Coronavirus, ecco perché il “tutti a casa” ci atterrisce

Vita sospesa, perlomeno quella “normale”, dalla quale tutti abbiamo sognato mille volte di evadere e che ora già ci manca, ancora prima di essercene privati. «Tutti a casa», «chiusa tutta l’Italia», «bloccate tutto», «totale protezione»: i titoli a tutta pagina dei quotidiani di martedì mattina sono di quelli che rimarranno nella storia.
Così come le parole del Premier Conte che ad un’Italia in attesa, lunedì sera, senza mezzi termini, ha ammesso che «non c’è più tempo», decretando che tutta l’Italia diventi “zona protetta”. Tempo qualche minuto, sui social e sulle chat hanno iniziato a rimbalzare al ritmo di “inoltri” multipli documenti e testi più o meno ufficiali. E domande, mille domande di ogni tipo. Chi deve rimanere a casa? Quando posso uscire? Dove posso andare? Ci saranno controlli? Come faccio con la spesa? A spasso con il cane posso andare? E così, un susseguirsi di quesiti che ci hanno accompagnato per tutta la notte, in un incubo che con la luce del sole si è trasformato in realtà.
Una lista di divieti organizza da ora la nostra quotidianità, un calendario nuovo, scandito da crocette su ciò che si può fare e ciò che non si può. Una lista di domande e di risposte semplici e utili, nel pomeriggio di martedì, è stata diffusa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, per rendere comprensibili misure da stato in guerra. Indicazioni semplici, banali: impossibile non capire. «Se abito in un comune e lavoro in un altro, posso fare “avanti e indietro”?», «È possibile uscire per andare ad acquistare generi alimentari?», «È consentito fare attività motoria?», «Si può andare in chiesa o negli altri luoghi di culto?», e via dicendo.
Ma davvero la nostra vita, la complessità della nostra esistenza può essere ingabbiata in quelle poche semplici indicazioni che sembra impossibile non essere in grado di rispettare? Cosa c’è dietro? Cos’è che, davvero, ci rende cupi? Cos’è che non ci fa dormire la notte? Perché si respira un’atmosfera “di piombo”?
Dietro il “tutti a casa” ci sono i nostri programmi che vanno a repentaglio, un obiettivo che rimarrà tale, un sogno rimandato ‒ se va bene ‒ o che rimarrà nel cassetto, perché nella vita, a volte, quando un treno passa, passa. E, magari, non lo possiamo prendere perché dobbiamo stare “a casa”, nascosti dietro le mascherine.
Dietro il “tutti a casa” c’è un esame per cui abbiamo studiato mesi che salta, un appuntamento di lavoro che avrebbe potuto cambiare la nostra carriera, il matrimonio con l’amore della nostra vita da rimandare, un progetto su cui abbiamo investito soldi, tempo e notti insonni. Dietro il “tutti a casa” c’è la paura di quello che può accadere fuori controllo dalla nostra stra-programmata esistenza memorizzata sul calendario di Google, l’incertezza su quanto potrebbe durare la “vita fuori dalla vita”, la voglia di tornare a quella normalità da cui vorremmo spesso fuggire.

Ultime notizie
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale
G20
Briefing

G20, pandemia come cartina tornasole dell’imprescindibilità del multilateralismo

People, Planet e Prosperity sono i tre pilastri della Presidenza italiana del G20, ai quali se ne aggiunge un altro dettato dalle necessità legate alla pandemia: la salute globale. La crisi sanitaria ha reso evidente la necessità del multilateralismo, ovvero della cooperazione e condivisione delle strategie di contrasto.
di Alessandro Modiano*
G20