Coronavirus in Russia: scontro di orientamenti sulla pericolosità del fenomeno

Nella pubblicazione precedente dalla Russia su questo tema, avevamo messo in rilievo la combinazione ‒ piuttosto sorprendente ‒ tra il numero esiguo delle persone colpite dal Coronavirus e l’allarmismo diffuso nello spazio mediatico da alcuni esponenti della classe politica. Da qui la domanda: quanto è giustificato attualmente questo atteggiamento di fronte all’epidemia, un atteggiamento, va aggiunto, al quale è stata collegata la richiesta di irrigidire nel paese i controlli dello Stato e in particolare della polizia?

Secondo i dati statistici ufficiali resi noti ogni giorno dal quotidiano on-line MAIL.RU, il 7 aprile 2020 il numero dei malati afflitti dal Coronavirus aveva raggiunto in Russia la quota di 7.497 persone, il numero dei decessi 58 (di cui a Mosca rispettivamente 5.181 e 31). I dati ufficiali, diffusi sempre da MAIL.RU il 15 aprile, indicano il seguente incremento: in Russia sono stati registrati 24.490 casi di Coronavirus, cioè 3.338 in più nelle ultime 24 ore, vale a dire rispetto al 14 aprile; i morti da Coronavirus registrati sono 198 cioe 28 in più. A Mosca, dove si registra la più alta concentrazione di casi, le cifre sono rispettivamente di 14.476 contagiati, cioè +1.174, e di 106 decessi, cioe +11.

Come valutare questa situazione in un paese che ha una popolazione di 146 milioni di persone e un’area geografica la più estesa della terra? Come valutare l’entità e l’incremento del fenomeno dei contagiati e delle vittime di Covid-19 in Russia rispetto al livello di diffusione ben più elevato che si registra, ad esempio, nei paesi europei e negli Stati Uniti?

In Russia, il governo e i mass media stanno dimostrando di ritenere la situazione molto pericolosa. Il Presidente di Russia Vladimir Putin ha deciso di rinviare il voto popolare programmato il 22 aprile (quel giorno i cittadini di Russia avrebbero dovuto approvare o meno il nuovo testo della Carta costituzionale). Successivamente, il Presidente ha emanato il decreto in cui ha introdotto dal 28 marzo al 5 aprile la settimana di “vacanze straordinarie” per i lavoratori delle imprese che «non sono indispensabili per il funzionamento della economia nazionale e dello Stato». Questo decreto prevede certe misure di sostegno economico alle piccole e medie imprese, le Pmi. Gli allievi delle scuole e gli studenti univeritari devono “studiare a distanza” adoperando le nuove tecnologie informatiche. I cittadini anziani, cioè gli oltre-65enni, devono «rispettare le regole dell’auto-isolamento» cioè stare a casa e uscire solo per fare gli acquisti dei generi alimentari nei supermercati ubicati in prossimità alla propria abitazione. In parole povere, questo vuol dire la quarantena, segnata, almeno a Mosca, da alcune peculiarità: da un lato, sono proibite le assemblee e le riunioni con piu di 50 partecipanti, ma dall’altro, ad esempio, la metropolitana continua a funzionare dal momento che i vagoni possono contenere anche più di cento passeggeri.

Il 2 aprile, il Presidente V.Putin ha prolungato il periodo di restrizioni dell’attività economica e dell’autoisolamento dei cittadini fino al 30 aprile. L’attuazione di questi provvedimenti è stata affidata al governo federale, ai governatori delle repubbliche e delle regioni, ai dirigenti dei distretti (la Russia è suddivisa, come prima in epoca sovietica, in strutture amministrative regionali di tre categorie, con diversi gradi di autonomia).

Il tratto che caratterizza il sistema esistente ‒ innanzitutto a livello federale e nella capitale del paese ‒ è l’esiguità del sostegno erogato ai cittadini. Finora, ad esempio, il sistema non ha sostenuto in modo adeguato i lavoratori dipendenti e autonomi, i titolari delle piccole e medie imprese (Pmi), i quali sono oggi in una situazione economica molto difficile perchè ormai da più di un mese le loro retribuzioni e redditi sono stati azzerati. Da qui uno scontento crescente dei cittadini che è percepibile nello spazio mediatico russo.

A questo riguardo, occorre tener presente che attualmente questo spazio mediatico è suddiviso in due settori: quello tradizionale (Tv, radio e gran parte della stampa periodica) e quello informatico moderno (reti sociali e portali Internet nazionali e regionali). Il primo è finanziato dallo Stato e utilizzato dal sistema pubblico; il secodo, invece, è autonomo, “nella Rete”, come si usa dire in Russia, e riflette principalmente tre schieramenti di pensiero: quello liberale, quello marxista/filo-sovietico e quello cristiano/patriottico. In Russia, le testate piu note nello spazio mediatico “in Rete” sono: Svobodnaya pressa (La stampa libera), Russkaya narodnaya linia (La linea popolare russa), Forum, Nakanune (Alla vigilia), Sut vremeni (La sostanza del tempo presente), Stalingrad. I protagonisti piu ascoltati sono lo storico e sociologo professore Valeri Solovey, lo scrittore Zahar Prilepin, il demografo e filosofo Igor Gundarov, lo storico e giornalista Anatoli Stepanov, l’economista Yuri Boldirev (e l’elenco non è completo).

I suddetti provvedimenti del Governo e, in genere, il famigerato Coronavirus sono attualmente al centro di un aspro confronto nello spazio mediatico di Russia. Il 22 marzo, alcuni dirgenti e militanti della “Unione Popolare per il Ripristino della Unione Sovietica”, una associazione costituita nel dicembre del 2019, hanno organizzato una tavola rotonda sul tema di grande attualita “Coronavirus: la lotta contro il virus o contro i diritti del popolo?”. Il relatore principale è stato il professor Igor Gundarov, uno scienziato impegnato nel sociale, molto attento al contributo del cristianesimo al progresso delle scienze umanitarie pur essendo, come ha detto piu volte, “sostenitore del marxismo”. Si possono riassumere gli interventi del professore Gundarov e di altri relatori in poche parole indirizzate allo Stato e ai mass media: “Smettere il terrorismo psicologico!”. In modo adeguato, dettagliato e corretto, questa idea è stata spiegata nella lettera aperta che i partecipanti alla sopradetta tavola rotonda hanno indirizzato al Presidente della Federazione Russa, al Governo, al Ministero della salute pubblica.

Il testo integrale è disponibile in Rete al sito web www.yaplakal.com/print/forum7/topic2092702.htm. Molti cittadini russi l’hanno firmato.  Nella parte conclusiva di questo documento sono elencate le rivendicazioni che esprimono lo stato d’animo del popolo russo e di altri popoli del paese che vivono condizioni di paura e di povertà. Per cogliere il senso della situazione presente, basta leggere queste rivendicazioni:

1) Smettere subito di traumatizzare la popolazone, proibire a tutti mass media federali di dedicare alla informazione attinente al Coronavirus piu di 20% del tempo delle loro trasmissioni.

2) I dati statistici ufficiali non sono tali da giustificare decreti relative alla epidemia e tanto meno alla pandemia. Occorre abolire la quarantena inutile nelle scuole e nelle università e ristabilire l’insegnamento normale.

 3) Occorre costituire una commissione di esperti autonomi i quali dovrebbero elaborare i provvedimenti medico-sanitari urgenti e la strategia di profilassi di questa malattia.

Non sappiamo al momento quale sia stata la reazione dei destinatari alla lettera dei medici e dei cittadini. La reazione degli utenti della Rete (in Russia sono chiamati all’inglese “useri”) è stata molto vivace, prevalentemente di approvazione.                                                 

Ultime notizie
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali