Società

La percezione sballata su migranti e “ius soli”

migranti

La sindrome da invasione, fomentata dai partiti xenofobi e veicolata dai media, porta a sballare i conti su quanti siano i migranti effettivamente residenti nel nostro Paese. Meno di un italiano su tre, il 28,9 per cento degli intervistati, indica correttamente l’incidenza degli stranieri sulla popolazione (l’8 per cento circa, essendo 5 milioni gli immigrati regolari: e anche contando gli irregolari non si supera il 10 per cento). C’è invece chi, preso dalla paura, li vede doppi e anche tripli. Per il 35 per cento, sarebbero infatti il 16 per cento della popolazione, per un altro 25,4, sono addirittura il 24 per cento. Un residente su quattro sarebbe insomma straniero. Ad avere questa percezione sballata è oltre il 60 per cento della popolazione.

Altre paure sono quelle dell’Islam e dell’”uomo nero”. E infatti i musulmani, che sono circa il 3 per cento della nostra popolazione, vengono sovrastimati da quasi il 70 per cento della  popolazione. Per il 27,6 per cento rappresenterebbero l’8 per cento,  per il 23,6 il 16 per cento, e per poco meno di un italiano su cinque (il 17,5 per cento) addirittura il 24 per cento: otto volte di più di quanti effettivamente risultano. Ma ancora: gli africani sono in Italia l’1,7 per cento soltanto della popolazione, mentre la maggioranza degli stranieri proviene dai paesi dell’Est europeo. Ma appena un italiano su sei ha la percezione esatta della loro consistenza. Il 21,6 per cento ritiene che vengano dall’Africa il 3,5 per cento degli immigrati, ben il 35,3 per cento triplica il loro numero reale, e il 27,8 pensa che siano sei volte tanti, ovvero il 10,2 per cento.

Convinzioni molto sbagliate anche sulla legge per la cittadinanza ai figli degli immigrati. Ma qui, alla xenofobia diffusa  e alla superficialità dei media, si è aggiunta l’incapacità degli stessi promotori di spiegarla agli italiani. L’asse  centrale di questa legge miseramente abortita è lo stesso principio adottato nel Regno Unito e in Germania: è italiano chi nasce da una famiglia integrata, tanto che almeno uno dei genitori deve avere il permesso di soggiorno permanente, che si può richiedere dopo cinque anni di soggiorno regolare, e ottenere dopo un test di italiano e aver rispettato alcuni requisiti abitativi e di reddito. E’ stato letale averlo continuato a chiamare “ius soli”: e infatti la netta maggioranza degli italiani (56,9 per cento) ritiene che con quella proposta fosse sufficiente nascere sul suolo italiano, esattamente come negli Stati Uniti.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra