Salvini “doppia” Di Maio in tv. Il report dell’Osservatorio tg

Matteo Salvini protagonista della televisione: dal 4 marzo in poi la sua presenza segna un’impennata nei servizi delle principali testate nazionali e, nel mese di giugno, doppia il collega M5S, Luigi Di Maio.
Il tema dell’immigrazione e degli sbarchi, prima delle elezioni pressoché inesistente, diventa una costante dell’agenda mediatica dopo il 4 marzo, conquistando circa 200 titoli nei Tg nazionali. Intanto, Mediaset avvia il processo di “de-leghizzazione” e si “avvicina” ai profughi.
È quanto emerge dal report semestrale dell’Osservatorio Quotidiano Tg curato dall’Eurispes. L’Osservatorio ha analizzato, minuto per minuto, il comportamento e i flussi delle sette reti generaliste (Rai, Mediaset, La7).

Il report: le presenze dei leader politici

Gli ultimi tre mesi del semestre preso in esame dall’Osservatorio Tg, sono stati interamente dominati dal lungo strascico delle elezioni politiche del 4 marzo che, dopo quasi 90 giorni di stallo e false partenze, hanno portato il primo giugno Giuseppe Conte alla formazione del 65° Esecutivo della storia della Repubblica. Nei mesi di aprile e maggio la politica ha monopolizzato tutte le edizioni dei Tg, facendo incetta di aperture, titoli e servizi dedicati al dibattito tra i partiti.
Risulta in tal senso utile, allo scopo di indagare gli shift interni alla comunicazione politica nelle testate, confrontare le due fasi che hanno caratterizzato il semestre: quella preelettorale, e quella che ha portato alla costituzione del nuovo Governo.

Dal grafico si rileva come nel periodo della campagna elettorale, le testate abbiano privilegiato fin dai titoli gli interventi della “vecchia guardia”: a dimostrarlo le presenze di Berlusconi, più che doppie rispetto a quelle di Matteo Salvini. Passando alle presenze di Di Maio, se i numeri possono far pensare al pieno adeguamento dei flussi dell’informazione ad una dinamica “tripolare” (in febbraio Berlusconi, Di Maio e Renzi sono stati citati pressoché lo stesso numero di volte), scendendo  nel merito delle titolazioni ci si rende conto che, ancora nel  febbraio, lo spazio del Movimento 5 Stelle nelle scalette consisteva per lo più in “interventi in opposizione” alle affermazioni di altri esponenti politici, e raramente conteneva direttamente le posizioni del Movimento.

«La situazione si ribalta a partire dal 4 di marzo, serata (e nottata) dalla quale emergono come novelli “consoli” Salvini e Di Maio: un’ascesa che si è accompagnata con il progressivo eclissarsi delle figure apicali del partito democratico. Berlusconi ha mantenuto una notevole presenza, sostenuto in larga parte dalle testate Mediaset, interpretando un ruolo di “frizione” e mediazione con le posizioni dell’alleato leghista», spiega Luca Baldazzi, direttore dell’Osservatorio Tg.

«Se nel mese di maggio la presenza di Salvini e Di Maio ha costituito per le testate una sorta di “binomio” inscindibile, quasi che i due vicepremier in pectore avessero resuscitato l’istituto consolare della Roma Repubblicana, un esame delle titolazioni di giugno attesta chiaramente come, nonostante nei sondaggi entrambe le forze di governo si mantengano “pari” attorno al 30%, nelle scalette dei 7 telegiornali nazionali sia cresciuto il peso del leader leghista. Matteo Salvini, infatti, nel mese di giugno quasi doppia il collega pentastellato per presenza nelle titolazioni. Per molti aspetti, quindi, il primo mese del 65° Esecutivo della Repubblica è stato in larghissima parte “scandito” dalle istanze del suo Ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Sebbene anche Luigi di Maio abbia dimostrato un discreto attivismo (ad esempio, sul fronte dei riders), le sue azioni non hanno imposto i temi del lavoro e dell’occupazione nell’agenda mediatica».

I temi: 200 titoli su sbarchi e immigrazione

Per quanto riguarda i contenuti tematici, merita una particolare attenzione il tema dell’immigrazione. Spiega Luca Baldazzi: “Tra gennaio e maggio 2018 la tematica degli sbarchi e della condivisione dei pesi dell’accoglienza con gli altri paesi europei risultava pressoché inesistente, mentre oltre la metà delle 90 titolazioni relative al vasto tema “migranti” era assorbito da servizi che presentavano esempi di convivenza negativa, relativi per lo più a delitti o crimini che coinvolgevano stranieri o migranti. La situazione cambia completamente nel mese di giugno, che ha presentato circa 200 titoli legati agli sbarchi, ai problemi dell’accoglienza ed al confronto con l’Europa per una ridistribuzione più equa degli arrivi. È scontato affermare che con l’insediamento di Salvini al Viminale il “problema” degli sbarchi e dell’accoglienza è tornato fortemente ad imporsi sulle scalette.
Da segnalare che la sedimentata linea editoriale delle testate Mediaset minori “avversa” ai profughi e, più in generale, alla presenza di stranieri sul territorio nazionale, è risultata tra marzo e giugno alquanto attenuata. Ciò è in parte riconducibile al processo di “de-leghizzazione” avviato all’interno dell’informazione Mediaset a seguito della vittoria elettorale dell’alleato Salvini a danno dell’alleato FI, che ha prodotto tra aprile e maggio la rimozione dai ruoli di conduzione di programmi di Maurizio Belpietro, Paolo Del Debbio e anche del direttore di Tg4 Mario Giordano, ovvero delle figure che storicamente esaltavano le tematiche leghiste.

In sintesi, la comunicazione politica post-elettorale è stata marcata dal particolare attivismo di Salvini rispetto a Di Maio. Il neo Ministro dell’Interno ha goduto di una maggiore esposizione mediatica perché si è esposto su molti fronti, in taluni casi di non sua competenza (si guardi alle esternazioni di Salvini sul tema dei vaccini, che hanno suscitato la reazione della Ministra Grillo).
Le “nuove opposizioni” hanno visto scemare le loro presenze nelle titolazioni, comparendo spesso in logica, appunto, d’opposizione alle dichiarazioni delle forze di governo. Se Forza Italia ha potuto avvalersi della disponibilità delle testate Mediaset a riprendere le dichiarazioni del suo leader, le vicissitudini e gli sviluppi del Partito Democratico hanno trovato limitato spazio nelle titolazioni, per lo più concentrato su Tg3, Tg1 e Tg La7.

Ultime notizie
Attualità

Natale e tanta voglia di leggerezza

Fare shopping è la parola d’ordine nei primi giorni di cauta (ufficialmente: molto cauta) apertura di negozi ed esercizi commerciali. Il Natale...
di Angelo Perrone*
Cultura

Musica, la riscossa del vinile: cresce il mercato degli LP

Musica, il vecchio LP continua a registrare un interesse senza precedenti, tanto che nell’industria americana i ricavi degli album in vinile rappresentano il 62% dei ricavi totali dei supporti fisici, vale a dire 232 milioni di dollari.
di Ilaria Tirelli
Vincenzo Macrì

Maxi riclaggio da 500 miliardi di euro, come le mafie condizionano l’economia mondiale

  Il quotidiano on line Corriere della Calabria del 27 novembre scorso pubblica un articolo a firma Pablo Petrasso che riferisce i risultati...
di Vincenzo Macrì
Europa

Povertà: ancora troppo grande il numero di senzatetto, 700mila solo in Europa

700mila persone in Europa vivono in strada e ogni notte sono costrette a cercare ricoveri di fortuna,. Oggi la disponibilità nei centri di accoglienza è ridotta, a causa del distanziamento reso necessario dalle misure sanitarie in atto contro il Covid.
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Dov’è finito il Sud?

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.   Lo “spirito...
di Gian Maria Fara
Cosa vuol dire Mafia?

Cosa vuol dire Mafia? Dialogo con Marisa Manzini, procuratore aggiunto di Cosenza

Per cominciare a comprendere la complessità di un tessuto civile e sociale come quello calabrese, abbiamo dialogato con Marisa Manzini, Procuratore aggiunto della Procura di Cosenza. L’intervista è contenuta nella rubrica “Cosa vuol dire Mafia? Dialoghi sulla legalità” a firma di Sergio Nazzaro
di Sergio Nazzaro
Diritto

Web tax: il 2021 sarà l’anno della svolta?

Le multinazionali del Web godono di una non più ammissibile omessa tassazione dei loro miliardari profitti. Per affrontare fenomeni come quello della tassazione dell’economia digitale occorre adottare una nuova prospettiva.
di Giovambattista Palumbo*
Video

La luce, oltre la siepe

Quante volte vi siete chiesti: quando finirà? E quante volte vi siete sentiti rispondere: quando arriverà un vaccino. Ora sembra che stia...
di Emilio Albertario
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*