza economica significativa (significant economic presence) nella giurisdizione del mercato di sbocco, che si avrebbe quando un’impresa non residente, senza presenza fisica, è in grado comunque di interagire con i clienti in una giurisdizione di mercato. L’allocazione dei profitti si baserebbe su alcuni fattori quali il numero dei clienti/utilizzatori, il volume dei dati raccolti e indicatori quali i siti in lingua locale o l’utilizzo di valuta locale.
Tutte proposte che, a prescindere da quale sia migliore o peggiore, rappresentano comunque un notevole passo avanti rispetto alla situazione attuale, ormai davvero non più sostenibile.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili