Web tax: le proposte di Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania

Gli Stati Uniti hanno sempre rappresentato la propria contrarietà all’introduzione di una misura unilaterale, da parte dei vari Stati europei, sulla tassazione delle imprese digitali. La linea americana è quella di soprassedere all’applicazione di una web tax fino a quando non sia stato raggiunto un accordo globale a livello Ocse.
Nell’ambito del confronto tra esperti G7, per facilitare una sintesi tra le diverse visioni dei principali paesi europei e quella degli Usa, sono state avanzate delle proposte, poi presentate nell’ambito del BEPS Inclusive Framework: una proposta del Regno Unito, che mira a modificare le regole di allocazione dei profitti delle imprese dell’economia digitale, i cui modelli di business includono una partecipazione attiva degli utenti (per esempio, motori di ricerca, social media e online marketplace). Una proposta degli Usa, che mira a modificare le regole allocative dei profitti non solo realizzati dalle imprese digitali, ma in tutti i casi in cui gli stessi derivino dall’utilizzo di “market intangibles” (per esempio, avviamento commerciale, marchi). I profitti riconducibili a tali beni immateriali sarebbero dunque attribuiti alle giurisdizioni di sbocco, sulla base di un meccanismo di attribuzione che tenga conto dei costi e delle vendite in tali giurisdizioni, derogando alle attuali regole internazionali vigenti in materia di prezzi di trasferimento, che tengono conto delle funzioni svolte e dei rischi assunti dalle diverse entità costituenti un gruppo multinazionale. Tale proposta è del resto coerente con quanto era stato originariamente proposto dai repubblicani nel corso delle discussioni che hanno preceduto la riforma fiscale americana, ossia un sistema di tassazione destination-based (che avrebbe tassato le importazioni ed esentato le esportazioni), tuttavia non implementato nella tax reform adottata alla fine del 2017 per l’opposizione interna di parte del settore industriale americano, oltre che per le reazioni negative della comunità internazionale riconducibili alla possibile violazione delle regole sul commercio mondiale.
C’è poi una proposta franco-tedesca, non mirata specificamente all’economia digitale, ma che intende assicurare una tassazione minima effettiva dei profitti, in modo da contrastare lo spostamento di profitti in giurisdizioni a bassa tassazione. Tale proposta si compone di tre elementi:
regola di inclusione del reddito: tutti i redditi derivanti da un’impresa collegata nell’ambito di un gruppo sarebbero tassati secondo le regole (e con l’aliquota) della giurisdizione di residenza del soggetto controllante/collegato quando nella giurisdizione dell’impresa collegata vi è una tassazione inferiore ad un certo livello;
non deducibilità dei pagamenti verso giurisdizioni a bassa tassazione: non sarebbero deducibili nel paese della fonte i pagamenti effettuati in favore di soggetti correlati, localizzati in giurisdizioni che prevedono una tassazione inferiore ad una certa soglia;
rafforzamento della “subject-to-tax rule”, negando i benefici dei trattati contro le doppie imposizioni nel caso in cui i redditi esteri o i pagamenti transfrontalieri non siano assoggettati a un livello minimo di tassazione.
Di recente si è aggiunta anche un’ulteriore proposta del G24 Working Group (elaborata, a livello tecnico, da Colombia, India e Ghana), che mira ad identificare un nuovo presupposto di tassazione nella presenza economica significativa (significant economic presence) nella giurisdizione del mercato di sbocco, che si avrebbe quando un’impresa non residente, senza presenza fisica, è in grado comunque di interagire con i clienti in una giurisdizione di mercato. L’allocazione dei profitti si baserebbe su alcuni fattori quali il numero dei clienti/utilizzatori, il volume dei dati raccolti e indicatori quali i siti in lingua locale o l’utilizzo di valuta locale.
Tutte proposte che, a prescindere da quale sia migliore o peggiore, rappresentano comunque un notevole passo avanti rispetto alla situazione attuale, ormai davvero non più sostenibile.

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione