Calabria in lockdown: una regione virtuosa

Ci sono giornate, in Calabria, che iniziano tra il tintinnio delle manette ed il suono delle sirene delle volanti di Polizia e Carabinieri; giorni in cui la cronaca giudiziaria ha la meglio sul blu del mare che lambisce gli oltre 800 chilometri di costa e sul verde delle montagne, polmone di una regione che troppo spesso stenta a respirare. Per molti la Calabria è questo: un misto di bellezza e malaffare, un luogo dove lo Stato, per farsi sentire e vedere deve alzare la voce e dove per fare giustizia c’è chi vorrebbe arrestare tutti. Eppure, c’è una Calabria che nessuno si sarebbe mai aspettato di scoprire: è la Calabria che ha saputo ascoltare e dialogare con lo Stato, la Calabria che ha stretto un Patto di fiducia reciproca con le Forze dell’ordine, una Calabria che si riconcilia con gli “sbirri”. È la Calabria del Covid e del lockdown che dimostra, durante uno dei momenti più drammatici della storia contemporanea, di sapere rispettare la Legge, di sapere convivere con regole e norme, di sapere obbedire al giusto comando, di comprendere la forza dello Stato che sa proteggere e assistere nel momento del bisogno.

Come sede regionale dell’Istituto Eurispes abbiamo analizzato i dati relativi al rapporto controlli/sanzioni nelle province calabresi durante la Fase 1 e nel periodo di lockdown.

Con 1.231casi (dato aggiornato al 17 luglio 2020, ndr) dall’inizio dell’emergenza sanitaria, la Calabria si colloca in fondo alla classifica dei contagi in Italia, frutto di una serie di fattori ad essa favorevoli ma soprattutto di un eccellente lavoro svolto sul campo dalle Forze dell’ordine, dall’ineccepibile lavoro coordinato di prefetture e questure che hanno gestito la crisi sul territorio stando accanto ai cittadini calabresi.

Non era semplice né scontato: lo Stato che in Calabria ha spesso esercitato il ruolo di giustiziere, che ha dovuto farsi forte per vincere, questa volta è riuscito ad esercitare la sua funzione sociale, e non c’è stato tanto bisogno di manette o manganelli di minacce o rappresaglie. Non di rado, durante i tre mesi di lockdown, abbiamo visto Polizia e Carabinieri parlare ai cittadini, spiegare quanto fosse importante rimanere a casa a tutela della salute propria e di quella degli altri; li abbiamo visti consegnare tablet e computer agli studenti per poter svolgere i compiti e seguire le lezioni a distanza, e ancora consegnare la pensione e la spesa agli anziani, compilare autocertificazioni e assistere le persone sole. Hanno vigilato in città, nei paesi, nei borghi, nelle periferie, in Sila come in Aspromonte, sul Pollino come sulle coste ioniche e tirreniche, di giorno e di notte.

I risultati sono stati sorprendenti: il numero dei contagi, grazie anche a queste buone pratiche, è stato bassissimo e quei piccoli focolai che rischiavano di mettere in ginocchio la sanità calabrese sono stati contenuti con efficaci e puntuali interventi.

A darne prova sono i fatti, e prima ancora i numeri. Stando ai dati del Ministero dell’Interno, se analizziamo ad esempio la Provincia di Reggio Calabria, nel periodo dal 27 marzo 2020 al 12 aprile 2020 in tutta la provincia sono state elevate 2.091 sanzioni su 66mila controlli eseguiti, un rapporto che è pari al 3%; nello stesso periodo, ad esempio, in provincia di Brescia – una delle aree di maggiore contagio in Italia – il rapporto tra controlli e sanzioni è stato superiore al 6%.

Emblematico anche il caso della provincia di Crotone; qui, tra il 10 ed il 17 marzo (e quindi nei primissimi giorni di lockdown), si è verificato un evento sismico di notevole importanza, al quale si è unito lo sbarco di 12 migranti. In questa difficile situazione, la task force coordinata dalla Prefettura è riuscita a gestire al meglio la situazione di pericolo; ne sono ancora prova i numeri: 2.415 controlli, 312 denunce per un rapporto che è pari all’1,2%.

In provincia di Catanzaro, tra  l’11 marzo ed il 4 maggio 2020, sono state rilevate violazioni e comminate sanzioni in numero di 2.443 (431 dall’11 al 31 marzo – 1.901 dal 1° al 30 aprile – 111 dall’1 al 4 maggio); la progressiva diminuzione delle violazioni accertate è indicativa di una crescente consapevolezza tra i cittadini circa l’importanza dell’adesione alla disciplina di tutela sanitaria e, al contempo, della diffusione della corretta informazione circa i comportamenti consentiti e quelli vietati. 

La Fase 1, in Calabria, è terminata con un rapporto tra controlli e sanzioni pari all’1,8%: 221.096 persone controllate, 3.996 sanzioni e 288 denunce. Per qualcuno è stata fortuna, per altri il clima, per altri ancora la genetica, ma se la Calabria è riuscita a restare in fondo alla triste classifica delle vittime da Covid-19, rivelandosi una regione virtuosa durante il periodo di emergenza, lo si deve anche allo straordinario lavoro svolto dallo Stato, sceso in campo certamente a contrastare crimini e illeciti ma soprattutto schierato accanto ai calabresi, comprendendo disagi e difficoltà, offrendo protezione e sicurezza. Da qui si dovrà ripartire, da questa ritrovata fiducia, da questa reciproca lealtà perché anche in Calabria si può coltivare e praticare la legalità coniugandola con la giustizia, ognuno col suo esercito ma tutti insieme schierati lealmente per la tutela ed il sostegno del bene comune contro ogni crimine ed ogni virus, anche quelli più invisibili.

*Maurizio Lovecchio è Direttore della sede Eurispes della Calabria. L’articolo è stato redatto con la collaborazione di Viviana Minasi

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse