I limiti del sistema di Informazioni e dati sul mercato del lavoro in tempo di crisi pandemica

Quali sono le nuove sfide che il sistema di Informazioni e dati sul mercato del lavoro (IML) deve affrontare in tempi di crisi globale e come possono essere affrontate? Questo tema è stato sviluppato da un gruppo di esperti europei ed extra-europei in occasione della 15^ Conferenza annuale della Rete Europea sui Mercati del Lavoro Regionali – ENRLMM, promossa in collaborazione con l’Istituto IWAK dell’Università W. Goethe di Francoforte e l’Istituto Eurispes, svoltasi il 17-18 settembre 2020. Il dibattito si è svolto sulla base delle relazioni presentate da: Claudia Plaimauer (3s – Austria), Michel van Smoorenburg (UWV – Olanda), Andrew Dean (Università di Exeter, GB), Ummuhan Bardak (ETF – Fondazione europea per la formazione).

Gli argomenti di fondo sono stati poi articolati in cinque ulteriori domande specifiche:

1- Con la crisi del Covid-19 come è cambiata la necessità di avere informazioni e dati adeguati sul mercato del lavoro?

2- Gli Osservatori del mercato del lavoro forniscono, nell’attuale situazione, informazioni aggiornate?

3- In caso contrario, quali sono stati i principali ostacoli alla produzione di adeguate informazioni sul lavoro emersi durante la crisi Covid-19?

4- Quali lezioni si possono apprendere da queste esperienze?

5- Allo stato attuale, quali raccomandazioni di buone pratiche possono essere suggerite ai responsabili delle decisioni?

Il dibattito tra gli esperti europei ed extra-europei ha fatto emergere i seguenti elementi di analisi, critiche, novità.

Le esigenze e aspettative degli utenti dei sistemi informativi

È condivisa l’opinione che i gruppi degli utilizzatori delle informazioni e dati sul mercato del lavoro siano rimasti più o meno gli stessi di prima della crisi; tuttavia, sono cambiate le loro esigenze e le aspettative:

  • Durante la crisi è emerso un maggiore bisogno di informazioni più aggiornate. Gli aggiornamenti mensili, ad esempio sui dati relativi alla disoccupazione, sono considerati insoddisfacenti; gli aggiornamenti quotidiani non sono abbastanza affidabili. Una correzione di questi limiti si registra, ad esempio, con la decisione dell’UWV – il servizio pubblico olandese per l’impiego – di fornire dati medi settimanali sulle indennità di disoccupazione e sulle offerte di lavoro online.
  • Gli indicatori tradizionali del mercato del lavoro sono diventati ingannevoli: i dati esistenti danno segnali confusi e non sono più una base affidabile per le decisioni politiche. Ad esempio, i dati attuali sulla disoccupazione tracciano un quadro più favorevole della situazione attuale di quanto sia giustificato alla luce dei grandi finanziamenti governativi erogati per sostenere l’organizzazione del lavoro a orario ridotto, una soluzione che ha impedito – almeno per un certo periodo – i licenziamenti di massa. Lo stesso vale per le statistiche relative ai casi di insolvenza che vengono tenuti bassi per mezzo dei sussidi statali e dei differimenti dei pagamenti delle imposte, misure adottate da diversi Stati membri per fronteggiare la crisi.
  • C’è bisogno di nuove tipologie di dati e di indicatori del mercato del lavoro: finora non è stato ancora scoperto alcun “proiettile magico” che possa risolvere tutti i problemi relativi alla disponibilità di dati e informazioni adeguate; alcuni paesi come il Regno Unito o la Germania hanno utilizzato il dato relativo alle “ore lavorate” come quello più vicino a indicare lo stato effettivo della domanda del mercato del lavoro. Il Servizio per l’impiego olandese, ad esempio, ha pubblicato un’analisi d’impatto articolata per industria e regione.
  • La fiducia nell’affidabilità delle previsioni è calata progressivamente durante le prime fasi della pandemia: la situazione si è rivelata troppo volatile per consentire una stima a lungo termine degli sviluppi del mercato del lavoro. Così, alcuni Osservatori hanno sospeso temporaneamente la formulazione di previsioni (ad esempio, l’UWV, in Olanda), o hanno reso chiaro che le previsioni, pubblicate nel periodo devono essere trattate con molta cautela (il Servizio per l’impiego austriaco nega l’accesso a questa voce agli utenti che si collegano al suo “Barometro delle competenze”).

Gli ostacoli al sistema informativo sul mercato del lavoro in tempi di crisi globale

Come ostacoli principali ad un adeguato sistema informativo sul mercato del lavoro sono stati individuati i seguenti punti:

  • Problemi metodologici: ad esempio, i grandi dati facilmente disponibili (come le offerte di lavoro online) consentono di ottenere informazioni affidabili solo se gestiti con cura; ma la pulizia o la ponderazione dei dati necessari per aumentare l’accuratezza e ridurre le distorsioni di selezione richiedono tempo, inficiando così il carattere “in tempo reale” della fonte di dati.
  • Disponibilità di dati affidabili e aggiornati.
  • Disponibilità di risorse (sia finanziarie che di personale) per la realizzazione di indagini, per l’elaborazione di nuovi indicatori o la organizzazione di nuovi siti di informazione; per alcuni paesi, come il Regno Unito, è stata segnalata una carenza di capacità a livello regionale/locale.
  • Integrazione organizzativa degli esperti di rilevazione sugli andamenti del mercato del lavoro: gli Osservatori che dipendono fortemente dal subappalto delle loro ricerche (come, ad esempio, il Servizio per l’impiego in Austria) sono più lenti nel reagire ad una crisi rispetto a quelli che possono disporre di competenze interne (come, ad esempio, il Servizio per l’impiego, nei Paesi Bassi).

Lezioni apprese durante la crisi

L’attuale sistema informativo sul mercato del lavoro è considerato insufficiente in molti paesi; soprattutto la frequenza degli aggiornamenti, l’integrazione di informazioni aggiornate e la possibilità di disaggregare le informazioni a livello regionale/locale lascia molto a desiderare. 

La condivisione e l’analisi delle esperienze sul modo in cui gli Osservatori del mercato del lavoro hanno affrontato e stanno affrontando le particolari sfide poste dalla crisi hanno permesso agli esperti europei di individuare in via preliminare alcune correzioni e buone pratiche che dovrebbero essere applicate e diffuse:

  • La tempestività della fornitura di informazioni è superiore all’accuratezza/affidabilità: durante la crisi globale, il disperato bisogno dell’opinione pubblica di informazioni aggiornate ha giustificato in una certa misura un’applicazione meno rigorosa degli standard scientifici; ciò per accelerare la diffusione di informazione e dati sul mercato del lavoro. Il Servizio per l’impiego olandese, ad esempio, all’inizio della crisi ha deciso di pubblicare (in media) i dati settimanali disponibili online piuttosto che lasciare che il pubblico aspettasse la pubblicazione trimestrale dei dati.
  • Riformulare le priorità: al fine di adeguare le proprie capacità alle emergenze della crisi, il Servizio per l’impiego olandese, ad esempio, ha deciso di dare la priorità ad alcuni sistemi informativi rispetto ad altri e di sospendere ogni attività previsionale.
  • La diffusione di informazioni e dati sul mercato del lavoro potrebbe risultare più elastica e adeguata se le capacità delle strutture locali/regionali fossero potenziate, se gli àmbiti di ricerca fossero ampliati (fonti di dati supplementari, nuovi indicatori sul mercato del lavoro) e se si potessero creare nuovi partenariati.

*Rete Europea sui Mercati del Lavoro Regionali – ENRLMM

L’articolo è disponibile anche in inglese https://www.leurispes.it/labour-market-information-in-times-of-crisis/

Leggi anche

PMI italiane e pandemia: un viaggio dal presente al futuro

 

Covid-19, Pmi come innovatori di occupazione inclusiva e sostenibile

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang