America First, ma non più Alone 

©agrpress - www.agrpress.it

Primo appuntamento con la rubrica mensile “Briefing”, una nota a cura dell’Osservatorio sui Temi Internazionali dell’Eurispes, presieduto dall’Ambasciatore Giampiero Massolo.

Analisi

Le conseguenze delle elezioni americane si sviluppano su tre tempi: la transizione (l’immediato); le prime fasi dopo l’insediamento (breve termine); l’intero mandato (medio termine).

Nell’immediato, non è da sottovalutare l’incertezza dovuta all’annunciata battaglia legale, pur nell’improbabilità di un suo ribaltamento dell’esito elettorale. Le diverse reazioni internazionali a questa transizione senza precedenti sono già un elemento rilevante, perché impostano il tono delle relazioni con la nuova amministrazione.

Le prime fasi del mandato avranno come priorità la politica interna, sia per l’ulteriore esasperazione delle polarizzazioni dovute alla transizione, sia per la tradizionale inclinazione dei Democratici a essere più concentrati dei Repubblicani sulla sfera domestica. La politica estera sarà probabilmente relegata in secondo piano e nella sostanza non ci si aspetta grande discontinuità, eccezion fatta per l’inversione di rotta sul clima e il rientro degli USA negli Accordi di Parigi. Sin da subito, invece, è prevedibile un netto cambiamento di toni e metodi della diplomazia americana. Con uno shift dall’esplicito transazionismo trumpiano, a uno stile più tradizionale e più attento (almeno nella forma) a questioni valoriali: democrazia e diritti umani in primis. Con conseguenti atteggiamenti più distesi nei confronti degli alleati storici, a partire dall’Europa. In particolare, con Bruxelles potrebbe essere alle viste una de-escalation delle tensioni commerciali; più difficile che le cause strutturali scompaiano: il caso Boeing v. Airbus, i dazi nel settore siderurgico e la digital tax sono alcuni dei principali dossier che rimangono sul tavolo.

La politica estera americana cambierà, dunque, volto: più “gentile” e aperto al dialogo, ma la sua postura resterà sostanzialmente invariata.

Questa considerazione si applica anche al terzo tempo, cioè al mandato nella sua interezza.

I trend strutturali dell’era Trump rimarranno. La great power competition con la Cina continuerà a dominare le relazioni internazionali, mentre tra i rischi principali si profila all’orizzonte una weaponization delle relazioni economiche internazionali. Quella di Biden sarà sempre America First, ma non più America Alone: egli cercherà di usare le alleanze storiche, a partire da quella transatlantica, per esercitare maggiore pressione sulla Cina.

Da non escludere una sempre più marcata accezione ideologica della competizione sino-americana – democrazia contro autocrazia: un elemento di rischio aggiuntivo, essendo gli scontri ideologici, per definizione, a somma zero.

Il Pivot to Asia e il graduale disimpegno dal MENA (Medioriente e Nord Africa) avviato già da Obama proseguiranno, anche se in maniera più ordinata. Se la riapertura del Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) pare alquanto improbabile – più probabili invece dei passi in avanti su accordi specifici e settoriali – maggiori sono le chance per la Trans Pacific Partnership (TPP), per un suo minore impatto sui lavoratori americani e per il suo ruolo in chiave anti-cinese. Non ci si può, però, attendere un ritorno alla globalizzazione indiscriminata dell’era pre-Trump: le grandi disuguaglianze prima e la pandemia poi hanno ricordato che l’apertura deve andare di pari passo con una protezione strategica, dei propri cittadini, dei propri sistemi economici, del proprio interesse nazionale.

Cambierà di più, invece, la postura nei confronti della Russia, verso la quale ci si aspetta un atteggiamento più deciso di Biden, anche se Mosca non tornerà a essere il rivale principale di Washington come con Obama.

Infine, l’epoca Trump potrebbe rappresentare, per alcuni capitoli, l’“alibi perfetto” per considerare alcune scelte, come irreversibili. Ne sono un chiaro esempio il mantenimento dell’ambasciata americana in Israele nella città di Gerusalemme e la maggiore pressione verso gli alleati NATO per adempiere ai propri impegni. Chiara dimostrazione che i presidenti possono cambiare, ma l’interesse nazionale resta.

Che cosa significa per l’interesse nazionale italiano?

Data la situazione, l’Italia ha l’opportunità di affermare il proprio interesse nazionale a vari livelli: multi/plurilaterale, regionale attraverso l’UE e bilateralmente con gli USA.

  • Multi/plurilaterale: per l’imminente Presidenza italiana del G20, non è trascurabile l’incertezza legata alla transizione presidenziale. Al tempo stesso, il ruolo italiano nel prossimo G20 offre l’opportunità di ricompattare l’Occidente attorno a un metodo plurilaterale che, almeno tra alleati, può essere a somma positiva. Vale per le grandi sfide globali (clima, commercio, tecnologia, ecc.) e per la competizione sino-americane, ma anche per l’urgente bisogno di rifondare il multilateralismo: l’asse transatlantico non deve disimpegnarsi dalle istituzioni multilaterali, ma deve rafforzarne il presidio per riformarlo ed evitare che il vuoto sia riempito da altri.
  • Regionale/UE: l’Italia, paese fondatore dell’UE e tradizionale amico degli USA, può contribuire a colmare il vuoto lasciato dal Regno Unito e diventare tra i principali interlocutori di Washington per mediare sui dossier fondamentali della relazione UE-USA. Ma non facciamoci illusioni, la generalizzata maggiore attenzione al dialogo che ci si attende dalla nuova amministrazione USA di per sé non solleva il nostro paese, e l’UE in generale, dall’esigenza di prendere il proprio destino nelle mani, di fare la propria parte di “compiti a casa”.
  • Bilaterale: il graduale e ordinato disimpegno USA dall’area MENA si dovrà appoggiare su interlocutori credibili e affidabili. L’Italia ha l’opportunità di ribadire la sua scelta transatlantica, posizionandosi, per geografia e per la presenza in varie forme nella regione, come il principale partner per l’area.

La nota è disponibile anche in inglese https://www.leurispes.it/america-first-but-no-longer-alone/

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento