Tutela degli animali domestici, interventi dei Carabinieri Nas in tutta Italia

animali domestici

Animali domestici, una vasta operazione dei Carabinieri ha messo al setaccio gli ambulatori veterinari in tutta Italia, portando alla luce numerose irregolarità. Sono stati ispezionati complessivamente 682 tra ospedali, cliniche e ambulatori veterinari, rilevando 178 obiettivi non conformi, pari al 26%, deferendo all’Autorità giudiziaria 49 titolari ed operatori e sanzionandone 141 per violazioni amministrative, per un ammontare di 145 mila euro. Si tratta di un’operazione del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, d’intesa con il Ministero della Salute, la quale ha condotto una campagna di controllo su tutto il territorio nazionale finalizzata alla verifica di strutture veterinarie che erogano prestazioni terapeutiche e curative a favore degli animali da compagnia, dotate anche di servizi di pronto soccorso.

Ispezionati 682 tra ospedali, cliniche e ambulatori veterinari, il 26% non è conforme

Sono state contestate 220 violazioni, delle quali 116 riconducibili ad irregolarità nella gestione e detenzione dei farmaci destinati all’impiego sugli animali, in quanto risultati scaduti o non correttamente registrati. Nell’ambito di tali controlli, non è stato tralasciato l’aspetto normativo legato all’emergenza sanitaria da Sars-Cov-2: tra le 62 sanzioni contestate per inadempienze procedurali, organizzative e dei livelli minimi di igiene, si è tenuto presente anche la mancata attuazione delle misure di contenimento del Covid-19. Sono stati segnalati 5 veterinari – 2 dei quali erano già stati sospesi dall’Ordine professionale – che svolgevano l’attività sprovvisti di vaccinazione anti-Covid. Nel corso delle ispezioni, i Carabinieri Nas hanno eseguito il sequestro complessivo di oltre 800 confezioni di farmaci veterinari e dispositivi medici risultati irregolari e con data di scadenza superata, detenuti in promiscuità con altri medicinali ancora validi, con rischio di somministrazione di sostanze pericolose per l’animale o comunque privi di efficacia.

Principali situazioni operative

Sono stati eseguiti, inoltre, 10 provvedimenti di sospensione dell’attività nei confronti di ambulatori veterinari che operavano in assenza autorizzativa e in condizioni igieniche e strutturali incompatibili con l’esercizio della cura e del benessere degli animali, riscontrati tra le province di Salerno (4), Latina (2), Avellino, Catania, Reggio Calabria e Torino. A Salerno è stata disposta la chiusura di 4 cliniche veterinarie per la presenza di gabbie arrugginite, pareti scrostate e prive di superfici lavabili e sanificabili, presenza diffusa di muffa e la mancanza di pulizia ordinaria e straordinaria. A Catania una struttura sanitaria è stata immediatamente bloccata dal servizio, essendo in difetto del prescritto nulla-osta veterinario e in presenza di confezioni di farmaci scaduti. A Latina i Nas hanno sospeso l’attività di 2 ambulatori veterinari con gravi carenze igieniche in tutti gli ambienti. Deferiti in stato di libertà due medici veterinari, direttori sanitari di due distinte cliniche veterinarie munite di “pronto soccorso”, ubicate nella provincia di Lecce, ritenuti responsabili di truffa aggravata in danno del Servizio Sanitario Nazionale. A Pescara e Giulianova (Te) due strutture veterinarie sono state sospese e sanzionati i titolari per irregolarità in materia di somministrazione dei farmaci e per assenza di autorizzazioni e requisiti minimi richiesti.

Sequestrati farmaci scaduti con rischio di somministrazione di sostanze pericolose per l’animale

Nel corso di un controllo presso una clinica veterinaria di Modena, sono state sequestrate 15 fiale e confezioni di medicinale ad uso veterinario rinvenute, parzialmente utilizzate, e riportanti date di apertura superiori al periodo massimo previsto di utilizzo. Inoltre sono state accertate ulteriori irregolarità nella gestione ed impiego dei medicinali ad effetto stupefacente. I Nas hanno sottoposto a sequestro amministrativo 328 dispositivi medici sterili, impiegati per trattamenti sanitari e interventi chirurgici degli animali in cura, rinvenuti scaduti di validità all’interno di un ambulatorio veterinario di Martina Franca (TA). Infine, sottoposto a sequestro un ambulatorio veterinario di Torino il cui titolare svolgeva la professione di veterinaria sebbene già destinatario di provvedimento di sospensione emesso dall’Ordine per inottemperanza all’obbligo vaccinale per Covid-19.

Leggi anche

Animali domestici nelle case del 40% degli italiani

La tutela della salute degli animali domestici, attraverso il controllo serrato delle strutture veterinarie adibite alla loro cura, riguarda un numero sempre crescente di italiani. Secondo la rilevazione dell’Eurispes, presentata nel Rapporto Italia 2021, il 40,2% degli italiani accoglie animali nella propria casa; la tendenza è di averne più d’uno. Dal 2018 è in progressivo aumento la presenza di animali nelle case degli italiani: rispondeva infatti di non possedere animali domestici il 67,6% degli italiani nel 2018, scesi al 66,4% nel 2019. Dal 2020, rinuncia ad avere un animale in casa una percentuale di rispondenti pari al 60,5% (-5,9% rispetto al 2019), diminuendo ancora al 59,8% nell’anno in corso. Allo stesso modo, sempre dal 2018 ad oggi, risulta in progressivo aumento la quota di italiani che possiedono un animale domestico: era il 32,4% nel 2018, il 33,6% nel 2019, aumentati al 39,5% nel 2020 e al 40,2% nel 2021. Notevoli anche le spese relative alla presenza di un animale domestico, che incidono senz’altro sul bilancio familiare. Il 63,4% di chi ha un animale domestico spende infatti da 31 a 100 euro al mese, di cui una parte sarà certamente riservata alle cure veterinarie, oggetto della suddetta operazione dei Carabinieri. Un terzo di chi accoglie un pet (33%) spende in media da 31 a 50 euro nell’arco di un mese, il 30,4% spende da 51 a 100 euro. Solo il 21,6% spende meno di 30 euro. Nel 10,5% dei casi il budget dedicato agli animali va da 101 a 200 euro mensili, nel 2,7% da 201 a 300 euro e nel’1,8% oltre 300 euro mensili.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
reati informatici
Senza categoria

Reati informatici e non solo, i rischi di stare in Rete

Sempre più diffusi i reati informatici, a rischio una buona parte della popolazione che naviga su internet e usa le nuove tecnologie. Nel 2022, quasi 3 italiani su 10 sono rimasti vittime di truffe informatiche (27,2%).
di Susanna Fara
reati informatici
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale