Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

randagismo

Il randagismo un fenomeno di cui si viene a parlare soprattutto in estate. Lo si potrebbe chiamare “umana disaffezione” perché chiama in causa l’ambigua relazione dell’uomo con gli animali domestici: prima desiderati, quindi accolti, teneramente coccolati quando sono cuccioli e, alla fine, messi alla porta e abbandonati. I report delle associazioni e degli enti che monitorano il fenomeno dicono che l’abbandono di cani e gatti, i cosiddetti animali d’affezione, è in Italia una piaga ancora consistente. Di buono ci sarebbe che i numeri, sempre alti, hanno fatto registrare negli ultimi anni un calo. Si è però in attesa di conoscere i dati aggiornati, quelli degli ultimi due anni che, a causa della pandemia, hanno visto cambiare le abitudini e gli stili di vita di milioni di persone sul pianeta. Di questi cambiamenti – è facile supporre – anche il mondo degli animali domestici ha subìto gli effetti. Presto se ne saprà di più. Cioè, dati alla mano, si potrà valutare l’incidenza e la natura (se positiva o, come si teme, negativa) di questi effetti sulle condizioni di cani e gatti e di altri animali che vivono tra le mura domestiche. E si saprà soprattutto se il fenomeno del randagismo, alimentato dagli abbandoni, ha ripreso quota.

Una tendenza da orientare e consolidare

I dati dell’ultimo studio disponibile della LAV raccontano di un fenomeno apparentemente in flessione. Dalla comparazione dei dati del 2018 con quelli dell’anno precedente, in cui mancano quelli della Calabria che non ha fornito indicazioni, viene fuori il quadro di una tendenza da consolidare: il fenomeno è in calo, ma lo è prevalentemente nelle regioni centrosettentrionali. In quelle del Sud, anche se si è registrata una diminuzione del 6% rispetto al 2017, il numero dei cani detenuti in un canile continua a essere molto alto. Sarebbero quasi 100 mila i cani presenti nei cosiddetti canili rifugio e il 67,1% di questi vive, nell’attesa di una difficile adozione, nei canili del Mezzogiorno. Ma c’è un dato che fa ben sperare: prima della pandemia la tendenza si era rivelata positiva su scala nazionale con una diminuzione del 4,2% delle presenze nei canili rifugio.

La “normalità” che nuoce agli animali

Eppure permane il timore che, oltrepassati i momenti più difficili della pandemia, con il tanto atteso ritorno alla “normalità”, questa non porti niente di buono per gli animali di casa, che, come ci ricorda l’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, sono prevalentemente cani e gatti, ma anche tartarughe, uccelli, criceti, conigli, pesci e asini. «Purtroppo – dichiara Ilaria Innocenti, responsabile LAV area animali familiari – il timore non è infondato, perché alla leggerezza con la quale si è introdotto un cane o un gatto nella propria famiglia, in diversi casi ha fatto seguito il fenomeno delle cosiddette rinunce di proprietà ossia la cessione dell’animale a un canile o a un gattile». Il report annuale della LAV è in fase di ultimazione, ma, pur non essendo ancora completi i dati che si stanno raccogliendo, è possibile anticipare che qualcosa non sta andando per il verso giusto. Le adozioni dei cani, lo scorso anno, non sembrano essere aumentate rispetto al 2018, anno a cui si riferisce il rapporto LAV sul randagismo 2019, e ciò trova conferma anche dai dati pubblicati sul sito del Ministero della Salute aggiornati al 2020, anno in cui sono stati adottati 42.360 cani.

Leggi anche

Randagismo, quali le cause?

Tante sembrano essere le ragioni poco “ragionevoli” che sarebbero alla base del fenomeno. Festosamente accolti in casa nei giorni del lockdown, dispensatori di quel calore vitale che i filtri del distanziamento avevano reso più raro e complicato, cani e gatti potrebbero essere improvvisamente diventati dei pesi. I motivi, per Ilaria Innocenti, sono vari. «Innanzitutto, la crisi economica che si è acuita con la pandemia, l’incapacità di gestire il cane o il gatto una volta tornati alla normalità, la scarsa consapevolezza di ciò che significa vivere con un animale e dell’impegno che questa scelta comporta. A ciò si aggiunga la morte di persone perlopiù anziane e nessun parente disposto a prendersi cura dell’animale». E dire che da tre anni a questa parte è cresciuto progressivamente il numero di italiani che hanno in casa almeno un animale. Secondo il 33° Rapporto Italia era il 32,4% nel 2018, il 33,6% nel 2019, il 39,5% nel 2020, sino a raggiungere la quota del 40,2% nel 2021. Un dato che fa temere un effetto boomerang, perché se la quota di proprietari di animali d’affezione è cresciuta in soli tre anni del 7,8%, ciò potrebbe valere anche per il numero degli abbandoni. È la paura di molti attivisti impegnati nella tutela degli animali domestici. Paura condivisa anche dalla LAV. «Secondo quanto emerge dal territorio anche gli abbandoni dei cani sembrano in aumento, ma quello dei gatti lo è certamente anche perché questi ultimi nella maggioranza dei casi non sono identificati con il microchip e, in conseguenza di ciò, è più difficile risalire all’autore dell’abbandono. I dati che stiamo ancora faticosamente raccogliendo da alcune regioni (motivo per il quale il rapporto non è ancora uscito) sono relativi al 2020 e dunque non è possibile fare nemmeno una stima degli abbandoni post lockdown».

Randagismo e abbandoni, condotte scorrette e leggi poco dissuasive

Eppure il quadro normativo che punisce e sanziona la condotta di chi abbandona o maltratta un animale è, in Italia, diventato più severo. Sulla carta, almeno. C’è, infatti, da chiedersi perché le recenti disposizioni normative che vietano e severamente puniscono i maltrattamenti degli animali non siano riuscite ancora a contrastare con efficacia questa triste piaga. Per Carla Rocchi, presidente nazionale dell’ENPA, la risposta è semplice. «Lo è davvero – dichiara – perché le pene previste per i maltrattamenti vanno, come per ogni altro reato, da un minimo ad un massimo. I magistrati, tranne che in qualche raro caso di particolare sensibilità, comminano sempre la pena minima, il che vanifica nei fatti la funzione di deterrente o di giusta punizione prevista dalla norma. Basterebbe elevare le pene minime previste. Forse allora, finalmente, qualche delinquente andrebbe giustamente in galera». Alla politica del bastone si potrebbe poi sommare il ricorso alla carota, intervenendo e investendo in quei campi come l’intelligenza ecologica e la sensibilità ambientale che possono aiutare a inquadrare sotto la giusta luce la questione dei diritti degli animali.

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità