Innovazione

CSR come elemento di attrazione per la generazione Y

30
CSR

Le aziende con il tempo hanno imparato ad investire sempre di più in ambito CSR, avendo capito che anche in questo modo si può competere più efficacemente sul mercato. Diversi infatti sono i vantaggi possibili: miglioramento del clima aziendale e della reputazione, facilitare il rapporto con le comunità locali, aumentare la produttività. Ultimamente si sta scoprendo anche come elemento distintivo per  attirare i migliori talenti sul mercato.

Da uno studio condotto da GreenBiz sul mercato americano, risulta infatti che i Millenials pongono sempre più attenzione alla reputazione delle aziende e al loro impegno per le comunità e preferiscono datori di lavoro che si impegnano in attività CSR sempre più vicine alle loro convinzioni. Ovviamente tale considerazione è parte di un insieme più ampio di valutazioni associate alla posizione aziendale, al salario ed alle prospettive di carriera.

Tale considerazione è la diretta conseguenza del maggiore interesse che i Millenials rivolgono a queste attività anche in ambito privato – risulta infatti da una ricerca di Deloitte sulla generazione Y, che il  43% è impegnato in attività di volontariato  e il 63% mostra una forte propensione a donazioni per enti di beneficenza. Dal momento che questa generazione diventerà la maggioranza della forza lavoro entro il prossimo decennio, ha senso che le aziende che vogliono avere successo nell’ attrarre i talenti, si attivino mediante attività di CSR qualificanti.

In realtà, in molti casi, nonostante un forte impegno in questo senso da parte delle aziende, queste non sfruttano al meglio tale vantaggio – ciò dipende soprattutto dalla mancata connessione tra tali attività  e le politiche di acquisizione del personale.  Lavorando ad una migliore connessione tra questi due settori (CSR ed HR), è possibile ottenere il massimo dei benefici.

Per far ciò, è imprescindibile rendere visibile nella propria pagina di “Lavora con Noi”, il primo luogo dove i potenziali candidati prendono contatto con l’azienda, tutte le informazioni relative ai programmi si responsabilità sociale d’impresa che l’azienda sta realizzando, magari con testimonianze dirette del personale impegnato nelle attività di volontariato. Inoltre, bisogna fare in modo che il proprio personale di selezione del personale di HR, sia consapevole di queste attività e trovi il modo per enfatizzare questi aspetti durante il processo di intervista e selezione del personale.

In generale, è necessario legare il proprio brand alle attività di responsabilità sociale d’impresa e dimostrare  l’impatto dell’organizzazione nella comunità – sia a livello locale che globale . Evidenziare come questa sia parte della cultura generale dell’azienda.

Realizzare attività di CSR è oramai la norma in molte aziende ma può diventare una best practice se è utilizzata per assicurarsi i candidati migliori sul mercato.

Ultime notizie
Società

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione
Intervista

Educazione civica. Rusconi: “Manca una cabina di regia”

"L'educazione civica spesso non viene insegnata, qualche insegnante lo fa per propria buona volontà. Viene sottovalutato l’apprendimento delle norme e dell’ordinamento dello Stato, fatto soprattutto di comportamenti di rispetto".
di Valentina Renzopaoli