Crescita

Chi inquina non paga, accusa l’Ocse. Più tasse per salvare il clima

145

Le economie avanzate sono responsabili dell’80 per cento dei consumi mondiali di energia, ma non tassano, o lo fanno in misura irrisoria, le emissioni nocive per l’ambiente. E’ questo l’atto d’accusa contenuto nel “Taxing Energy Use 2018”, il documento appena varato dall’Ocse, l’organizzazione che aggrega le 35 più importanti economie di mercato. C’è poi un combustibile fra i più inquinanti, il carbone, che ha addirittura un trattamento privilegiato: in moltissimi paesi è esente da tasse.

A queste conclusioni l’Ocse arriva dopo aver preso in esame, nell’arco di tempo che va dal 2012 al 2015, l’imposizione fiscale sull’energia di ben 45 paesi: oltre ai membri dell’Organizzazione, anche l’Argentina, il Brasile, l’India, la Cina, l’Indonesia, la Russia e il Sudafrica. In queste condizioni, la lotta contro i danni causati dai cambiamenti climatici verrà persa. “I danni possono essere contenuti – si è sforzato di sostenere Angel Gurrìa, che dell’Ocse è il segretario – ma più tardiamo ad agire e più questo tentativo diventa costoso”.

Un tema, quello del clima, sul quale si mostrano assai sensibili i cittadini italiani. Secondo l’ultima indagine dell’Eurispes (2018) il 77,5 per cento di loro ne teme i cambiamenti, e l’inquinamento dell’aria è avvertito come una minaccia (81 per cento) al pari della mafia. Molti italiani sono disposti a dare il loro contributo positivo: il 61,4 per cento ridurrebbe le ore di riscaldamento invernale, una quota simile installerebbe pannelli fotovoltaici e userebbe meno l’auto privata, mentre l’81,6 per cento vuole ricorrere a lampadine a basso consumo.

Sarà anche per questo che, una volta tanto, il nostro paese non sfigura nella tassazione delle emissioni inquinanti. E’ infatti al quarto posto per le imposizioni sul trasporto su strada e al sesto per gli altri settori. In particolare, per la benzina le nostre tasse toccano 322 euro per tonnellata di anidride carbonica, mentre per il diesel siamo a circa 232 euro.

Solo il trasporto su strada, del resto, è toccato dalla mano del fisco nei 42 paesi studiati: nel 97 per cento dei casi, per essere esatti. Per quasi la metà dei Paesi l’imposizione supera i 50 euro per tonnellata di CO2. In Italia 4-5 volte tanto, come abbiamo visto. Ma, al di fuori di questo comparto, l’81 per cento delle emissioni nocive, nel 2015, non risultava tassato. I prezzi dell’energia vanno allineati ai costi dei cambiamenti climatici, conclude l’Ocse. Non è più ammissibile che chi inquina non paghi, o paghi troppo poco.

Ultime notizie
Sicurezza

Sicurezza, fiducia e verità. Il filosofo Aldo Masullo incanta Napoli

Sicurezza e insicurezza, fiducia e sospetto, verità e fede. Aldo Masullo, intellettuale e filosofo, probabilmente il più grande vivente del nostro Paese, ha incantato il pubblico della Conferenza Nazionale sulla Sicurezza e Legalità che si è svolta a Napoli
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Sicurezza e Legalità: ecco le proposte dei super esperti riuniti a Napoli

Oltre cinquecento i partecipanti alla Conferenza Nazionale su Sicurezza e Legalità organizzata dalla Regione Campania, dalla Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo e dall'Eurispes che si è tenuta a Napoli dal 16 al 18 novembre
di redazione
Immigrazione

Migranti, Arci: «Calpestati i diritti: il Pd ha alzato la palla a Salvini»

Migranti e Decreto Sicurezza: Filippo Miraglia, responsabile per l’immigrazione dell’Arci: «Stiamo calpestando decenni di conquiste della democrazia. Ci vorranno tanti anni per uscirne fuori»
di Corrado Giustiniani
Gioco

Gioco legale in Puglia. Si apre la fase di riflessione

Il 27 ottobre scorso a Bari, l’Eurispes ha presentato il rapporto Gioco legale e dipendenze in Puglia, realizzato nel quadro delle attività...
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Politica

L’offerta politica nella postmodernità liquida. La visione M5S del grappolo

In uno dei primi passi di quel lento pensiero lungo che è Modernità Liquida, il grande sociologo Zygmunt Bauman afferma: «alcuni degli...
di Alberto Mattiacci
Informazione

Fake news, quando a “barare” era il Vaticano. Lo studio

Fake news e informazione manipolata nella storia della Chiesa. Alessandro Corvisieri compie una vera e propria analisi filologica dei testi di Ludwing Von Pastor scritti alla fine del 1800, su commissione di Papa Leone XIII
di Diego Sambucini
Immigrazione

Immigrazione, centri d’accoglienza “decapitati” dai nuovi bandi

Una scelta improntata esclusivamente al drastico taglio dei fondi, con la conseguenza di determinare un peggioramento delle condizioni di accoglienza per i richiedenti asilo. Il quadro tracciato da In Migrazione nell’analizzare i nuovi bandi di gara
di Marco Omizzolo
Recensioni

Governo Lega-M5S. Miseria e nobiltà dello strumento “contratto”

Lega e M5S legati da un “contratto di Governo”. La politica e il contratto. Nel saggio di Fabrizio Di Marzio, La politica e il contratto, la ricchezza, i limiti, la miseria e la nobiltà dello strumento contrattuale che oggi domina in tutti i campi.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Democrazia in crisi, Lazar: “Più Balotelli per rinnovare la politica”

Nel processo di ripensamento del capitalismo, abbiamo dimenticato il ruolo dei sindacati e dei corpi intermedi. Il politicolo Marc Lazar ha affrontato il tema inquadrandolo nella difficile partita di un’Europa che si prepara al voto
di Massimiliano Cannata
Europa

Europa e diritto d’autore. Copy (and Paste) right. Con chi stiamo?

Il Parlamento Europeo approva la direttiva “Il diritto d’autore nel mercato unico digitale”. L’approvazione della Direttiva Ue è piombata sul Vecchio Continente come un meteorite: un gran polverone e tutti lì a correre e strillare
di Alberto Mattiacci