International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

130

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali.

Quando si parla di Asia Centrale si fa riferimento alle repubbliche post-sovietiche di Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan la cui analisi spesso comporta l’inclusione anche di Afghanistan e della Repubblica Islamica dell’Iran per motivi di natura geopolitica e storico-culturale. La regione, a seguito della caduta dell’Unione Sovietica, ha attratto sempre più interesse a livello internazionale per la sua posizione strategica e per le risorse naturali ed energetiche di cui dispone.

L’Asia Centrale è sempre stato territorio di contesa e scontro da parte dei grandi imperi e delle grandi potenze dall’epoca antica fino alla contemporaneità perché inserita all’interno del grande scacchiere geopolitico dell’Eurasia il cui controllo, come affermato da Sir Alford Mackinder nella sua teoria dell’Heartland (“cuore della Terra”), permette di dominare il cuore della Terra e così i destini del mondo.

L’idea di governare il mondo attraverso il controllo della regione centroasiatica era viva anche durante l’era dei grandi imperi sovrannazionali quando la Russia zarista e la Corona britannica si fronteggiarono in uno scontro interpretato dagli storici dell’epoca come una contrapposizione tra il colonialismo britannico etichettato come “liberale” e quello zarista caratterizzato dalla volontà di allargare i propri confini attraverso l’espansione militare e la corruzione dei potenti locali.

Durante la Guerra Fredda Zbigniew Brzezinski, politologo statunitense e consigliere per la sicurezza nazionale nella presidenza di Jimmy Carter, aveva individuato nella regione euroasiatica, e quindi nell’Asia Centrale, uno degli obiettivi della politica estera della Casa Bianca.

La partita che si è giocata nel XX secolo nella regione ha visto lo scontro tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, eredità raccolta oggi da Mosca e Washington a cui si è aggiunto un terzo attore emergente, Pechino.

Per la Federazione Russa, l’Asia Centrale può essere considerata come “Blizhnee Zarubezhe” o “Vicino Estero” perché dal punto di vista storico è stata parte integrante dell’Impero zarista e dell’Unione Sovietica. Come affermato da molti analisti statunitensi, a seguito della caduta dell’Urss il Cremlino ha sempre cercato di esercitare la propria influenza nella regione attraverso il mantenimento e l’apertura di nuove basi militari e facendo perno su un passato storico comune riscontrabile facilmente nella larga diffusione della lingua russa e anche nella presenza di una minoranza russa considerevole nell’area. All’aspetto militare, politico e culturale si deve unire quello economico rappresentato dall’Unione Economica Euroasiatica (UEE), organizzazione che mira a creare un mercato economico comune e che vede tra i partecipanti la Russia, il Kazakistan e il Kirghizistan (insieme anche a Bielorussia e Armenia) con la possibile partecipazione del Tagikistan, il cui obiettivo finale potrebbe essere quello di imporre il rublo come moneta principale dell’intera regione centroasiatica in modo da contrastare il peso internazionale del dollaro.

Gli Stati Uniti sono stati coinvolti in Asia Centrale durante la Guerra Fredda dove hanno affrontato l’Unione Sovietica spingendo Mosca ad intervenire in Afghanistan e intrappolandola in un lungo conflitto (1979-1989) che sottolineò lo stato di decadenza della potenza militare sovietica e fu il preambolo, insieme a perestroika e glasnost, del crollo dell’Urss. Sin dall’indipendenza delle repubbliche centroasiatiche post-sovietiche, conosciute anche come “gli Stan-countries”, Washington ha cercato di giocare un ruolo primario e decisivo nella regione attraverso la diplomazia e lo sviluppo di una rete di organizzazioni non governative e umanitarie che facilitassero la diffusione dell’American Dream e degli ideali del capitalismo e del liberalismo che avrebbero dovuto fare da contraltare al passato sovietico. Anche se la Nato ha chiuso il suo ufficio di collegamento a Tashkent in Uzbekistan nel 2017, Washington è ancora impegnata nella guerra in Afghanistan e vuole preservare la sua presenza militare e il suo peso diplomatico nell’area come deterrenza contro la Federazione Russa, l’Iran e la Cina.

La Repubblica Popolare Cinese con la Nuova Via della Seta, strategia lanciata da Pechino nel 2013, sta assurgendo al ruolo di paese leader nell’area grazie ai cospicui e continui investimenti volti a favorire la stabilità regionale e il finanziamento di progetti di sviluppo socioeconomico. La Cina è legata alla regione grazie anche all’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai che vede al suo interno, come membri, Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan, il cui intento è quello di favorire e migliorare la sicurezza regionale e la cooperazione economica e culturale.

L’Unione europea ha provato a momenti alterni a interagire con i paesi centroasiatici e recentemente ha ribadito il proprio impegno in Asia Centrale come si evince dal documento The EU and Central Asia: New Opportunities for a Stronger Partnership adottato dalla Commissione Europea e dalla volontà più volte espressa dai vari rappresentanti europei di rendere Bruxelles maggiormente partecipe e attiva nelle dinamiche regionali. L’Ue ha, infatti, sottolineato la «relazione di lunga data basata su forti interessi reciproci» con Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan. 

Bruxelles sta, dunque, cercando di espandere la propria rete di partner commerciali e diversificare le importazioni di energia: l’Asia Centrale potrebbe divenire una regione target nella strategia energetica europea essendo ricca di petrolio e gas naturale. Durante gli anni Novanta divenne popolare l’idea di sviluppare il Gasdotto Transcaspico (TCP) che avrebbe dovuto trasportare gas naturale dal Turkmenistan e dal Kazakistan ai paesi membri dell’Ue aggirando sia la Russia che l’Iran.

Al TCP fa da contraltare il gasdotto TAPI (Turkmenistan, Afghanistan, Pakistan e India), conosciuto anche come il Gasdotto Trans-afghano, sostenuto dalla Banca dello Sviluppo Asiatico, che prevede il trasporto del gas naturale turkmeno fino in India. Per tutto lo scorso anno si sono susseguite notizie che parlavano di un interesse cinese per il TAPI con l’obiettivo di Pechino di sfruttare il gasdotto come progetto energetico integrante della Nuova Via della Seta.

Indubbiamente, l’Asia Centrale è un mercato economico ed energetico in rapida ascesa verso il quale si stanno direzionando gli investimenti di potenze internazionali e compagnie straniere operanti in diversi settori e una regione strategicamente importante che continuerà sempre ad attirare gli interessi delle potenze mondiali e a subirne le influenze a livello politico e socioeconomico. Se da un lato, il mercato centroasiatico denota di avere grandi potenzialità e di essere volenteroso di attrarre investimenti diretti stranieri (FDIs) e società estere pronte a condividere il proprio know how in progetti di joint venture (e l’Italia potrebbe essere positivamente interessata a questo), dall’altro lato, la regione presenta delle criticità che non possono essere sottovalutate.

Una di queste è il problema della sicurezza che ha visto fin dagli anni Novanta la regione centroasiatica essere coinvolta nel processo di radicalizzazione che ha favorito la nascita di diversi gruppi armati connessi con il network del terrorismo internazionale e l’esecuzione di attentati ai danni di obiettivi militari e civili. La gestione dell’Afghanistan è, quindi, fondamentale per diminuire la presenza jihadista nell’area: infatti, come dimostrato dagli attentati contro i consolati cinesi di Bishkek (Kirghizistan) nel 2016 e Karachi (Pakistan) nel 2018, spesso il coinvolgimento economico di un attore internazionale rischia di minarne la sua sicurezza con ripercussioni sia all’interno del paese che nei confronti delle proprie strutture e dei propri interessi in tutta l’Asia Centrale.

La Nuova Via della Seta e i copiosi investimenti cinesi potrebbero migliorare la situazione socioeconomica dell’intera regione centroasiatica caratterizzata dalla convivenza di diversi gruppi etnici, che in alcune aree ha raggiunto un livello di crisi prossimo allo scontro, diminuendo così il processo di reclutamento da parte dei gruppi jihadisti e l’impatto della propaganda del terrorismo. La strategia di interconnessione cinese sembrerebbe aver giovato alla stabilità regionale riuscendo ad appianare le diverse problematiche di gestione dei confini sorte tra le repubbliche centroasiatiche; la prossima sfida potrebbe essere quella di regolare l’approvvigionamento idrico che contrappone Tagikistan e Kirghizistan a Kazakhistan, Turkmenistan e Uzbekistan per la gestione di corsi fluviali principali come l’Amu Darya e il Syr Darya da cui dipende l’agricoltura di questi paesi.

L’Asia Centrale è sicuramente un teatro di scontro geopolitico, però presenta opportunità di investimento ed economiche importanti che non possono essere tralasciate dai paesi europei, in special modo dall’Italia, perché l’intero mercato centroasiatico è connesso con quello dell’Ue e con quello cinese e al suo interno presenta infrastrutture e agevolazioni economiche in grado di favorire gli scambi e la presenza di realtà estere con un rischio di impresa significativo bilanciato, però, da un livello di profitti e di operatività commerciale elevato. Essere estromessi o vivere in una posizione marginale nel mercato centroasiatico sarebbe dunque un errore. L’Asia Centrale ha il potenziale per emergere nel sistema economico e commerciale mondiale e divenire un’area strategicamente fondamentale per la Nuova Via della Seta a cui la stessa Italia si è legata con il recente Memorandum di Intesa firmato dall’attuale Governo Conte e a cui lo Stato italiano guarda per migliorare le proprie esportazioni.

Giuliano Bifolchi è co-fondatore dell’Associazione di Studio, Ricerca e Internazionalizzazione in Eurasia ed Africa (ASRIE) e analista geopolitico specializzato nel settore sicurezza, conflitti e relazioni internazionali.

Ultime notizie
Società

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo