Società

La percezione sballata su migranti e “ius soli”

169
migranti

La sindrome da invasione, fomentata dai partiti xenofobi e veicolata dai media, porta a sballare i conti su quanti siano i migranti effettivamente residenti nel nostro Paese. Meno di un italiano su tre, il 28,9 per cento degli intervistati, indica correttamente l’incidenza degli stranieri sulla popolazione (l’8 per cento circa, essendo 5 milioni gli immigrati regolari: e anche contando gli irregolari non si supera il 10 per cento). C’è invece chi, preso dalla paura, li vede doppi e anche tripli. Per il 35 per cento, sarebbero infatti il 16 per cento della popolazione, per un altro 25,4, sono addirittura il 24 per cento. Un residente su quattro sarebbe insomma straniero. Ad avere questa percezione sballata è oltre il 60 per cento della popolazione.

Altre paure sono quelle dell’Islam e dell’”uomo nero”. E infatti i musulmani, che sono circa il 3 per cento della nostra popolazione, vengono sovrastimati da quasi il 70 per cento della  popolazione. Per il 27,6 per cento rappresenterebbero l’8 per cento,  per il 23,6 il 16 per cento, e per poco meno di un italiano su cinque (il 17,5 per cento) addirittura il 24 per cento: otto volte di più di quanti effettivamente risultano. Ma ancora: gli africani sono in Italia l’1,7 per cento soltanto della popolazione, mentre la maggioranza degli stranieri proviene dai paesi dell’Est europeo. Ma appena un italiano su sei ha la percezione esatta della loro consistenza. Il 21,6 per cento ritiene che vengano dall’Africa il 3,5 per cento degli immigrati, ben il 35,3 per cento triplica il loro numero reale, e il 27,8 pensa che siano sei volte tanti, ovvero il 10,2 per cento.

Convinzioni molto sbagliate anche sulla legge per la cittadinanza ai figli degli immigrati. Ma qui, alla xenofobia diffusa  e alla superficialità dei media, si è aggiunta l’incapacità degli stessi promotori di spiegarla agli italiani. L’asse  centrale di questa legge miseramente abortita è lo stesso principio adottato nel Regno Unito e in Germania: è italiano chi nasce da una famiglia integrata, tanto che almeno uno dei genitori deve avere il permesso di soggiorno permanente, che si può richiedere dopo cinque anni di soggiorno regolare, e ottenere dopo un test di italiano e aver rispettato alcuni requisiti abitativi e di reddito. E’ stato letale averlo continuato a chiamare “ius soli”: e infatti la netta maggioranza degli italiani (56,9 per cento) ritiene che con quella proposta fosse sufficiente nascere sul suolo italiano, esattamente come negli Stati Uniti.

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Cyber war, prepariamoci alla madre di tutte le guerre asimmetriche

C’è una guerra silenziosa alle porte che nessuno può permettersi di sottovalutare, sarà combattuta con armi invisibili, schieramenti fluidi, in “trincee virtuali”. Aldo Giannuli Alessandro Curioni, con Cyber War, la guerra prossima ventura introducono il lettore in uno scenario complesso.
di Massimiliano Cannata
Lavoro

Parassiti al Sud? In realtà il Mezzogiorno è più operoso ed eroico del Nord

I meridionali sono inoperosi. Sono degli indolenti e degli scansafatiche. Marco Ascione interprella e analizza i dati, ed emerge una realtà totalmente diversa alla banale "vulgata" comune.
di Marco Ascione
Cultura

Fenomeno Tarantino “pulp e cool”. “Ma la sua violenza è etica e il suo cinema scomodo”

Quentin Tarantino torna nelle sale italiane con C'era una volta...a Hollywood (Once Upon a Time...in Hollywood). Attesa altissima per il nono film del regista che, fin dal suo folgorante esordio, ha “scritto” un nuovo modo di fare cinema. Qual è, quindi, l'impatto che il cinema di Tarantino ha avuto dagli anni Novanta ad oggi? Ne parliamo con Gianluca Pelleschi, redattore della rivista di cinema online Gli Spietati.
di Raffaella Saso
Economia

Governo e Sud, Saverio Romano: “Ferrovie, Anas, Eni investano come fanno al Nord”

Il Governo Conte bis ha dedicato al Sud il punto numero 19 del suo programma, indicando la necessità di «lanciare un piano straordinario di investimenti per la crescita e il lavoro». Si tratta di «enunciazioni di principio, alle quali spero seguano fatti», commenta Saverio Romano, ex Ministro delle politiche agricole, che guida il Dipartimento Mezzogiorno dell'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Il punto

“Golden Power e il 5G”, non è il titolo di un film 007 ma la nostra vita

È il 2012 quando la Repubblica Italiana si dota (finalmente) di uno strumento fondamentale in tempi di globalizzazione tecnologica: la cosiddetta Golden...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, ecco come si formano i giovani finanzieri. Gen. Ricozzi: «Il primo insegnamento è il rispetto»

Guida gli Istituti di formazione che preparano e addestrano i giovani aspiranti finanzieri: uomini e donne che, nel Corpo della Guardia di Finanza, sono chiamati a tutelare i princìpi e i valori della Costituzione economica. Il Generale Carlo Ricozzi, Ispettore per gli Istituti di Istruzione, spiega a L'Eurispes.it che il primo insegnamento è il «rispetto delle persone, della legalità e del diritto».
di Valentina Renzopaoli
Informazione

Social media come le slot machine. L’attesa di un like è come quella di una vincita in denaro

Social media e gioco d'azzardo: alcune ricerche dimostrano che il meccanismo di dipendenza è simile, grazie a veri e propri “trucchi” psicologici che alimentano il cosiddetto “loop ludico”.
di Alfonso Lo Sardo
Gioco

Fortnite: chi è Edoardo alias Carnifex, il campione italiano pagato per giocare

Esports: chi è Edoardo Badolato, il 24enne italiano arrivato sesto al Campionato del mondo di Fortnite. Nato e cresciuto a Bergamo, in arte Carnifex, racconta a L'Eurispes.it perché ha scelto questa strada.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Governo Conte, Bombardieri (Uil): “Il lavoro è la priorità. Zingaretti al posto di Salvini? Tratteremo allo stesso modo”

Governo giallorosso ai nastri di partenza. Pd e Movimento 5 Stelle alleati per “rendere l’Italia migliore”. Ma quali sono i dubbi, le prospettive, le difficoltà all’orizzonte? E quali sono le misure che potrebbero favorire la crescita e la tutela del lavoro? Lo abbiamo chiesto a Pierpaolo Bombardieri, Segretario generale aggiunto della Uil.
di Valentina Renzopaoli
Informazione

Tempi da guru. Il “caso Panzironi”

Ho visto Panzironi. Cioè, non lo sapevo che quel tizio fosse Panzironi e, a dirla tutta, non sapevo nemmeno chi fosse, questo...
di Alberto Mattiacci