America First, ma non più Alone 

©agrpress - www.agrpress.it

Primo appuntamento con la rubrica mensile “Briefing”, una nota a cura dell’Osservatorio sui Temi Internazionali dell’Eurispes, presieduto dall’Ambasciatore Giampiero Massolo.

Analisi

Le conseguenze delle elezioni americane si sviluppano su tre tempi: la transizione (l’immediato); le prime fasi dopo l’insediamento (breve termine); l’intero mandato (medio termine).

Nell’immediato, non è da sottovalutare l’incertezza dovuta all’annunciata battaglia legale, pur nell’improbabilità di un suo ribaltamento dell’esito elettorale. Le diverse reazioni internazionali a questa transizione senza precedenti sono già un elemento rilevante, perché impostano il tono delle relazioni con la nuova amministrazione.

Le prime fasi del mandato avranno come priorità la politica interna, sia per l’ulteriore esasperazione delle polarizzazioni dovute alla transizione, sia per la tradizionale inclinazione dei Democratici a essere più concentrati dei Repubblicani sulla sfera domestica. La politica estera sarà probabilmente relegata in secondo piano e nella sostanza non ci si aspetta grande discontinuità, eccezion fatta per l’inversione di rotta sul clima e il rientro degli USA negli Accordi di Parigi. Sin da subito, invece, è prevedibile un netto cambiamento di toni e metodi della diplomazia americana. Con uno shift dall’esplicito transazionismo trumpiano, a uno stile più tradizionale e più attento (almeno nella forma) a questioni valoriali: democrazia e diritti umani in primis. Con conseguenti atteggiamenti più distesi nei confronti degli alleati storici, a partire dall’Europa. In particolare, con Bruxelles potrebbe essere alle viste una de-escalation delle tensioni commerciali; più difficile che le cause strutturali scompaiano: il caso Boeing v. Airbus, i dazi nel settore siderurgico e la digital tax sono alcuni dei principali dossier che rimangono sul tavolo.

La politica estera americana cambierà, dunque, volto: più “gentile” e aperto al dialogo, ma la sua postura resterà sostanzialmente invariata.

Questa considerazione si applica anche al terzo tempo, cioè al mandato nella sua interezza.

I trend strutturali dell’era Trump rimarranno. La great power competition con la Cina continuerà a dominare le relazioni internazionali, mentre tra i rischi principali si profila all’orizzonte una weaponization delle relazioni economiche internazionali. Quella di Biden sarà sempre America First, ma non più America Alone: egli cercherà di usare le alleanze storiche, a partire da quella transatlantica, per esercitare maggiore pressione sulla Cina.

Da non escludere una sempre più marcata accezione ideologica della competizione sino-americana – democrazia contro autocrazia: un elemento di rischio aggiuntivo, essendo gli scontri ideologici, per definizione, a somma zero.

Il Pivot to Asia e il graduale disimpegno dal MENA (Medioriente e Nord Africa) avviato già da Obama proseguiranno, anche se in maniera più ordinata. Se la riapertura del Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) pare alquanto improbabile – più probabili invece dei passi in avanti su accordi specifici e settoriali – maggiori sono le chance per la Trans Pacific Partnership (TPP), per un suo minore impatto sui lavoratori americani e per il suo ruolo in chiave anti-cinese. Non ci si può, però, attendere un ritorno alla globalizzazione indiscriminata dell’era pre-Trump: le grandi disuguaglianze prima e la pandemia poi hanno ricordato che l’apertura deve andare di pari passo con una protezione strategica, dei propri cittadini, dei propri sistemi economici, del proprio interesse nazionale.

Cambierà di più, invece, la postura nei confronti della Russia, verso la quale ci si aspetta un atteggiamento più deciso di Biden, anche se Mosca non tornerà a essere il rivale principale di Washington come con Obama.

Infine, l’epoca Trump potrebbe rappresentare, per alcuni capitoli, l’“alibi perfetto” per considerare alcune scelte, come irreversibili. Ne sono un chiaro esempio il mantenimento dell’ambasciata americana in Israele nella città di Gerusalemme e la maggiore pressione verso gli alleati NATO per adempiere ai propri impegni. Chiara dimostrazione che i presidenti possono cambiare, ma l’interesse nazionale resta.

Che cosa significa per l’interesse nazionale italiano?

Data la situazione, l’Italia ha l’opportunità di affermare il proprio interesse nazionale a vari livelli: multi/plurilaterale, regionale attraverso l’UE e bilateralmente con gli USA.

  • Multi/plurilaterale: per l’imminente Presidenza italiana del G20, non è trascurabile l’incertezza legata alla transizione presidenziale. Al tempo stesso, il ruolo italiano nel prossimo G20 offre l’opportunità di ricompattare l’Occidente attorno a un metodo plurilaterale che, almeno tra alleati, può essere a somma positiva. Vale per le grandi sfide globali (clima, commercio, tecnologia, ecc.) e per la competizione sino-americane, ma anche per l’urgente bisogno di rifondare il multilateralismo: l’asse transatlantico non deve disimpegnarsi dalle istituzioni multilaterali, ma deve rafforzarne il presidio per riformarlo ed evitare che il vuoto sia riempito da altri.
  • Regionale/UE: l’Italia, paese fondatore dell’UE e tradizionale amico degli USA, può contribuire a colmare il vuoto lasciato dal Regno Unito e diventare tra i principali interlocutori di Washington per mediare sui dossier fondamentali della relazione UE-USA. Ma non facciamoci illusioni, la generalizzata maggiore attenzione al dialogo che ci si attende dalla nuova amministrazione USA di per sé non solleva il nostro paese, e l’UE in generale, dall’esigenza di prendere il proprio destino nelle mani, di fare la propria parte di “compiti a casa”.
  • Bilaterale: il graduale e ordinato disimpegno USA dall’area MENA si dovrà appoggiare su interlocutori credibili e affidabili. L’Italia ha l’opportunità di ribadire la sua scelta transatlantica, posizionandosi, per geografia e per la presenza in varie forme nella regione, come il principale partner per l’area.

La nota è disponibile anche in inglese https://www.leurispes.it/america-first-but-no-longer-alone/

Ultime notizie
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale
G20
Briefing

G20, pandemia come cartina tornasole dell’imprescindibilità del multilateralismo

People, Planet e Prosperity sono i tre pilastri della Presidenza italiana del G20, ai quali se ne aggiunge un altro dettato dalle necessità legate alla pandemia: la salute globale. La crisi sanitaria ha reso evidente la necessità del multilateralismo, ovvero della cooperazione e condivisione delle strategie di contrasto.
di Alessandro Modiano*
G20