Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

baby gang

Nel Rapporto Italia 2024 elaborato dall’Istituto Eurispes, è emerso il tema delle bande giovanili come fenomeno presente sul nostro territorio. Nell’intervista a Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, facciamo chiarezza sul fenomeno delle cosiddette “baby gang” e della devianza giovanile, tra realtà e percezione, ovvero confrontando l’analisi dei dati raccolti dalla Polizia Criminale con le indicazioni date in merito dai cittadini.

Dottor Delfini, recentemente è stato presentato l’ultimo studio prodotto dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale sul tema della “Criminalità minorile e gang giovanili”. Può dirci, in linea generale, quali sono i risultati più importanti emersi dall’analisi dei dati? 

Dall’analisi delle segnalazioni di minori della fascia d’età 14-17 anni estrapolate dalla Banca Dati delle Forze di Polizia, con riferimento al periodo 2010-2023, non sono emerse significative variazioni rispetto al 2022 ed il panorama delle città metropolitane appare molto variegato. Il valore delle segnalazioni del 2023 (31.173) è inferiore a quello del 2022 del -4,15%. I dati analizzati per il periodo 2010-2022 evidenziavano un incremento delle segnalazioni di minori per i reati caratterizzati da violenza come le lesioni dolose, la rissa e la rapina. Tra il 2022 ed il 2023, a fronte di un decremento delle segnalazioni relative alla rissa (-16,41%) ed alle percosse (-16,52%), le segnalazioni di minori per rapina (7,69%), lesioni dolose (1,96%) e violenza sessuale (8,25%) subiscono un contenuto incremento.

Si può parlare di un “caso Italia” ossia di peculiarità, su questo fenomeno, del nostro Paese in confronto ad altri paesi europei od Oltreoceano, rispetto alle caratteristiche che assumono le gang giovanili?

Dall’aggiornamento del monitoraggio esplorativo delle gang giovanili per il biennio 2022-2023 emerge come le stesse siano presenti nella maggior parte delle regioni italiane, con una leggera prevalenza nel Centro Nord rispetto al Sud, confermando gli esiti del primo studio redatto nell’ambito della collaborazione con Transcrime. Si tratta di un fenomeno che non mostra peculiarità rispetto ad altri paesi, è presente prevalentemente nelle piazze, nelle stazioni ferroviarie o nei centri commerciali delle grandi aree urbane. In rarissimi casi si sono registrati gruppi dotati di una gerarchia definita; non sono state censite gang che risultino essersi ispirate ad organizzazioni criminali italiane o estere. Sono composte in netta prevalenza da un numero inferiore alle 10 unità, prevalentemente del genere maschile appartenenti alla fascia d’età 15-24 anni. Nella maggioranza dei casi, le gang giovanili hanno compiuto atti di bullismo, risse, percosse e lesioni nei confronti di coetanei e atti vandalici e disturbo della quiete pubblica.

Nel Rapporto Italia 2024, l’Eurispes ha sondato, attraverso l’esperienza diretta dei cittadini, la presenza delle cosiddette “baby gang” sul nostro territorio. Ne è emerso un quadro preoccupante, secondo il quale oltre un terzo del campione, il 36% dei rispondenti, denuncia la presenza di gang giovanili nella zona in cui vive. Questa stessa indicazione è percentualmente più alta presso i giovanissimi. Secondo Lei, il dato rispecchia effettivamente la realtà delle nostre città?

La sicurezza reale si riferisce alla misurazione oggettiva della sicurezza di un’area e si basa su fatti concreti e misurabili che possono essere quantificati e analizzati come il tasso di criminalità; la sicurezza percepita si riferisce alla percezione soggettiva delle persone riguardo alla loro sicurezza personale o alla sicurezza del loro ambiente. Questa percezione può essere influenzata da una serie di fattori, tra cui l’esperienza personale e le notizie dei media. Sarebbe importante riconoscere che la sicurezza reale e quella percepita non sempre coincidono. Ad esempio, un’area con bassi tassi di criminalità potrebbe comunque essere percepita come pericolosa a causa di fattori come la presenza di luoghi abbandonati o l’assenza di illuminazione pubblica. All’esito del monitoraggio esplorativo relativo al biennio 2022-2023 il quadro non appare allarmante, anche alla luce delle peculiarità del fenomeno che è in continua evoluzione sia in termini di diffusione sul territorio sia in riferimento agli atti commessi che, solo in talune circostanze, si sono sostanziati in reati molto violenti: il fenomeno può ricondursi al tema più generale della devianza giovanile. Nel contesto della progettazione delle politiche di sicurezza, è importante lavorare non solo per migliorare la sicurezza reale attraverso misure concrete, ma anche per affrontare le percezioni di insicurezza che possono influenzare il benessere e la qualità della vita delle persone.

Leggi anche

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang