80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

d-day

Nella storia fatta di battaglie e imprese militari si contano innumerevoli D-Day[1]. Tra i tanti, ce n’è però uno che per importanza ha finito con il meritare l’esclusiva del termine. Il 6 giugno se ne ricorderà l’ottavo decennale. Sono, infatti, ottanta gli anni trascorsi da quello che è passato alla storia come l’inizio di una delle più imponenti operazioni militari di sempre: l’Operazione Neptune, conosciuta anche come lo sbarco in Normandia, atto iniziale della più lunga e complessa Operazione Overlord. Nomi altisonanti – addirittura, un antico dio pagano e un appellativo da capo assoluto – per etichettare in codice l’evento che ha avviato l’inarrestabile fine del nazismo e della Seconda guerra mondiale. Non meno degli storici di professione, a raccontarlo e scolpirlo nella memoria dell’uomo contemporaneo hanno contribuito anche romanzi e tante pellicole cinematografiche. Del resto, le prospettive da cui guardare l’evento che ha cambiato radicalmente il corso degli eventi, accelerando la caduta della barbarie nazista, sono davvero tante. Insieme possono restituire un’immagine caleidoscopica di quanto accadde in quel fatidico 6 giugno del 1944, in cui la vita di tanti uomini e tante donne di entrambi i fronti prese la direzione di un nuovo destino. E così sarà anche per le generazioni postbelliche che dalla memoria di quegli eventi si allontanano sempre più, faticando a ricordare ciò che si fa sempre meno presente alla loro memoria.

D-Day, non è solo memoria corta

Sarebbe ingiusto attribuire la memoria corta a chi, come le generazioni del presente, ha ricevuto in eredità un’immagine sbiadita del passato. In un’indagine condotta tra il 2014 e il 2016 nelle scuole del Veneto, un team di studiosi ebbe la conferma che «ci sono evidenti ragioni politiche, ideologiche e culturali che inducono, nelle nuove generazioni, la perdita di senso della storia, a cui si aggiunge l’interruzione del passaggio di memoria familiare e collettiva tra le generazioni, che, a sua volta, ha come effetto la rottura dell’interrelazione necessaria e ineludibile tra passato e presente»[2]. Si fatica a studiare a scuola la storia, disciplina vista come un noioso e inutile groviglio di nomi e date, perché la si racconta meno in famiglia, e anche quando diventa trama di un’avvincente serie tv, la storia funge da comparsa e contorno per dare ordine e una collocazione semplicemente temporale a vicende ritenute più interessanti, con il rischio non solo di eludere, ma anche di male intendere la necessaria interrelazione tra passato e presente. Una visione della storia viene allora a essere quella di una grande scatola capace di contenere dentro tante altre storie, così tante e separate però che alcune potrebbero sembrare meno rilevanti di altre.[3]

Storie da calendario nell’agenda della memoria

Un modo per ricordare il passato è sempre stato quello di farne oggetto di commemorazioni. È grazie al valore accordato a determinate ricorrenze – si pensi, ad esempio, al Giorno della memoria – che il passato riemerge più facilmente. Non tutto ciò che è passato riesce, comunque, a farsi strada nel grande viluppo di eventi che si sono succeduti nel tempo. Un’eccezione andrebbe fatta per il XX secolo, segmento temporale che gli studenti italiani sembrerebbero prediligere, anche se con modalità molto selettive. «Certo è che il Novecento – rilevano gli studiosi dell’indagine sopra citata – sembra essere rappresentato nell’inconscio collettivo degli studenti quasi esclusivamente dalle guerre mondiali, percepite più in una dimensione mitica che nella loro drammatica fattualità storica. La seconda metà del secolo è quasi ignorata, nonostante le indicazioni ministeriali ne prevedano la trattazione e i manuali ormai la affrontino ampiamente, almeno fino agli anni Novanta»[4]. Perché la memoria e la conoscenza del Novecento siano meno labili è stato, infatti, deciso da tempo di riservare l’ultimo anno d’insegnamento della storia ai grandi fatti del secolo scorso. Più tempo, più lezioni, più approfondimenti avrebbero dovuto garantire alle nuove generazioni una conoscenza più solida del passato, almeno di quello più recente.

D-Day, uno spartiacque fra un “prima” e un “dopo”

Come per tanti altri eventi del passato, anche per lo sbarco in Normandia è possibile che il ricordo si presti a interpretazioni diverse. Potrebbe esserci chi, anche tra gli addetti ai lavori, ne vorrà limitare la rilevanza, non riconoscendo a quanto accadde in quel lontano 6 giugno 1944 lo status di evento determinante; e ci sarà sicuramente chi, in linea con una lunga tradizione storiografica, di quella colossale operazione militare sottolineerà sempre l’importanza quasi decisiva che ha avuto nel corso del secondo conflitto mondiale, perché, se è vero che le sorti del nazionalsocialismo sembravano segnate (lo facevano pensare l’intervento americano, i fenomeni resistenziali e la grave debacle tedesca in Unione Sovietica), nessuno poteva dire con certezza per quanto tempo ancora il nazismo sarebbe rimasto in piedi. Aspetto non trascurabile in un’Europa devastata dalla guerra su cui incombevano per giunta le prime avvisaglie della Guerra fredda. Si potranno riprendere in mano e rileggere, allora, lavori come quello di Olivier Wieviorka, storico francese autore di tanti saggi sulla Seconda guerra mondiale, per il quale, rispetto al D-Day, per chi lo ha vissuto sulla propria pelle e per chi ne ha ereditato il ricordo, «vi è come uno spartiacque fra un “prima” e un “dopo”».[5]

Interrogativi sospesi

Il ricordo non è sempre scevro di riserve e interrogativi. E così, anche la ricorrenza degli ottanta anni dello sbarco degli Alleati sulle coste della Normandia potrà rilanciare vecchie questioni sospese o sollevarne di nuove. Potremmo chiederci, ad esempio, con quale atteggiamento ricordare quell’evento, se e come celebrarlo, se mettere in discussione narrazioni consolidate e vulgate da manuale scolastico e, infine, se il ricordo, una volta acquisito, abbia un significato unanimemente condiviso. Nelle risposte che verranno date non potrà non risultare evidente il peso di visioni geopolitiche che, per quanto capaci di fotografare il presente, non sempre dimostrano di essere altrettanto efficaci con il passato.

 

[1] È così che viene chiamato l’inizio di un’operazione militare. “D” sta per “day” (giorno), valendo, quindi, come l’indicazione del giorno stabilito per mettere in atto l’intervento. Attraverso un “D-Day” si può stabilire quanti giorni prima o dopo l’evento scatenante si siano verificati altri eventi a esso correlati.
[2] Cinzia Crivellari, Roberta Bravin, I Giovani e la storia. Un’indagine tra gli studenti delle scuole superiori del Veneto, Novecento.org, n. 10, agosto 2018.
[3] Tra gli studi più importanti sul rapporto tra i giovani e la conoscenza della storia c’è il saggio di Milena Rombi (La conoscenza della storia del Novecento in uscita dalla scuola secondaria di II grado. Indagine empirica su livelli di conoscenza, rappresentazioni ed esperienze didattiche degli studenti, Edizioni Nuova Cultura, Roma 2013), al quale si richiamano anche gli autori delle ricerche sugli studenti delle scuole venete.
[4] Ivi.
[5] Cfr. O. Wieviorka, Lo sbarco in Normandia, il Mulino, Bologna 2009.

*Giuseppe Pulina, filosofo, giornalista, docente, componente del Comitato Scientifico dell’Eurispes.

 

Leggi anche

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang