Sondaggi & Ricerche

Come “tira” la chirurgia estetica. Ragazzine protagoniste

La donna italiana investe sulla salute e sulla bellezza, non accusa alcun gap rispetto ai maschi nella tecnologia di ogni giorno e tiene al cibo di qualità. E’ questa l’immagine positiva che balza fuori da un’indagine Euripes effettuata in occasione dell’8 marzo. L’Italia, intanto, è tra le prime dieci nazioni al mondo sia per numero di interventi plastici sia per trattamenti estetici non chirurgici. A modificare il loro corpo con la chirurgia estetica sono 17 donne italiane su cento e il 2 per cento lo ha fatto più di una volta. Il risultato sorprendente è che sono soprattutto le giovanissime fra i 18 e i 24 anni a cedere alla tentazione del “ritocchino”: più di una ragazza su cinque, infatti (il 21,4 per cento) si è rivolta al chirurgo almeno una volta nella vita e il 3,6 per cento lo ha fatto più di una volta.

Del resto, secondo il sondaggio Eurispes, quasi la metà delle donne che hanno subito interventi (il 47,9 per cento) ha dichiarato di averlo fatto prima dei 25 anni. Sette donne su dieci hanno deciso di andare sotto i ferri perché insoddisfatte della loro immagine naturale, e sono soprattutto le separate e le divorziate (55,6 per cento) a rivolgersi al chirurgo. Ma anche i trattamenti non chirurgici, come peeling, filler e botulino sono molto in voga: li utilizzano il 27,1 per cento delle donne intervistate, mentre poco più di una donna su cinque si è tatuata e il 18,1 per cento ha fatto un piercing. Il tatuaggio spopola fra le giovanissime: ce l’hanno ormai quattro ragazze su dieci fra i 18 e i 24 anni (39,3 per cento) mentre il 42,9 ha un piercing.

woman-1585593_1920

Quanto alla tecnologia, l’88,7 per cento delle donne italiane possiede un cellulare, quota che arriva alla quasi totalità nella fascia compresa tra i 18 e i 44 anni. Il telefonino è un compagno assiduo della giornata: il 64,6 per cento delle donne lo consulta mentre guarda la televisione, il 63,4 per cento se lo porta dentro il letto e quattro donne su dieci non riescono a farne a meno neppure quando vanno in bagno. Tra le giovanissime, poi, è un delirio: al di sotto dei 24 anni lo si considera un elemento indispensabile prima di addormentarsi e appena sveglie (92,5 per cento). Di qui l’appello che campeggia nel titolo del libro di Aldo Cazzullo “Metti giù quel cellulare”, autore che il nostro Magazine ha intervistato.

Donne connesse in rete: otto su dieci ritengono i social di aiuto per restare in contatto con i propri amici, sette su dieci giudicano la rete utile per restare informate, sei per fare conoscenze, sei per lavorare. Alle donne piace mangiare, e mangiare bene: il 45 per cento ha dichiarato di aver impiegato maggiori risorse finanziarie per comprare cibo, rispetto all’anno precedente. E il 27,8 per cento ha assaporato più spesso il cibo fuori casa, mentre una su quattro ha dedicato più risorse al tempo libero.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia