Coronavirus, studiato il metodo fisico per il contenimento del virus

In Italia lo scoppio dell’epidemia di Covid-19 si è verificato intorno al 17 febbraio. Negli stessi giorni scoppiava un’altra ondata in Corea del Sud. Era noto che il numero dei contagiati Covid-19 cresceva subito seguendo la legge fisica – ben nota agli studiosi – della “crescita esponenziale”, con il raddoppiamento del numero dei contagi ogni due giorni. Questa legge della materia vivente si manifesta nella crescita delle popolazioni, delle specie, delle culture batteriche, delle cellule cancerogene. L’esplosione esponenziale crea un numero enorme di contagi con un modesto numero di raddoppi successivi.
Un breve aneddoto chiarirà immediatamente al lettore di che cosa stiamo parlando: la leggenda vuole che l’inventore degli scacchi chiedesse al sultano un chicco di grano sulla prima casella, due chicchi sulla seconda, quattro sulla terza e così via, con la sequenza: 1 + 2 + 2^2 + … + 2^n. La percezione dell’enormità del numero raggiunto di 18 miliardi di miliardi, con le 64 mosse degli scacchi, era nota a Dante che scriveva (Paradiso, XXVIII, 92-93) delle luci del cielo, le quali

eran tante, che ’l numero loro
più che ‘l doppiar de li scacchi s’immilla

Anche la bomba atomica esplode a seguito di una catena di fissioni nucleari incontrollate, con un aumento di neutroni crescente in modo esponenziale, ma i fisici hanno saputo sfruttare questa potenza, mettendo a punto, per la costruzione dei reattori nucleari, accurati protocolli di controllo della fissione. Il controllo pone l’accento sul tempo di raddoppiamento Td(t): nel caso di un’epidemia è il tempo nel quale il numero dei contagi raddoppia rispetto al dato precedente. Il controllore vuole rendere questo periodo di tempo sempre più lungo per rallentare la crescita esponenziale, e quando questo tempo raggiunge un valore critico, la crescita esponenziale si arresta, diventa lineare e poi si annulla.
Dopo lo scoppio dell’epidemia in Italia era stato attivato (8 marzo) il metodo classico di mitigazione detto “Lockdown stop and go” (LSG). In Corea del Sud, invece, era stato attivato subito un nuovo metodo di controllo per l’arresto della diffusione dell’epidemia, denominato “Case Finding and Mobile Tracing” (CFMT), sviluppato a seguito della epidemia SARS. Il 15 marzo un gruppo di fisici, dopo aver misurato comparativamente il tempo di raddoppiamento Td(t) nei primi 20 giorni dallo scoppio, riportava nel suo primo report scientifico pubblicato da Superstripes Press un’enorme differenza tra i due diversi metodi usati nei due paesi nel controllo della diffusione.

L’analisi dei dati dell’evoluzione dell’epidemia mostrava che il tempo di raddoppiamento Td in funzione del tempo si allungava, ma non come ci si aspettava. Questo allungamento seguiva una legge matematica, anch’essa di tipo esponenziale Td(giorni)=Aexp(giorni/s): il tempo è funzione esponenziale di A, ossia il tempo di raddoppio non restava costante. Da questa funzione si può estrarre facilmente il fattore s, che misura il tempo caratteristico dell’allungamento di Td dovuto al controllo in atto. Il parametro s veniva definito come il fattore di successo del metodo di contenimento dell’epidemia, e forniva una valutazione quantitativa delle azioni di contenimento. Il rapporto dei fattori s tra l’Italia da un lato e la Corea del Sud e la Cina dall’altro, era circa un fattore due: l’Italia, cioè, andava più lenta nel contenimento dell’epidemia di un fattore tra due e tre.
Questi risultati prevedevano chiaramente che il nuovo metodo di controllo CFMT (ossia quello coreano) avrebbe permesso di arrivare a zero contagi giornalieri in metà del tempo necessario per ottenere lo stesso obiettivo con la mitigazione tradizionale LSG (ossia quello usato in Italia).
La strategia di mitigazione della pandemia tradizionale detta LSG, essendo più lenta, comporta maggiori danni al tessuto economico e prevede inevitabilmente l’alternarsi di periodi di “lockdown” con fasi di riapertura “go”. L’analisi della diffusione dell’epidemia nei paesi che hanno adottato l’approccio CFMT, che combina la teoria dei network e tecnologie digitali avanzate di tracciamento delle persone e dei loro contatti, indica che questo è sicuramente un metodo più efficace.
In un articolo pubblicato il 27 marzo nella rivista internazionale Condensed Matter, il gruppo di ricerca composto da fisici di RICMASS, dell’INFN, del CNR e dell’Università di Camerino ha applicato le sue conoscenze nel campo della materia quantistica complessa per caratterizzare matematicamente i due metodi di contenimento. [La materia quantistica complessa è un affascinante stato della materia al confine tra il non vivente ed il vivente, ove il disordine è solo apparente essendo correlato spazialmente e temporalmente con la formazione di aggregati mesoscopici costituiti da numerose molecole, descritti matematicamente dalla teoria dei networks, alla frontiera della biologia quantistica e della computazione quantistica. Premi Nobel per nuovi materiali quantistici complessi sono stati assegnati per nuovi superconduttori (1987), per le scoperte che hanno portato alle lampadine a LED (2014), per le batterie al litio (2019).] Questa analisi mostrava che l’evoluzione temporale del Covid-19 in presenza di misure di mitigazione LSG si poteva descrivere come un semplice diluire la crescita nel tempo, mentre l’evoluzione temporale del Covid-19 in presenza di misure di controllo CFMT mostrava una fase di arresto, con una marcata differenza qualitativa della dinamica dell’epidemia nei due casi. Il risultato del modello CFMT è apparso consueto a chi studia la crescita di cristalli di proteine, descritta dalla “legge di Ostwald”, ove si formano nuclei di cristalli diversi prima della crescita del cristallo con la simmetria finale.
In conseguenza di tutto ciò, il 21 marzo abbiamo lanciato la petizione pubblica ancora aperta “Fermiano il Covid19 più rapidamente” per l’attuazione immediata del protocollo CFMT in Italia.
Il 9 aprile quando l’ondata di Covid-19 in Corea del Sud si era arrestata, mentre in Italia si era superato il picco dell’ondata di contagi, questo metodo di analisi dati ha permesso di calcolare il fattore di successo s in paesi come l’Italia, Francia, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti che hanno scelto di adottare il metodo tradizionale LSG rispetto ai paesi che hanno applicato il metodo innovativo CMFT. Abbiamo così realizzato un terzo articolo sottoposto a PNAS. La nostra analisi mostra che il valore critico del tempo di raddoppiamento per l’arresto del Covid-19 è di 50-60 giorni e questo dà un importante criterio per tenere l’epidemia in un regime sottocritico con Td > 60 (pannello di destra in figura).
I risultati oggi confermano le previsioni del primo articolo in Cina e Corea del Sud, dove oramai la prima ondata si è completata. L’ondata epidemica è durata 24 giorni in Corea del Sud (pannello di sinistra in basso), mentre nei paesi europei è stata di più di 60 giorni (pannello di sinistra in alto). I fattori di successo s=5 per la Corea del Sud e s=~11 per l’Italia, predetti il 15 marzo sono stati confermati a fine aprile. Il metodo LSG usato in Italia, ha ottenuto lo stesso fattore s, in tutti i paesi ove è stato applicato: Francia, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti. Il rapporto di tempo 11/5=2.2 previsto tra i due metodi LSG verso CFMT è stato validato. Purtroppo, i dati al 5 maggio mostrano un enorme rapporto pari a 30 (=179900/5829) tra il numero dei decessi nei paesi LSG e quelli nei paesi CFMT.
Lo studio ha rappresentato un approccio originale dell’analisi comparativa dei dati dell’epidemia di Covid-19 in ogni singolo paese. Il metodo fisico ha svelato la relazione diretta tra l’evoluzione temporale dei contagi con i protocolli di contenimento. Sono state evidenziate importanti caratteristiche di universalità che determinano la divisione dei paesi in due classi distinte: paesi che hanno adottato il contenimento tradizionale LSG e paesi che hanno applicato con successo il contenimento innovativo CFMT. Quest’ultimo dimezza i tempi necessari per spegnere l’epidemia e riduce di circa un fattore 10 o più i numeri dei decessi e l’impatto sull’economia.
Ora, nella Fase 2 in cui siamo appena entrati, il protocollo LSG prevede una seconda ondata intorno a settembre/ottobre qualora l’immunità di gregge non sia stata ancora raggiunta. Il metodo CFMT non prevede nessuna altra ondata poiché questo protocollo ha già mostrato di essere capace di arrestare le ondate successive. I politici hanno ancora qualche giorno per attivare il protocollo CFMT in Italia esattamente uguale a quello operativo oggi in Corea del Sud, Israele, Norvegia e Singapore ove le attività economiche hanno già ripreso, anche se il protocollo viene da lontano, per essere sicuri di evitare un altro disastro economico e sanitario.
La storia che stiamo vivendo dimostra ancora una volta quanto sia fondamentale sviluppare anche in momenti fuori dall’emergenza il rapporto tra scienza, politica e società. Emergenze di questo tipo, caratterizzate da un elevato livello di complessità e correlazione dei sistemi coinvolti, necessitano di una grande rapidità di azione e di predisposizione della politica e della società a comprendere il metodo scientifico che ha prodotto progressi tecnologici, scardinando teorie e modelli precostituiti e di mainstream.
Il rapporto tra scienziati e politici è molto complesso e lo diventa ancora di più quando il fattore tempo entra in gioco. L’urgenza dell’azione immediata allo scoppio di un incendio richiede per i pompieri, che devono intervenire, che seguano un protocollo già ben definito. Ma i politici dovrebbero essere capaci di chiedere consiglio a scienziati pronti a cambiare le loro idee, le loro credenze, i loro protocolli appena vedono i risultati sperimentali che falsificano le loro teorie (come dice Popper) e i loro protocolli, e confermano invece altre leggi o altri protocolli, anche se vengono da lontano.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali