Coronavirus, Carabinieri come “angeli custodi”. Il volto umano della Sicurezza

Hanno pattugliato le strade, controllato che le misure adottate dal Governo fossero rispettate, supportato le operazioni per il trasporto di malati e medicinali, svolto verifiche per il contrasto alla commercializzazione di prodotti di protezione non conformi, combattuto reati speculativi o di frode; ma, soprattutto, mai come in questa fase di emergenza Coronavirus, i Carabinieri sono stati un prezioso aiuto di prossimità, vicini agli anziani, ai malati, alle fasce più deboli e alle famiglie in difficoltà.

Andiamo con ordine. Nei due mesi appena trascorsi di emergenza Covid, l’Arma dei Carabinieri, in coordinamento con le altre Forze di Polizia, ha incrementato l’attività preventiva svolta sul territorio vigilando sull’inosservanza dei provvedimenti decisi dalle Istituzioni, segnalando all’Autorità Giudiziaria i soggetti che si sono resi responsabili di reati come il rialzo fraudolento dei prezzi, le manovre speculative sui prodotti, la frode commerciale, la tentata truffa aggravata. Per l’attività di controllo, è stato impiegato il supporto aereo – grazie ai Nuclei Elicotteri Carabinieri che hanno garantito la sorveglianza dall’alto – e sono stati utilizzati i droni.

Per quanto riguarda le attività di supporto all’emergenza, i militari del Comando Carabinieri Tutela Salute, con i NAS in supporto alle Asl, hanno provveduto ad accompagnare i medici in occasione dei test a domicilio, hanno prelevato centinaia di tamponi sui pazienti ed hanno raccolto, trasportato e consegnato migliaia di tamponi da sottoporre al test di secondo livello presso l’Istituto Superiore di Sanità di Roma. Inoltre, hanno provveduto ad eseguire numerose indagini epidemiologiche per la raccolta delle informazioni sui nuclei familiari in cui sono stati riscontrati tamponi positivi.
I NAS sono fortemente impegnati in attività di verifica all’interno delle RSA e in attività di contrasto alla commercializzazione di dispositivi di protezione facciale, medicinali antivirali e gel igienizzanti non rispondenti alle normative.

Ma è con i servizi a sostegno dei cittadini, spesso impossibilitati a provvedere da soli, che i Carabinieri hanno mostrato il loro volto più “umano”: consegna di viveri, farmaci, recupero e distribuzione dei dispositivi medicali, trasporto di materiale sanitario presso le strutture ospedaliere, RSA e centri anziani.
La variegata tipologia del “soccorso” è tracciata sui brogliacci e sui registri dei Comandi lungo tutta la Penisola.

A partire da Bergamo – epicentro del dramma sanitario per il numero delle vittime – dove l’Arma locale ha assicurato il servizio di scorta alle autocolonne dell’Esercito che trasportavano le salme fuori provincia per la cremazione.

In tutto il Paese, sono state decine e decine le operazioni per aiutare gli anziani.
A Roma, nel quartiere della Garbatella, una vedova di 83 anni, non deambulante, è stata aiutata da una pattuglia che ha recuperato in farmacia e consegnato all’anziana i farmaci necessari alle cure. Sempre nella Capitale, nella zona di Montesacro, sono intervenuti, in seguito ad una richiesta di aiuto al 112, presso l’abitazione di una 84enne impossibilitata a muoversi. Sola da quattro giorni, è stata trovata a letto, affamata e disidratata: la badante impaurita dal Coronavirus, le aveva lasciato quattro bottigliette d’acqua e non era più tornata.
A Morino, in provincia dell’Aquila, i Carabinieri hanno portato le medicine ad una signora 65enne residente in una piccola frazione del comune. La donna, che si trovava in una situazione di momentaneo disagio e solitudine, è stata raggiunta presso la propria abitazione dai militari, i quali, oltre a darle in tempo utile i medicinali salva vita, si sono intrattenuti per farle un po’ di compagnia, con le dovute precauzioni.
A Cerignola, hanno consegnato i farmaci ad un signore ottantenne che viveva solo e non aveva la possibilità di muoversi e uscire. A Reggio Emilia, i militari hanno portato pasti caldi ad una 74enne invalida che si era rivolta al 112 dicendo di non essere riuscita a ritirare la pensione, di non aver potuto fare la spesa, e di avere in casa solamente latte e biscotti. A Castel di Iudica, nel catanese, sono intervenuti in soccorso di una 70enne ricoverata poche ore prima nell’ospedale di Gravina di Caltagirone, la quale era rimasta senza farmaci salva vita. La donna, affetta dai sintomi del Covid-19, aveva perso il marito il giorno prima proprio a causa del virus. Gli episodi – quelli citati sono solo alcuni – raccontano di un rapporto di grande vicinanza e prossimità con le persone.
Nel cremonese i militari della stazione di Vescovato hanno consegnato del cibo per gatti a due signore di 75 e 83 anni. Le donne avevano chiesto aiuto per i propri animali, uno dei quali non mangiava da tre giorni. A Castelverde, invece, gli uomini dell’Arma hanno consegnato 50 kg di mangime ad un anziano, proprietario di diverse galline, che non poteva uscire di casa.

In alcuni casi, l’intervento dei Carabinieri è stato provvidenziale persino per consentire ai ragazzi di seguire la didattica a distanza.
A Bovalino, in provincia di Reggio Calabria, i Carabinieri della Compagnia di Locri hanno consegnato a uno studente un tablet necessario per seguire le attività scolastiche; i militari della Stazione di Filicudi (Isole Eolie), hanno consegnato a domicilio libri scolastici e materiale didattico agli alunni della scuola primaria, garantendo loro il proseguimento dell’iter educativo.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili