Attualità

Coronavirus in Cina: 5G e celle telefoniche per ricostruire le catene di contagio

827

Un recente report scritto dal Prof. Dong Wei della Southeast University of China, dal titolo Urban Function-Spatial Response Strategy for the Epidemic, illustra, sulla base della recente esperienza cinese, una serie di misure da adottare a livello di singola città per contenere la diffusione di un’epidemia. L’obiettivo del report è quello di individuare una serie di meccanismi, per la prevenzione ed il controllo delle epidemie, che possano venire attuati nei singoli comuni adattando, per scopi differenti, gli spazi urbani esistenti. L’idea di fondo è che la resilienza e la forza di un sistema medico-sanitario dipendano, tanto dalle Istituzioni centrali e dalle capacità tecnologiche di un paese, quanto dalla possibilità di rispondere alla crisi a livello micro attraverso la creazione in ogni città di un’Area per la Prevenzione delle Epidemie (APE). L’APE viene vista come un modello di spazio urbano integrato volto a contenere la diffusione del virus, che utilizza le risorse disponibili sul posto modificando lo scopo e la funzione degli spazi cittadini. Per gli autori creare un sistema che faccia affidamento sulle risorse locali vuol dire creare un modello che sia flessibile e adattabile, quindi potenzialmente replicabile anche in realtà ben diverse dalla Cina come, ad esempio, i paesi in via di sviluppo.
Il report da un lato illustra una serie di soluzioni pratiche adottate, in alcune città cinesi, che si sono rivelate molto utili a contenere l’epidemia, come ad esempio l’utilizzo delle celle telefoniche per ricostruire le possibili catene di contagio del virus. In particolare, ciò è stato possibile nelle città in cui era presente la tecnologia 5G. Grazie a questa, il governo cinese, una volta individuata una persona positiva al virus, ha utilizzato i dati raccolti attraverso il controllo delle celle telefoniche per ricostruire gli spostamenti e i contatti avuti dal soggetto in questione. Questo ha permesso di individuare i possibili contagiati dividendo preventivamente la popolazione: tra coloro ad alto rischio, quindi da isolare in strutture mediche in attesa di sottoporli a tampone; a medio rischio, da isolare e monitorare per sottoporli eventualmente a tampone; a basso rischio, coloro che, se non presentano sintomi, possono tornare a condurre le loro attività normalmente.
Un altro aspetto di fondamentale importanza riguarda i tempi di reazione. In questo senso, diventa necessario implementare una serie di meccanismi di controllo già nelle primissime fasi in modo da essere pronti a reagire al meglio qualora il virus cominci a diffondersi. Affinché questo o qualsiasi altro modello possa funzionare efficientemente, è però necessario che le città modifichino gli spazi urbani allo scopo di creare un sistema integrato, volto ad arrestare la diffusione dell’epidemia.

Il report individua cinque dimensioni su cui ogni comune può e deve agire se vuole limitare la diffusione di un virus.
Il primo e il più importante riguarda l’integrazione delle strutture mediche. Secondo gli autori è necessario individuare uno o più centri specializzati di riferimento all’interno della città che rappresentino il cuore della risposta e che siano in grado di accogliere i casi più gravi. Sono poi necessarie una serie di strutture minori localizzate a livello di singolo quartiere in cui accogliere pazienti che richiedono cure ospedaliere ma che non si trovano in condizioni critiche. In questo contesto, lo scambio di informazioni e il coordinamento delle varie strutture diventano imprescindibili, tanto per avere una risposta più efficace all’epidemia, quanto per ottimizzare le risorse a disposizione. Viene poi consigliato di creare un database che contenga informazioni sulle persone maggiormente a rischio così da avere un quadro, il più chiaro possibile, delle loro necessità in modo da poterle assistere al meglio.
Il secondo punto riguarda la densità urbana ed in particolare quella di determinati quartieri; in questi casi, le autorità pubbliche dovranno valutare l’ipotesi di imporre forme di quarantena più stringenti per i quartieri con maggiore densità abitativa, potenziando al contempo le strutture sanitarie locali. Affinché ciò sia possibile, potrebbe essere necessario chiudere le strade di acceso ai quartieri più colpiti e, più in generale, modificare il trasporto pubblico locale in modo da ridurre il più possibile gli spostamenti della popolazione.
Il terzo riguarda sempre il trasporto; in particolare viene consigliato di fermare il traffico cittadino lungo le principali arterie stradali della città per facilitare lo spostamento di pazienti malati e di beni di prima necessità come medicinali, cibo e strumenti protettivi. Viene, inoltre, consigliato di individuare una serie di percorsi, che vanno tenuti sgombri dal traffico, in modo da collegare gli ospedali di quartiere con i principali centri medici della città.
Il quarto punto riguarda il riutilizzo degli spazi urbani. Viene, ad esempio, consigliata la costruzione di ospedali da campo in grado di accogliere pazienti non gravi negli spazi verdi. Qualora la città non fosse dotata di sufficienti spazi all’aperto, viene consigliato il riutilizzo di spazi pubblici quali scuole, uffici amministrativi e centri congressi con lo scopo di alleggerire gli ospedali indirizzando in queste strutture i pazienti non gravi e anche gli asintomatici. Inoltre, si consiglia di rafforzare le capacità logistiche e di stoccaggio di una città, o costruendo magazzini temporanei in spazi verdi o palazzi pubblici, oppure appoggiandosi a società, quali Amazon o Alibaba, dotate di depositi propri.
L’ultimo punto riguarda la comunicazione. La mancanza di un’adeguata comunicazione e, conseguentemente, una serie di atteggiamenti sbagliati da parte delle popolazioni locali, sono elementi estremamente problematici perché fanno venir meno quella finestra temporale in cui le città possono predisporsi ad affrontare l’emergenza. Per limitare la diffusione del contagio, è fondamentale che l’intera struttura di risposta sia in piedi prima che l’epidemia scoppi con violenza. Un adeguato livello di comunicazione è inoltre estremamente importante se si vuole evitare di generare panico nella popolazione con conseguente rischio di disordini e di assalto ai negozi.
Per concludere, si può affermare che alla base del modello proposto vi sia come idea centrale quella di ridurre il più possibile i tempi di risposta, di rendere più efficienti, attraverso varie forme di coordinamento, le cure mediche e di ridurre i costi necessari per rispondere alla crisi. Come dichiarato dagli autori, si tratta di un tentativo di replicare il modello cinese di: “Early detection, early report, early quarantine and early treatment” sul tessuto urbano.

Leggi anche

Coronavirus, la Cina critica l’Oms. “Poco efficace nel contrastare la pandemia”

 

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Intervista

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
Società

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone