Zone Economiche Speciali (o ZES): cronaca di una misura (in)adeguata

Il progresso è crescita. Ma non c’è crescita senza ordine. E, in assenza di ordine, non può esistere alcuna seria programmazione, sia questa di natura politica, economica, finanziaria o fiscale.
L’istituzione di zone economiche speciali (o ZES) rappresenta una grande occasione di progresso e di crescita per l’economia del Mezzogiorno. Tuttavia, si tratta di una opportunità nata senza tenere in debita considerazione le peculiarità territoriali – logistiche ed infrastrutturali – delle aree in cui le stesse zone speciali sorgeranno.
In questa prospettiva, possiamo dire sin da subito che le zone economiche speciali siano, senza dubbio alcuno, misure potenzialmente predisposte ad incidere significativamente sulle aree destinatarie dei provvedimenti. Tuttavia, si tratta di misure che, “in concreto”, troveranno difficoltà applicative, sortendo effetti meno incisivi rispetto a quanto si fosse sperato.
Le zone economiche speciali (o ZES) hanno trovato vita all’interno del nostro ordinamento giuridico in tempi relativamente recenti, attraverso la formulazione, e successiva introduzione, del decreto legge del 14 dicembre 2018, n. 135 (o Dl “Semplificazioni”). Nel caso in cui volessimo dare una definizione di quel complesso meccanismo che costituiscono, potrebbe dirsi che esse siano aree economiche costituite presso zone regionali a bassa crescita economica ed occupazionale al fine di facilitare l’insediamento di nuove strutture imprenditoriali attraverso il riconoscimento di significative agevolazioni di natura perlopiù finanziaria, infrastrutturale, amministrativa e fiscale.
Sotto il profilo tributario, il beneficio fiscale riconosciuto a coloro i quali intendano sfruttare le ZES infraregionali è quello del credito d’imposta. In termini più tecnici, il credito d’imposta sarà calcolato ad esito d’una commisurazione alla quota del costo complessivo dei beni acquisiti entro il 31 dicembre 2020 nel limite massimo, per ciascun progetto di investimento, di 50 milioni di euro. Inoltre, a fronte della fruibilità del beneficio di cui sopra, rimane ferma la possibilità di accedere a tutti i diversi incentivi che lo Stato e le Regioni mettono a disposizione delle imprese, come ad esempio i contratti di sviluppo o il fondo per il rilancio delle aree di crisi industriale, sempreché siano rispettati i limiti in tema di “aiuti di Stato”.
Andando al di là rispetto ai tecnicismi propri della misura, si vuole richiamare l’attenzione in merito a due profili che prescindono dai meri tecnicismi del provvedimento che ha formalizzato l’avvio delle zone economiche speciali. In primo luogo, non sono in discussione la bontà del provvedimento applicativo delle ZES e l’obiettivo che il legislatore intenderebbe conseguire con l’introduzione di dette misure agevolative. Questi interventi, infatti, traendo proprio fondamento dalla straordinaria necessità ed urgenza di introdurre nuovi strumenti volti a sostenere la crescita economica ed occupazionale delle regioni del Mezzogiorno, anche attraverso l’individuazione di misure incentivanti per i giovani imprenditori, nonché nuovi strumenti di semplificazione volti a velocizzare i procedimenti amministrativi funzionali a favorire la crescita economica nelle regioni del Mezzogiorno e la coesione territoriale, rappresentano uno strumento unico di sostegno e di crescita nelle zone più arretrate del sistema-Paese.
In questa prospettiva, l’adozione di un provvedimento volto ad agevolare l’insediamento di nuove attività d’impresa in zone, come quelle meridionali, aree afflitte da un’ormai cronicizzata crisi economica ed occupazionale, non può che essere accolta con favore. Allo stesso tempo, però, è necessario evidenziare una considerazione ulteriore e di ordine critico. L’istituzione di Zone Economiche Speciali, pur costituendo un’occasione unica, e da sfruttare, di rilancio delle “attività produttive” (latu sensu intese) del Mezzogiorno, rappresenta una misura ancora insufficiente.
Questa affermazione trova conferma nella semplice lettura del testo del decreto, ove sembra emergere un modo di concepire il “sistema economico” (nel caso delle ZES, regionale) come un insieme di scomparti frammentati e privi di connessioni. Predisporre una misura volta ad implementare, irrobustire ed attrarre nuove risorse produttive in territori, come quelli del Mezzogiorno, non può prescindere, infatti, da un rafforzamento dell’apparato logistico ed infrastrutturale di cui le stesse aziende già presenti in loco – o di nuova attrazione – dovranno servirsi.
Ad un provvedimento ad impatto economico significativo come l’istituzione delle Zone Economiche Speciali devono necessariamente affiancarsi, ad esempio, politiche di efficientamento dei trasporti infra ed extra regionali. Si pensi, per tutti, al compartimento stradale e ferroviario siciliano. O ancora, si pensi alle enormi potenzialità portuali del medesimo territorio. La crescita economica di una regione, infatti, passa necessariamente da un governo sistemico. Serie politiche di sviluppo impongono l’adozione di misure volte ad interagire e rinforzare il sistema produttivo a trecentosessanta gradi. Viceversa, qualunque altro provvedimento dovrà considerarsi soltanto un’ennesima toppa, eccessivamente minuta se vista in relazione all’ampiezza del foro da coprire.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang