Gli applausi a Mattarella, segnale ambiguo di consenso

mattarella

Li hanno dovuti contare con attenzione, per quanti erano. Non finivano mai gli applausi a Sergio Mattarella, e dopo si è passati a confrontarli con quelli precedenti, redigendo tabelle e schemi riassuntivi. Qualcuno si è posto domande delicate o politicamente scorrette. Qual è il significato di un così vasto plauso? Erano tutti sinceri quei consensi? Magari erano troppi?
Sono stati 55 gli applausi a scena aperta che hanno accompagnato il discorso di insediamento al Colle di Sergio Mattarella. I pignoli hanno calcolato che ce n’è stato uno ogni 46 secondi. Ha superato di gran lunga il mitico Pertini (solo 6), l’amato Ciampi (19), il severo Napolitano I e II (29 e 32), chiunque in precedenza, soprattutto ha battuto sé stesso quando nel 2015, alla prima elezione, si era fermato a 40.

Il discorso di Mattarella è un memorandum di intenti e princìpi per gli anni a venire

Nell’aula è stato unanime il coro, espressione del consenso esistente nel Paese, non solo all’interno del Palazzo, intorno alla figura di Mattarella. Infatti nel conto vanno pure messi i battimani della gente comune, il calore spontaneo manifestato dagli italiani in tante circostanze. Un’adesione che è stata crescente nel settennato, diffusa in tutti gli strati della popolazione, a prescindere dal ceto e dalle idee politiche: anche lontano dalle platee sofisticate della Scala e del San Carlo.
L’applauso è scattato praticamente su tutti gli argomenti trattati, davvero tanti. Il discorso non era rivolto alle urgenze, proiettato sul breve periodo. Non aveva un respiro corto. Spaziava in un vasto orizzonte di tematiche, proponendosi come memorandum di intenti e princìpi per molti anni a venire.

La delicata questione dell’ordinamento giudiziario e della riforma del Csm

Ma, se gli applausi sono stati tanti e intensi, siamo arrivati addirittura ad una doppia standing ovation quando Mattarella ha affrontato il nodo giustizia, in particolare la questione dell’ordinamento giudiziario e della riforma del Csm. Forse non c’è stato argomento che abbia sollevato un così forte interesse, generando consenso sulle parole usate. L’applausometro ha fatto registrare un’impennata. Su questo, non c’è stata distinzione tra maggioranza e opposizione, tra destra e sinistra, per quanto quelle contrapposizioni avessero reso travagliata l’elezione, incerto il risultato finale. Stavolta tutti sono scattati in piedi. Erano da guardare uno ad uno, se le mani nello slancio entusiasta non avessero (pudicamente?) coperto il volto.
Erano euforici e rassicurati, eccitati dall’insperata sollecitazione, con quel senso liberatorio verso chi è riuscito a cantarla con le note giuste. Non importava chiedersi dove fossero loro di fronte a simili problematiche, quale parte avessero svolto in precedenza, troppo complicato, o imbarazzante. Bastava la conclusione: ecco finalmente uno che sa parlare chiaro, che dice le cose come stanno.

Leggi anche

Anche su un punto così sensibile, e di fronte a ovazioni che scuotevano la sala e stordivano le orecchie, Mattarella non ha cambiato registro. Come in tutto il discorso e su ogni aspetto, è rimasto impassibile: serio, senza sorrisi, né compiacimenti. Certo si è fermato, ha alzato lo sguardo. Ma è sembrato aspettare il momento per riprendere a parlare, piuttosto che cercare benevolenza e compiacenza. D’altronde non ha mai ceduto neppure alla tentazione contraria, per quanto potesse essere giustificata. Non ha mai richiamato all’ordine qualcuno. Non c’è stata insomma concessione alla platea, in un senso o nell’altro, per assecondarla o rimproverarla. Nessuna frustata polemica alla maniera di Napolitano II per quanto il parlamento sia rimasto bloccato sui veti e sulle contrapposizioni, nemmeno il comodo rifugio sprezzante del moralismo.

La parola più usata da Mattarella: dignità

Una lezione di stile, oltre che di merito, perciò nobile: la parola più usata è stata dignità, mentre quella più ripetuta nel primo discorso era stata speranza; una diversità terminologica che, a leggere i concetti in filigrana, segnano il cambiamento radicale tra la condizione di ieri e l’attuale. È rimasta la compostezza, senza cedimenti neppure per le approvazioni. Anche se le negligenze, le contraddizioni – come del resto le cause – erano tutte lì, in senso metaforico e reale, presenti negli atteggiamenti di quei grandi elettori in aula.

Giustizia, terreno di scontro politico

È innegabile che il capitolo giustizia sia uno dei più controversi ed allarmanti, e non è affatto sconcertante che il Presidente si sia soffermato su di essi sollecitando la responsabilità di chi ha il compito di varare le riforme da troppo tempo attese. D’altra parte, come l’individuazione del tema, è impossibile negare che anche le parole usate siano state ineccepibili.
La giustizia è diventata «terreno di scontro politico», il suo funzionamento «non corrisponde sempre alle pressanti esigenze di efficienza e credibilità», infine le vicende che hanno coinvolto il Csm in clamorose polemiche delegittimanti hanno mostrato le conseguenze estreme di quel mercato delle carriere che è conseguenza del «prevalere di inaccettabili logiche di appartenenza».

Tutto bene allora? Ne usciamo rassicurati dalla condivisione di un messaggio irreprensibile? Per non andare troppo indietro nel tempo, a proposito di “uso politico della giustizia”, gli applausi non sono riusciti a nascondere, per esempio, certe manovre di poche ore prima. Nell’elezione presidenziale, proprio nomi di magistrati (Nordio e Di Matteo, non consenzienti) sono stati messi in contrapposizione e strumentalizzati. Lo hanno fatto, gli odierni plaudenti, per attribuire bandiere di conservatorismo o progressismo, sventolare falsi emblemi di permissivismo o rigore giudiziario.
S’intende. Tanti e troppi magistrati (da Palamara in su o in giù) ci hanno messo il loro in questi ultimi anni per gettare discredito sulla magistratura e allarmare i cittadini sul buon uso di uno strumento delicato come i processi penali. La fiducia nella giustizia è in crisi, per molta parte, a causa loro. Ma le riforme necessarie sono scandalosamente ferme per i ritardi del parlamento, la strumentalizzazione dei problemi per fini di parte, l’approssimazione culturale nella trattazione dei problemi.

Non c’è settore della giustizia che non richieda interventi decisi

C’è tanto altro da riformare non solo quanto citato dal Presidente (Csm, ordinamento giudiziario), che – possiamo dirlo? – è apparso persino benevolo. Non c’è settore della giustizia che non richieda interventi decisi, ma il fatto è che in tanti (e tra costoro mettiamo, senza eccessivo pudore, anche la grandissima parte dei magistrati che fa il suo dovere, oltre a avvocati, accademici, gente comune) li reclamano inutilmente in tutte le sedi possibili, ormai hanno perso la voce. Un elenco infinito: dalla riforma dell’ordinamento penitenziario (per ridare dignità ai condannati e recuperarli alla società, secondo un progetto subito arenatosi) a misure per rendere rapidi i processi, alle riforme di diritto sostanziale; dagli investimenti nelle carceri a quelli negli strumenti di indagine e trattazione dei fascicoli. Tanto da fare senza perdere un giorno, e possibilmente nella direzione giusta.
«Applausi, di gente intorno a me», cantavano anni fa i mitici Camaleonti. Quando Mattarella, in quella situazione, ha insistito perché sia «recuperato un profondo rigore», nell’aula di Montecitorio ha fatto comodo a troppi pensare che il monito fosse rivolto ad altri, non anche a sé stessi. «Tu sola non ci sei» aggiungevano però gli stessi Camaleonti. Un avvertimento utile da recuperare, magari quel «lei» può essere oggi persino la malandata giustizia. Perché no?

*Angelo Perrone, è giurista e scrittore. È stato pubblico ministero e giudice. Si interessa di diritto penale, politiche per la giustizia, tematiche di democrazia liberale. È autore di pubblicazioni, monografie, articoli.

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse