Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Società

La secolarizzazione: nuovi percorsi della fede o tramonto della religione?

secolarizzazione

La religione è uno degli aspetti maggiormente caratterizzanti l’identità di ciascun popolo, capace di generare conflitti ma anche iconografie attorno alle quali, nel corso del tempo, si sono costruite aggregazioni e sentimenti di appartenenza. Il tema della fede è centrale sia nella filosofia, che ne ha cercato di comprendere il significato (si pensi a Kant, che scrisse nel 1793 “La religione nei limiti della pura ragione”, opera fondamentale della Filosofia della religione), ma anche nella sociologia moderna, che a partire dal XX Secolo ne ha seguito la diffusione nella società e le ricadute su di essa. Uno dei fenomeni ravvisati con maggiore interesse nell’ultimo secolo è senza dubbio la secolarizzazione della società contemporanea. Di tale aspetto dell’essenza religiosa della società ne hanno scritto, parlato e dibattuto importanti studiosi, sociologi e non, dei quali vale la pena citare Nietzsche, che nella “Gaia scienza” anticipava di alcuni decenni un leitmotiv, che sarebbe stato poi ripreso durante tutto il secolo breve. Il filosofo tedesco affermava: “Dio è morto! Dio resta morto! E noi lo abbiamo ucciso! Come ci consoleremo noi, gli assassini di tutti gli assassini? Quanto di più sacro e di più possente il mondo possedeva fino ad oggi, si è dissanguato sotto i nostri coltelli; chi detergerà da noi questo sangue?”, intravedendo nella laicizzazione della società l’aspetto caratterizzante lo sviluppo futuro della società. Del medesimo avviso, alcuni decenni più tardi fu il sociologo Peter Berger, il quale basò gran parte dei suoi lavori sull’idea secondo la quale la crescita e l’affermarsi della modernità, avrebbe avuto da contraltare una perdita del sentimento religioso. Nel 1968, in un articolo pubblicato sul New York Times, Berger sosteneva che nel XXI Secolo la fede religiosa sarebbe stata limitata a poche sette numericamente limitate: quasi cinquant’anni dopo, qual’è l’effettiva situazione? Può essere interessante ,circoscrivendo il fenomeno ad una specifica realtà come l’Italia, osservare i dati forniti dal sondaggio effettuato dall’Eurispes per il 28° Rapporto Italia sulla relazione tra gli italiani e la fede. Innanzitutto si può riscontrare che, a fronte di un calo della fiducia nei confronti delle istituzioni religiose rispetto all’anno precedente (52% nel 2015, contro il 62,5% del 2014) il 71,1% degli intervistati si dichiara cattolico credente, valore tuttavia in diminuzione rispetto al 75,2% del 2014; questi dati indicano senza dubbio che la fede religiosa è ancora preponderante nella vita del nostro Paese, sede per eccellenza della fede cattolica. Tuttavia la percentuale dei praticanti risulta essere quasi dimezzata rispetto a quella dei non praticanti (25,4% contro 45,7%). Significativa può inoltre essere l’analisi dei dati disaggregati per fasce d’età, che consente di capire quale potrebbe essere l’evoluzione futura dei percorsi della fede nella nostra società. Dai dati emerge che tra le persone più mature (di età superiore ai 65 anni) si registra il 75,8% di cattolici, seguiti dai 45-64enni (72,4%). Seguono i più giovani dai 25 ai 34 anni (70,8%), quindi i 18-24enni (66,4%) e, in ultimo, i 35-44enni (65,9%). Tuttavia fra i più giovani si registra il numero più esiguo di credenti praticanti (13,5% tra i 18-24 enni), dato rilevante anche tra i 25-34 enni. Valutando quindi i dati forniti dal sondaggio Eurispes, si può affermare che la religione, almeno in Italia, non è affatto scomparsa: del resto anche Zygmunt Bauman, che durante la sua vita contestò aspramente l’ideologia della secolarizzazione della quale Berger fu uno dei principali promotori, affermava che le religioni erano ancora vive e vegete e ancora ampia era la loro diffusione nella società. Semmai è possibile individuare percorsi differenti che la fede si costruisce: percorsi diversi da quelli predominanti nel passato, individuali e privatizzati e che ben si adattano alla struttura liquida della società moderna,  per scomodare nuovamente il grande sociologo Bauman; in altre parole può essere legittimo pensare ad una connessione tra il crescente numero dei credenti non praticanti  ed un abbandono delle forme religiose istituzionali e tradizionali, a favore dell’affermarsi della dimensione soggettiva del rapporto con i culti religiosi. Inoltre lo stesso Berger, già dagli anni Ottanta, riconobbe l’infondatezza delle teorie che lo avevano portato a pensare ad un mondo privo di culti, disegnando un’evoluzione del suo pensiero che si concretizzò nel testo “La desecolarizzazione del mondo” (1999), nel quale riconobbe l’immutata rilevanza sociale delle confessioni.

Non è certo questa la sede adatta a stabilire la veridicità delle diverse teorie che si sono susseguite nel tempo. Stando ai dati analizzati però, appare lapalissiano quantomeno il profondo legame che sussiste tutt’oggi tra la religione cattolica e gli italiani, evidenze che appaiono suffragare le posizioni di Bauman e del “secondo” Berger. Nonostante la globalizzazione e l’affermarsi della cultura del consumismo e del fast food, di una modernità che si pensava avrebbe messo all’angolo ogni forma di spiritualità, ben 7 italiani su 10 si professano cattolici credenti; forse non vi è modernità che tenga al tentativo, per cui  l’uomo si adopera sin dalle sue origini, di spiegare l’inspiegabile e di tendere a ciò che va oltre la sua capacità sensoriale: Dio non è ancora morto per adesso e probabilmente la sua scomparsa avverrà quando l’umanità smetterà di porsi problemi. Circostanza quanto mai improbabile.

 

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu