Approfondimenti

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

951

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. Nonostante la diffusa retorica della polverizzazione dei confini, questi ultimi sono stati, invece, proprio dall’Ue, non solo rafforzati e presidiati, anche militarmente, ma addirittura esportati in Africa mediante accordi internazionali (Processo di Rabat, Khartoum, La Valletta…), allo scopo di arginare, selezionare ed arrestare migliaia di profughi in fuga dai loro paesi di origine. Una politica di fronteggiamento dei flussi migratori che è in corso da molti anni e che è stata recentemente solo rafforzata in chiave securitaria.

È una tesi avanzata nel saggio “L’Unione europea: delocalizzazione dell’accoglienza ed esternalizzazione delle frontiere tra protocolli internazionali, rotte balcaniche e Migration compact” presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali, tenutosi a Siviglia dal 16 al 20 luglio scorso, redatto e presentato da chi scrive in qualità di ricercatore Eurispes e da Pina Sodano, docente a contratto presso l’Università di Roma Tre in “Sociologia delle migrazioni islamiche in Europa” e vice presidente del Centro studi Tempi Moderni.

Questo processo nasce con la creazione in Europa dello Spazio Schengen, in seguito all’omonimo accordo del 1985 per l’eliminazione progressiva dei controlli alle frontiere interne e l’introduzione di un regime di libera circolazione per i cittadini degli Stati firmatari. Tale accordo avrebbe fatto nascere un “dispositivo confinario” che ha ridisegnato i meccanismi nazionali e sovranazionali di controllo ed avviata la loro esternalizzazione. Le politiche di confinamento dei flussi migratori, le norme nazionali ed internazionali, i processi e gli accordi, come quelli di Rabat, Khartoum e Malta, segnano il super-confine politico di un’Unione chiusa nella sua circonferenza autoreferenziale.

L’esternalizzazione dei confini europei in luoghi lontani rispetto a quelli ufficiali, peraltro assai fragili sia sul piano economico che democratico, e la relativa de-localizzazione dell’accoglienza, hanno prodotto il trasferimento delle responsabilità, rispetto alla gestione dei flussi migratori, sui governi di paesi terzi, spesso incapaci di gestire tale complessità se non, come nel caso eritreo, anche responsabili della fuga per persecuzione di centinaia di migliaia di persone dal proprio regime dittatoriale. Si cita, a conferma di ciò, anche il caso del Sud Sudan, governato da Al-Bashir, sul quale pesa un mandato di cattura internazionale per crimini di guerra e contro l’umanità, con il quale pure l’Italia e l’Ue hanno ufficialmente trattato.

Questa strategia si è manifestata già con il criterio dello “Stato terzo sicuro” in cui espellere il profugo che non abbia ottenuto lo status di rifugiato (si veda l’accordo dell’Unione europea con la Turchia) o mediante la creazione nei paesi di transito di “zone di protezione internazionale” dove offrire assistenza umanitaria. Una strategia che appare una follia sul piano dei diritti dell’uomo, non garantendo questi paesi il giusto rispetto ed una gestione pubblica, trasparente ed internazionalmente valutata e controllata. La “dimensione esterna” dei controlli si avvale anche dei “respingimenti” direttamente in mare. Eppure, ai sensi dell’articolo 33 della Convenzione di Ginevra del 1951, è fatto divieto agli Stati di espellere o respingere i rifugiati ed i richiedenti asilo verso luoghi in cui la vita o la libertà ne sarebbero minacciati per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un particolare gruppo sociale o per diversa opinione politica (principio di non-refoulement). Lo stesso principio è ribadito dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo ed il divieto trova applicazione anche nel caso in cui il respingimento avvenga verso un paese che potrebbe rinviare il profugo verso un territorio in cui verrebbe esposto a tale trattamento come, ad esempio, l’Eritrea. Eppure, i respingimenti avvengono continuamente, esponendo l’Italia e l’Ue a possibili azioni penali direttamente alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja.

Ciò mette in luce anche la mancata volontà, da parte dell’Ue, di elaborare approcci “positivi” e regolamentazioni ispirate ad una visione complessa e multi-dimensionale e non solo securitaria delle migrazioni, con interventi settoriali e limitati sul terreno della cosiddetta “integrazione”. L’Ue ha finito, in sostanza, col considerare l’immigrazione “irregolare” un fenomeno “patologico” derivante dalla crescita quantitativa dei flussi migratori diretti verso l’Europa, sino a legittimare ansie diffuse di invasione, norme discriminatorie e la riemersione di partiti e movimenti xenofobi e dichiaratamente razzisti. Una delle ricadute di questo sistema si rileva nei ripetuti episodi di violenza razzista operata da cittadini italiani a danno di migranti, spesso richiedenti asilo di provenienza subsahariana o asiatica, con alcuni casi particolarmente gravi come quello di un uomo di origine marocchina deceduto ad Aprilia, in provincia di Latina, a causa probabilmente delle percosse subite da alcuni cittadini italiani impegnati nelle cosiddette “ronde per la legalità”.

Questa tendenza è accompagnata e rafforzata dalla percezione, costruita socialmente e politicamente, per cui gli immigrati si dividerebbero, di per sé e non ex lege, in regolari ed irregolari. I due fenomeni sono, invece, intimamente intrecciati. «La migrazione regolare – afferma Pina Sodano – può facilitare quella irregolare attraverso reti migratorie e norme restrittive che possono far precipitare migliaia di migranti regolari in una condizione di precarietà e di irregolarità amministrativa. Allo stesso modo, l’ingresso regolare può precedere un soggiorno irregolare e molti migranti, attualmente in possesso dei documenti, ne sono stati privi in passato. È perciò più corretto parlare di condizioni di regolarità ed irregolarità in cui le persone che migrano si vengono a trovare. Sono state delle precise scelte politiche in termini di regolamentazione giuridica delle migrazioni, a creare, a partire dalla metà degli anni Settanta, i cosiddetti “clandestini”, in risposta alla crisi economica di quegli anni. Il contrasto dell’irregolarità, che da allora ha assunto un’importanza sempre più pervasiva nelle normative nazionali ed europee, non ha affatto ridotto la componente non regolamentata dell’immigrazione, ma ha prodotto un meccanismo di “integrazione subordinata” e di “collocazione marginale” di tale popolazione, funzionale ad un contesto socio-produttivo caratterizzato da una crescente precarietà, da una riduzione delle prestazioni dello stato sociale e da un generale abbassamento delle tutele e dei diritti del lavori».

La classe politica nazionale continua a non comprendere, oggi come ieri, che i movimenti migratori contemporanei sono caratterizzati da una moltiplicazione di modelli migratori, da una forte accelerazione dei flussi, da un aumento della complessità della loro composizione e da una crescente imprevedibilità delle loro direzioni e relativa turbolenza. Ogni riduzione semplicistica del fenomeno rischia di determinare conflitti sociali e profonde ingiustizie nel Paese, se non scontri razzisti e drammi come quelli registrati in queste ultime settimane.

Un’Unione incapace di esprimere una matura volontà democratica fondata sul rispetto dei diritti umani e della solidarietà, in favore dell’accoglienza dei profughi, disposta anche a mettere in discussione l’artificiale distinzione tra migranti economici e migranti forzati, è destinata non solo a tradire i suoi valori fondativi ma anche a generare conflitti e drammi nelle periferie della sua visuale eurocentrica del mondo. Un problema che chiama in causa la natura intima dell’Ue e la responsabilità della sua popolazione nell’accettare o meno questa condizione.

La tematica di cui sopra è stata affrontata in tutte le edizioni del “Dossier Agromafie” dell’Eurispes.

Ultime notizie
Politica

La Democrazia Cristiana non si può rifare. Follini: «Serve recuperarne la misura”

Che cosa è stata e che cosa ha rappresentato la Democrazia Cristiana? La Dc non si può rifare, eppure esistono ancora i democristiani. Intervista a Marco Follini, uomo politico e dirigente culturale, autore del libro Democrazia Cristiana. Il racconto di un partito
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La P.A. nella quarta rivoluzione industriale. Governare senza rete

La Pubblica amministrazione nell’epoca della Rete e, paradossalmente, delle incertezze; il ruolo di chi governa e i suoi strumenti: sono le parole chiave del nuovo libro del Presidente del Consiglio nazionale di Legautonomie, Bruno Manzi.
di Ilaria Tirelli
Attualità

Caduta del Muro, “Quando toccai la ferita dentro l’Europa”. Il ricordo

La caduta del Muro di Berlino raccontata ai giovani da chi ne è stato testimone: i ricordi, le sensazioni, la paura, l'euforia, le aspettative e le delusioni. Carmelo Cedrone, responsabile del Laboratorio Europa dell'Eurispes, risponde alle domande degli studenti del Liceo L. A. Seneca di Roma
di Redazione
Attualità

Geopolitica del Muro di Berlino: l’eredità ideale e la memoria popolare

La caduta del Muro che divise l'Europa del Dopoguerra aveva, all'epoca, fatto sperare in un'era di distensione e unità. Tuttavia, sulle vele della storia europea soffia ancora poderoso il vento delle piccole patrie e rigurgiti nazionalisti. L'analisi
di Antonio De Chiara
Informazione

Cinquant’anni di Internet, ecco cosa è cambiato. La Rete si è “guastata”. Quali sono i rimedi?

Il 29 ottobre del 1969 avveniva il primo collegamento tra due computer. Cosa è cambiato da allora? Ne parliamo con Arturo di Corinto, psicologo cognitivo, esperto di innovazione tecnologica.
di Massimiliano Cannata
Attualità

La caduta del Muro 30 anni dopo, il mondo ha bisogno di nuove “spallate”

Caduta del Muro di Berlino 30 anni dopo, nell'epoca dei nuovi Muri. Baldazzi: "C’è da chiedersi se, come nella Berlino Ovest, la libertà sia appannaggio di chi erige muri, o di chi ne rimane fuori".
di Alberto Baldazzi
Animali

Svolta animalista della Regina Elisabetta II: 9 italiani su 10 contrari alle pellicce

La Regina Elisabetta II dice basta alle pellicce: d'ora in poi utilizzerà solo capi ecologici e sintetici. La notizia, rivelata da Angela Kelly, già assistente di Sua Maestà per l'abbigliamento, sta suscitando l'approvazione dei movimenti ambientalisti e non solo. Ma che cosa ne pensano gli italiani?
di redazione
Giustizia

Presunzioni legali, la Consulta sul potere discrezionale del magistrato di sorveglianza: alcune ipotesi

Le presunzioni legali e “l’actio finium regundorum” della Consulta sul potere discrezionale del magistrato di sorveglianza: alcune possibili ipotesi sulla declaratoria d’incostituzionalità del comma 1 dell’art. 4 bis ord.pen.
di Daniela Mainenti
Società

Scompare il sociologo Patrizio Di Nicola. Il ricordo dell’Eurispes

Lo scorso 26 ottobre Patrizio Di Nicola ci ha lasciato, dopo una breve malattia. Sociologo, Professore di Sociologia dell’Organizzazione e dei Sistemi...
di Marco Ricceri
Cultura

Gli induisti in Italia: sono 130mila stranieri e 30mila italiani. Il primo Rapporto

Gli induisti in Italia sono oggi oltre 150.000; oltre alla popolazione immigrata, si contano circa 30.000 cittadini italiani induisti. Il primo identikit nel Rapporto L'Induismo in Italia realizzato dall'Eurispes
di redazione