America First, ma non più Alone 

©agrpress - www.agrpress.it

Primo appuntamento con la rubrica mensile “Briefing”, una nota a cura dell’Osservatorio sui Temi Internazionali dell’Eurispes, presieduto dall’Ambasciatore Giampiero Massolo.

Analisi

Le conseguenze delle elezioni americane si sviluppano su tre tempi: la transizione (l’immediato); le prime fasi dopo l’insediamento (breve termine); l’intero mandato (medio termine).

Nell’immediato, non è da sottovalutare l’incertezza dovuta all’annunciata battaglia legale, pur nell’improbabilità di un suo ribaltamento dell’esito elettorale. Le diverse reazioni internazionali a questa transizione senza precedenti sono già un elemento rilevante, perché impostano il tono delle relazioni con la nuova amministrazione.

Le prime fasi del mandato avranno come priorità la politica interna, sia per l’ulteriore esasperazione delle polarizzazioni dovute alla transizione, sia per la tradizionale inclinazione dei Democratici a essere più concentrati dei Repubblicani sulla sfera domestica. La politica estera sarà probabilmente relegata in secondo piano e nella sostanza non ci si aspetta grande discontinuità, eccezion fatta per l’inversione di rotta sul clima e il rientro degli USA negli Accordi di Parigi. Sin da subito, invece, è prevedibile un netto cambiamento di toni e metodi della diplomazia americana. Con uno shift dall’esplicito transazionismo trumpiano, a uno stile più tradizionale e più attento (almeno nella forma) a questioni valoriali: democrazia e diritti umani in primis. Con conseguenti atteggiamenti più distesi nei confronti degli alleati storici, a partire dall’Europa. In particolare, con Bruxelles potrebbe essere alle viste una de-escalation delle tensioni commerciali; più difficile che le cause strutturali scompaiano: il caso Boeing v. Airbus, i dazi nel settore siderurgico e la digital tax sono alcuni dei principali dossier che rimangono sul tavolo.

La politica estera americana cambierà, dunque, volto: più “gentile” e aperto al dialogo, ma la sua postura resterà sostanzialmente invariata.

Questa considerazione si applica anche al terzo tempo, cioè al mandato nella sua interezza.

I trend strutturali dell’era Trump rimarranno. La great power competition con la Cina continuerà a dominare le relazioni internazionali, mentre tra i rischi principali si profila all’orizzonte una weaponization delle relazioni economiche internazionali. Quella di Biden sarà sempre America First, ma non più America Alone: egli cercherà di usare le alleanze storiche, a partire da quella transatlantica, per esercitare maggiore pressione sulla Cina.

Da non escludere una sempre più marcata accezione ideologica della competizione sino-americana – democrazia contro autocrazia: un elemento di rischio aggiuntivo, essendo gli scontri ideologici, per definizione, a somma zero.

Il Pivot to Asia e il graduale disimpegno dal MENA (Medioriente e Nord Africa) avviato già da Obama proseguiranno, anche se in maniera più ordinata. Se la riapertura del Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) pare alquanto improbabile – più probabili invece dei passi in avanti su accordi specifici e settoriali – maggiori sono le chance per la Trans Pacific Partnership (TPP), per un suo minore impatto sui lavoratori americani e per il suo ruolo in chiave anti-cinese. Non ci si può, però, attendere un ritorno alla globalizzazione indiscriminata dell’era pre-Trump: le grandi disuguaglianze prima e la pandemia poi hanno ricordato che l’apertura deve andare di pari passo con una protezione strategica, dei propri cittadini, dei propri sistemi economici, del proprio interesse nazionale.

Cambierà di più, invece, la postura nei confronti della Russia, verso la quale ci si aspetta un atteggiamento più deciso di Biden, anche se Mosca non tornerà a essere il rivale principale di Washington come con Obama.

Infine, l’epoca Trump potrebbe rappresentare, per alcuni capitoli, l’“alibi perfetto” per considerare alcune scelte, come irreversibili. Ne sono un chiaro esempio il mantenimento dell’ambasciata americana in Israele nella città di Gerusalemme e la maggiore pressione verso gli alleati NATO per adempiere ai propri impegni. Chiara dimostrazione che i presidenti possono cambiare, ma l’interesse nazionale resta.

Che cosa significa per l’interesse nazionale italiano?

Data la situazione, l’Italia ha l’opportunità di affermare il proprio interesse nazionale a vari livelli: multi/plurilaterale, regionale attraverso l’UE e bilateralmente con gli USA.

  • Multi/plurilaterale: per l’imminente Presidenza italiana del G20, non è trascurabile l’incertezza legata alla transizione presidenziale. Al tempo stesso, il ruolo italiano nel prossimo G20 offre l’opportunità di ricompattare l’Occidente attorno a un metodo plurilaterale che, almeno tra alleati, può essere a somma positiva. Vale per le grandi sfide globali (clima, commercio, tecnologia, ecc.) e per la competizione sino-americane, ma anche per l’urgente bisogno di rifondare il multilateralismo: l’asse transatlantico non deve disimpegnarsi dalle istituzioni multilaterali, ma deve rafforzarne il presidio per riformarlo ed evitare che il vuoto sia riempito da altri.
  • Regionale/UE: l’Italia, paese fondatore dell’UE e tradizionale amico degli USA, può contribuire a colmare il vuoto lasciato dal Regno Unito e diventare tra i principali interlocutori di Washington per mediare sui dossier fondamentali della relazione UE-USA. Ma non facciamoci illusioni, la generalizzata maggiore attenzione al dialogo che ci si attende dalla nuova amministrazione USA di per sé non solleva il nostro paese, e l’UE in generale, dall’esigenza di prendere il proprio destino nelle mani, di fare la propria parte di “compiti a casa”.
  • Bilaterale: il graduale e ordinato disimpegno USA dall’area MENA si dovrà appoggiare su interlocutori credibili e affidabili. L’Italia ha l’opportunità di ribadire la sua scelta transatlantica, posizionandosi, per geografia e per la presenza in varie forme nella regione, come il principale partner per l’area.

La nota è disponibile anche in inglese https://www.leurispes.it/america-first-but-no-longer-alone/

Ultime notizie
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali