Società

La percezione sballata su migranti e “ius soli”

116
migranti

La sindrome da invasione, fomentata dai partiti xenofobi e veicolata dai media, porta a sballare i conti su quanti siano i migranti effettivamente residenti nel nostro Paese. Meno di un italiano su tre, il 28,9 per cento degli intervistati, indica correttamente l’incidenza degli stranieri sulla popolazione (l’8 per cento circa, essendo 5 milioni gli immigrati regolari: e anche contando gli irregolari non si supera il 10 per cento). C’è invece chi, preso dalla paura, li vede doppi e anche tripli. Per il 35 per cento, sarebbero infatti il 16 per cento della popolazione, per un altro 25,4, sono addirittura il 24 per cento. Un residente su quattro sarebbe insomma straniero. Ad avere questa percezione sballata è oltre il 60 per cento della popolazione.

Altre paure sono quelle dell’Islam e dell’”uomo nero”. E infatti i musulmani, che sono circa il 3 per cento della nostra popolazione, vengono sovrastimati da quasi il 70 per cento della  popolazione. Per il 27,6 per cento rappresenterebbero l’8 per cento,  per il 23,6 il 16 per cento, e per poco meno di un italiano su cinque (il 17,5 per cento) addirittura il 24 per cento: otto volte di più di quanti effettivamente risultano. Ma ancora: gli africani sono in Italia l’1,7 per cento soltanto della popolazione, mentre la maggioranza degli stranieri proviene dai paesi dell’Est europeo. Ma appena un italiano su sei ha la percezione esatta della loro consistenza. Il 21,6 per cento ritiene che vengano dall’Africa il 3,5 per cento degli immigrati, ben il 35,3 per cento triplica il loro numero reale, e il 27,8 pensa che siano sei volte tanti, ovvero il 10,2 per cento.

Convinzioni molto sbagliate anche sulla legge per la cittadinanza ai figli degli immigrati. Ma qui, alla xenofobia diffusa  e alla superficialità dei media, si è aggiunta l’incapacità degli stessi promotori di spiegarla agli italiani. L’asse  centrale di questa legge miseramente abortita è lo stesso principio adottato nel Regno Unito e in Germania: è italiano chi nasce da una famiglia integrata, tanto che almeno uno dei genitori deve avere il permesso di soggiorno permanente, che si può richiedere dopo cinque anni di soggiorno regolare, e ottenere dopo un test di italiano e aver rispettato alcuni requisiti abitativi e di reddito. E’ stato letale averlo continuato a chiamare “ius soli”: e infatti la netta maggioranza degli italiani (56,9 per cento) ritiene che con quella proposta fosse sufficiente nascere sul suolo italiano, esattamente come negli Stati Uniti.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani