Gli italiani amano
i vigili del fuoco e chiedono
più educazione civica

pompieri

E’ un plebiscito. Nell’anno in cui l’Eurispes indica nella responsabilità e nel coraggio le virtù di cui dobbiamo assolutamente riappropriarci, gli italiani manifestano la loro schiacciante preferenza proprio a coloro che, nell’immaginario collettivo, questi valori incarnano, i pompieri. Il Corpo dei vigili del fuoco riscuote infatti la fiducia dell’86,6 per cento dei cittadini, secondo la rilevazione 2018, che torna a saggiare il grado di consenso delle istituzioni. Una simpatia e una stima rafforzata dai salvataggi di Rigopiano, da quelli di Ischia e da molti altri episodi ancora. Non si può dire lo stesso delle  altre istituzioni. Vero che il tasso di fiducia è tecnicamente raddoppiato da un anno all’altro, ma  siamo ancora a livelli di gran lunga inferiori alla media della popolazione. In particolare, il 70,6 dei cittadini esprime poca o nessuna fiducia nei confronti del governo, il 69 per cento poca o nessuna verso il Parlamento, e identico è il risultato nei confronti della magistratura. Ci tira un po’ su il Presidente della Repubblica Mattarella, che tuttavia non raccoglie più del 44,5 per cento dei consensi, e soprattutto le forze dell’ordine, con i Carabinieri in testa (69,4 per cento) seguiti da Guardia di Finanza (68,5) e Polizia (66,7), a esprimere un forte bisogno di tutela.

Vediamo ancora nero, nonostante i segnali di ripresa dell’economia. Il Prodotto interno lordo è cresciuto dell’1,6 per cento nel 2017 e ne è previsto un aumento dell’1,5 per cento per il 2018 (dell’1,4 secondo il Fondo monetario internazionale, che ha appena rivisto stime ben più pessimistiche per il nostro Paese) mentre del 3 per cento sono saliti gli investimenti e stanno salendo i consumi. Ma il tasso di disoccupazione è  all’11 per cento e per quella giovanile siamo attorno al 35 per cento, valore tra i più alti d’Europa: il doppio, rispetto alla media dell’Unione europea. Non stupisce che quasi il 40 per cento dei genitori non avrebbe problemi a far raccomandare il proprio figlio da un politico o da una persona influente, pur di trovare un impiego, come ha appena verificato un’altra rilevazione inserita in questo trentesimo “Rapporto Italia”.

Minacciati dal pericolo della corruzione (lo avverte come tale l’87,7 per cento dei cittadini) e da quello dei politici incompetenti (86,2 per cento), schiacciati da un fisco ingiusto, che tartassa alcuni e consente ad altri di evadere 270 miliardi di euro (stima Eurispes, che raddoppia quella fatta dall’Ocse per il nostro Paese) presi in giro da un processo tributario che, anziché accanirsi contro i “pesci grossi”, nelle Commissioni di livello regionale perde tempo, nel 60 per cento dei casi, attorno a contenziosi di valore inferiore ai 20 mila euro, gli italiani sembrano facile preda dei partiti populisti e dei media che, purtroppo, sempre più spesso nascondono pigramente la verità dei fatti. Così, arrivano letteralmente a “vedere doppio”: rispondendo infatti al sondaggio su quanti siano gli immigrati rispetto alla popolazione, il 60 per cento ha sparato “dal 16 per cento in su”, mentre gli immigrati residenti sono poco più di 5 milioni, pari all’8,3 per cento. Stesso discorso per i musulmani: sono soltanto il 3 per cento dei residenti, ma meno di un terzo degli intervistati si è tenuto così “basso”.

Eppure, la volontà di recuperare i valori fondanti della nostra democrazia è ben viva: il 68 per cento dei cittadini si è detto favorevole a reintrodurre nelle scuole l’insegnamento dell’Educazione civica. Ed è proprio rileggendo la nostra Costituzione che sarà più facile tornare ad imbracciare responsabilità e coraggio. Per il resto, il Rapporto Italia fornisce la consueta miriade di riflessioni e di dati. Dalla maggiore attitudine delle donne rispetto agli uomini a leggere libri, al boom dei social, che vedono come attiva il 51,6 per cento della nostra popolazione (ovvero 31 milioni di persone), al notevole incremento di visite nei musei italiani. Dal bullismo che miete tante vittime, alla dispersione scolastica in leggero arretramento, alla voglia di mangiar sano che fa capolino, tanto che quasi l’80 per cento delle famiglie italiane ha acquistato nell’ultimo anno un prodotto biologico.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento