Cocaina, una coltre bianca copre l’Europa

Il 26 giugno si è celebrata la Giornata mondiale contro l’abuso e il traffico di droga, voluta dall’ONU per richiamare i paesi a non abbassare la guardia nella lotta contro il commercio illegale di sostanze stupefacenti e a rafforzare i programmi di prevenzione delle dipendenze e di cura delle vittime.

In questa occasione è stato presentato a Vienna – sede dell’ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODOC) – il tradizionale Rapporto Mondiale sulla Droga. Anche l’ONU ha dovuto riconoscere come, dopo oltre 30 anni, il bilancio sia decisamente fallimentare. Riconoscimento che viene ripetuto anno dopo anno, ma che non serve a smuovere di un solo passo le politiche proibizioniste vigenti in tutto il mondo. Secondo le ultime stime sono quasi 600mila i morti in un anno e circa 270 milioni le persone che fanno uso di sostanze stupefacenti nel mondo. Sono dati che evidenziano, anziché il calo, l’aumento del consumo di droga, cresciuto del 30% negli ultimi 10 anni.

Anche se la droga più diffusa è la cannabis, gli oppioidi restano i più letali: nell’ultimo decennio i decessi dovuti all’uso di questo tipo di sostanze sono aumentati del 71% (92% donne, 63% uomini).

La pandemia da Covid-19 non è servita a rallentare traffici e diffusione, al contrario si è registrato un sensibile aumento dei flussi di cocaina dall’America del Sud verso l’Europa.

Durante il lockdown, navi commerciali di grandi dimensioni hanno trasportato ingenti quantitativi di cocaina e, nonostante sequestri di carichi anche rilevanti, l’Europa è stata letteralmente inondata dalla polvere bianca. Anzi, la criminalità organizzata internazionale ha usato il lockdown e le settimane immediatamente precedenti, per realizzare consistenti operazioni di traffico via mare. «Il traffico di cocaina con container marittimi ha continuato a livelli paragonabili, e addirittura superiori, a quelli visti nel 2019», si legge nel rapporto EU Drug Markets-impact of Covid-19 di Europol e EMCDDA (European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction).

«La pandemia ha avuto un enorme impatto negativo sulle nostre vite e sulle nostre economie», spiega Catherine De Bolle, Direttrice dell’Europol. «Tuttavia, questa tendenza economica non è stata registrata per quanto riguarda il traffico internazionale di droga. Questi mercati illegali continuano a generare profitti enormi, anche durante la pandemia. I sequestri di droghe illegali in alcuni paesi dell’Ue durante il primo semestre del 2020 sono stati superiori a quelli degli stessi mesi degli anni precedenti».

Basti pensare che solo in Belgio, nel primo quadrimestre del 2020, sono state sequestrate circa 18 tonnellate di cocaina: in quattro mesi è stato sequestrato un quantitativo corrispondente alla metà della cocaina sequestrata durante il corso dell’intero 2017 (44 tonnellate). I traffici, insomma, sono quasi raddoppiati.

In data 23 maggio di quest’anno, la polizia federale belga ha comunicato il sequestro di oltre due milioni di euro ritrovati nel corso di perquisizioni disposte nell’ambito di un’inchiesta relativa a traffico internazionale di droga nelle Fiandre. Sono stati, inoltre, sottoposti a sequestro gioielli e oltre 130 motoveicoli. Cinque sospettati sono stati arrestati in Belgio e altri tre nei Paesi Bassi. La banda è accusata di avere importato in Belgio, nel corso degli ultimi anni, grandi quantità di cocaina provenienti dall’America Latina. Le indagini sono state condotte in collaborazione con polizia e magistrati olandesi – dal momento che un certo numero di arrestati soggiornava nei Paesi Bassi. Su questi ultimi, tuttavia, il tribunale di Amsterdam ha già disposto il trasferimento, in modo da poter essere processati dalla giustizia belga, competente per territorio in quanto l’organizzazione criminale aveva sede in quel paese.

Dal primo gennaio al 19 maggio 2020, i porti europei interessati al traffico di cocaina sono stati: Amburgo e Anversa, per ricevere i container imbarcati al porto di Santa Marta (Colombia); Leixoes, Rotterdam e Anversa per i carichi provenienti da Cartagena; la Svezia come nuovo punto d’arrivo per la cocaina proveniente da Barranquilla (Colombia), e ancora Anversa per le spedizioni in partenza dal Golfo di Urabà (Colombia). La città portuale fiamminga di Anversa è diventata nei mesi di lockdown il cuore pulsante del commercio internazionale di cocaina.

I referenti mafiosi di questi ingenti traffici non potevano che essere esponenti delle mafie italiane e talmente forte era la loro presenza, oltre che elevati gli interessi in gioco, da scatenare una vera e propria guerra tra bande senza esclusione di colpi, condotta tra Agrigento e Liegi.

Sette arresti sono stati eseguiti nella notte tra il 14 e il 15 settembre 2020, dalle Squadre mobili di Agrigento e Palermo e dal Servizio centrale operativo della Polizia. Unendo le forze nell’operazione denominata “Mosaico”, hanno collaborato fra di loro e con i colleghi della Police judiciaire fédérale belga, formando una squadra investigativa comune, così come la Direzione distrettuale antimafia del capoluogo siciliano ha lavorato in sinergia con il Tribunal de Première Instance e le Procure di Liegi, Bilzen e La Louvière: attraverso Eurojust è stato creato un Jit (joint investigation team). Cinque omicidi consumati e cinque tentati – due dei quali nemmeno denunciati – altri tre progetti di morte in fase di preparazione ed evitati grazie alle intercettazioni: tutto questo è stato ricostruito e sventato dagli investigatori e dagli inquirenti anche grazie a riprese video e audio che mostrano gli assassini all’opera, mentre agiscono con freddezza e lucida determinazione, come nei film su “Cosa Nostra” americana degli anni Trenta. La causale della guerra non poteva che essere il traffico di cocaina, in particolare il mancato pagamento di una partita di droga: questo ha determinato una guerra interna al gruppo criminale siciliano, condotta a colpi di kalashnikov, finalizzato ad assicurare il potere e la gestione dei traffici di droga tra Favara (in provincia di Agrigento) e Liegi (in Belgio). In questo contesto, è opportuno ricordare che in Italia, l’ex-Senatore Giuseppe Lumia, presentò un’interrogazione a risposta orale in data 13 giugno 2017, chiedendo di sapere, tra l’altro, «quale sia il livello di infiltrazione dei criminali siciliani in Belgio e se sia in atto una guerra all’interno di un ceppo mafioso singolo oppure tra ceppi mafiosi diversi; quali i flussi di droga gestiti dalle suddette organizzazioni criminali, che spesso scatenano sanguinari conflitti interni ridefinendone gerarchie e leadership; quale attività di prevenzione e repressione si stia mettendo in atto per stroncare l’attività di “Cosa Nostra” a Favara e in provincia; quali iniziative di cooperazione investigativa e giudiziaria siano state intraprese tra l’Italia ed il Belgio per colpire gli interessi mafiosi e i traffici di droga».

Per comprendere pienamente il livello di compromissione e di corruzione di esponenti istituzionali del Belgio si segnala l’arresto, eseguito dalla Polizia belga, di un ex capo della gendarmeria belga Willy Van Mechelen insieme con uno dei membri della famigerata famiglia Aquino. L’arresto è avvenuto durante alcune perquisizioni in diverse località, nell’ambito di un’indagine sul traffico di cocaina su larga scala. La cosca Aquino, originaria di Gioiosa Ionica, è nota da tempo alla giustizia italiana per essere, sin dagli anni Settanta, impegnata nel traffico internazionale di droga. Nell’operazione sarebbe stato arrestato anche un avvocato, del quale non è stata rivelata l’identità. Secondo l’agenzia di stampa VRT, Van Mechelen era a capo dell’Unità antidroga della Polizia di Anversa ed è stato arrestato come principale sospettato in un caso riguardante l’importazione di migliaia di chili di cocaina. L’indagine ha avuto inizio con la scoperta di un carico di quasi 3.000 chili di cocaina nel porto di Anversa alla fine del 2019. Decine di perquisizioni hanno portato al sequestro di milioni di euro in contanti, oro e auto di lusso.

La compromissione di Belgio e Paesi Bassi nel grande giro di cocaina è esplosa, improvvisamente, con le esasperate dichiarazioni di Bart De Wever, sindaco di Anversa, che, di fatto, apre un incidente diplomatico con il paese confinante.

Stando alle parole di Bart De Wever, l’aumento di violenza e dei traffici di droga nel paese sarebbe una conseguenza della criminalità organizzata radicata nei Paesi Bassi. «Il traffico di droga si è spostato negli ultimi anni da Rotterdam ad Anversa. L’Olanda è in debito con il resto dell’Europa».

«A causa delle politiche olandesi tolleranti, la criminalità organizzata è proliferata ed è ora profondamente radicata nei Paesi Bassi. I traffici si svolgono in un porto di grande riferimento anche per il Sud America» Spiega De Wever. Non è un segreto che le bande che gestiscono il traffico di cocaina siano coinvolte in numerosi omicidi ad Amsterdam e Utrecht. Questa violenza estrema si sta ora riversando sul Belgio.

Metà della cocaina sequestrata in tutta Europa proviene dal porto di Anversa. La città belga è divenuta il più grande importatore di coca del continente. «Cinque anni fa si parlava di 5mila chili, lo scorso anno di 40mila», racconta il Sindaco al Nieuwsuur. «I nostri sforzi per tracciare i traffici non sono aumentati, il flusso si è spostato da Rotterdam ad Anversa». I crescenti problemi ad Anversa hanno portato De Wever a dichiarare “guerra alle droghe”. «Si sarebbero già raggiunti – a suo dire – diversi risultati, come la riduzione dei disordini, migliaia di arresti e la chiusura di una dozzina di strutture». Il secondo passo sarà cominciare a seguire il flusso di denaro che accompagna i traffici. Come sostiene il Sindaco belga, i gestori dello spaccio hanno ancora molta influenza nella città: «Il crimine organizzato ha radici nei Paesi Bassi, ma stanno cercando complici qui ad Anversa».

Non si pensi, però, che l’importazione di cocaina avvenga soltanto attraverso i porti di Anversa e Rotterdam. Un carico di 216 chili è stato sequestrato il primo ottobre nel porto di Ancona, occultato in un ripostiglio della nave mercantile “Adrienne”. L’intera nave è stata posta sotto sequestro, un membro dell’equipaggio arrestato. La maxi-operazione antidroga è stata condotta dalla Guardia di Finanza e dai Carabinieri, un blitz interforze coordinato dalle Direzioni Distrettuali Antimafia di Ancona e L’Aquila dopo settimane di approfondimenti e riscontri investigativi. È uno dei sequestri, in termini numerici legati alla polvere bianca, più importanti avvenuti negli ultimi anni nel bacino portuale anconetano.

La nave “Adrienne”, che batteva bandiera della Liberia, è arrivata al porto mercoledì 30 settembre, trasportando prevalentemente un carico di caolino. Prima di approdare nello scalo del capoluogo – stando al tracking online della nave – aveva fatto tappa a Motril, nell’estremo Sud della Spagna e, in precedenza, in Brasile. La perquisizione del mercantile, lungo 180 metri, ha coinvolto ben 50 militari, facenti parte – per il segmento anconetano – del Gico, del Gruppo e del Reparto Operativo Aeronavale della Finanza. In più, hanno partecipato i Carabinieri e le Fiamme Gialle dei comandi di Chieti. In ausilio ai militari, anche le unità cinofile. Date le dimensioni della nave, l’ispezione si è protratta per ore. Il mercantile è stato setacciato da cima a fondo, in ogni angolo, in ogni possibile nascondiglio della droga. L’unica persona arrestata durante il blitz è stato un membro dell’equipaggio. Stando alle ipotesi investigative, il maxi-carico di cocaina era destinato a rimpolpare i traffici illeciti della criminalità organizzata abruzzese. Se la polvere bianca fosse stata immessa sul mercato, avrebbe prodotto un giro d’affari di circa 20 milioni di euro. Resta irrisolto il quesito su quale fosse la destinazione dell’ingente carico e quale gruppo criminale si sarebbe dovuto occupare della distribuzione sul territorio – sicuramente Abruzzo e Marche, non escludendo, tuttavia, le piazze di spaccio di altre regioni e della Capitale.

L’Europa appare oggi coperta da una coltre bianca, non è neve, è cocaina.


*Vincenzo Macrì, già procuratore generale della Repubblica (a riposo dal 1° gennaio 2017), già vice procuratore nazionale presso la Direzione Nazionale Antimafia e da sempre in prima linea contro la criminalità organizzata.

 

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse