Caselli: “Andreotti assolto? Che balla! E la mafia dilaga”

“Parlare di assoluzione per il caso Andreotti non è soltanto un gravissimo errore giuridico, ma una falsità inoculata nella testa di gran parte del popolo italiano con tecniche sofisticate di manipolazione”. Non è abituato a usare mezzi termini, Gian Carlo Caselli, ex procuratore di Palermo e oggi direttore dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e nelle “agromafie”. Caselli ha appena pubblicato   “La verità sul processo Andreotti” (Editore Laterza, 2018, pagg. 144, euro 12) un pamphlet scritto a quattro mani con Guido Lo Forte, ex pm aggiunto che lo ha affiancato durante il processo svoltosi nel capoluogo siciliano. “Il nostro libro – spiega il giudice – ha come fil rouge il negazionismo, metodo subdolo esercitato per sminuire il fitto intreccio mafia-politica-imprenditoria, che è un fenomeno di respiro nazionale”.

Procuratore, rileggere una vicenda giudiziaria così complessa, un quarto di secolo esatto da quando iniziò il processo di Palermo, che contributo può dare a comprendere la nostra storia?
“Il processo Andreotti offre una miniera di informazioni e riscontri, facendoci innanzi tutto comprendere come la mafia è anche storia di “criminalità dei potenti”. Basta ricordare quello che il prefetto di Palermo, il generale Carlo Alberto dalla Chiesa, parlando col senatore Spadolini, aveva definito il “poli-partito della mafia”, indicando la compenetrazione illecita fra Cosa nostra e settori dirigenziali del mondo legale. Queste relazioni sono la spina dorsale del potere mafioso e ci fanno capire perché questo fenomeno impesta il nostro Paese da oltre due secoli, mentre le “normali” bande di gangster non durano più di quaranta o cinquanta anni”.

“Assolto, assolto, assolto”, le parole gridate dall’avvocato Bongiorno, difensore del Senatore Andreotti vanno considerate come la “bandiera” di una sofisticata opera di falsificazione?
“La verità di quel processo è stata fatta a brandelli. La Cassazione aveva, infatti, confermato in via definitiva la sentenza della Corte d’appello di Palermo, che dichiarò “il reato di associazione a delinquere con Cosa nostra commesso fino alla primavera del 1980’, ma prescritto per decorso del tempo. I giudici hanno scritto “reato commesso”. Più chiaro di così”.

Eppure l’opinione pubblica cadde nel tranello. Come si spiega?
“Un’ossessiva campagna di ‘fake news’ ha truffato il popolo italiano, in nome del quale le sentenze, non scordiamoci, vengono pronunziate, facendogli credere che l’imputato fosse stato pienamente e felicemente assolto. Non esiste in natura un imputato assolto per aver commesso il fatto. Siamo di fronte a un chiaro affronto alla logica e al buon senso”.

caselli_loforte_9788858130636

Chi aveva maggiore interesse a conculcare la verità in questa drammatica vicenda?
“C’è stata un’autentica gara fra politici e media soprattutto dell’area di centro-destra. Da Cossiga, sempre sprezzante oltre misura verso chiunque osasse mettere in dubbio l’assoluzione del suo collega di partito, a Casini: “Sono molto contento…quel che c’è stato contro Andreotti è stato assolutamente improprio e, a volte, addirittura persecutorio” queste le sue dichiarazioni dell’epoca; a Mastella: “Ad  Andreotti bisognerebbe fare un monumento”, affermava tronfio”.

E la sinistra, sempre pronta a entrare nel dibattito sulla legalità, che posizione assunse?  
L’atteggiamento tenuto dalla sinistra in quell’occasione lascia pensare. Un’area politica che ha sempre fatto della “questione morale” un punto all’apparenza fondamentale, avrebbe dovuto quanto meno discutere del macigno pesante come una montagna posato da una sentenza definitiva sulle spalle di Andreotti, se non di farne proprio un vessillo. Invece, soltanto imbarazzo, reticenza e silenzio
.
Quali sono state le conseguenze di questa macroscopica “illusione ottica”?
Innumerevoli e di vasta portata. La “bufala” dell’assoluzione di Andreotti si è, per così dire, fondata sulla cancellazione di una quantità impressionante di fatti gravi, tutti provati nella sentenza della Cassazione.  Ricordo solo la partecipazione di Andreotti a due incontri con Stefano Bontade e altri boss alla presenza di Salvo Lima e dei cugini Salvo, per discutere di fatti criminali gravissimi riguardanti Piersanti Mattarella, il compianto presidente della Regione Siciliana ucciso dalla mafia il 6 gennaio 1980. Senza che Andreotti abbia mai denunziato, a nessuno, gli elementi utili a far luce su un terribile delitto che derivavano dai diretti contatti avuti coi mafiosi”.

Anche il pool di Falcone e Borsellino aveva dovuto affrontare un contesto avverso. Si può tracciare un parallelo con la delegittimazione subita dalla Procura di Palermo da Lei guidata?
“Sì, basta ricordare il proverbio “scherza coi fanti ma lasciai stare i santi!”. Finché si perseguono mafiosi di strada, dell’ala militare di Cosa nostra, va tutto bene. Ma non appena un magistrato comincia a occuparsi di imputati “eccellenti”, arrivano i guai. Un diluvio di calunnie infamanti: professionisti dell’antimafia; uso spregiudicato dei “pentiti; torsione della giustizia a fini politici, insomma un rosario a tutti, ahimè, noto. Al pool di Falcone e Borsellino successe quando cominciarono a occuparsi dei cugini Salvo, di Lima, di Ciancimino padre, dei Cavalieri del lavoro di Catania e del Golpe Borghese. Stessa sorte toccò a noi dopo, perché non ci eravamo limitati ad occuparci a Riina e soci, ma avevamo indagato anche Andreotti, dell’Utri, Mannino, Contrada, Carnevale e altri soggetti “illustri” accusati di collusione con Cosa nostra. Con una differenza, però…”.

Può spiegare quale?
“Il pool di Falcone professionalmente parlando fu spazzato via; il loro metodo di lavoro, che si era dimostrato vincente, azzerato. Alla fine Falcone fu costretto a lasciare Palermo per emigrare a Roma. A noi invece furono “solo” messi i bastoni fra le ruote. Cosa nostra era ormai costretta in un angolo, sulla organizzazione gravavano 650 ergastoli! Una battaglia che si poteva vincere, ma qualcuno preferì farcela perdere per non sollevare il coperchio del “terzo livello”.

Dopo lo stragismo del ’92-93 è cambiata la strategia della mafia?
“Cosa nostra dopo quelle stragi si è “inabissata”. Sia per cicatrizzare le profonde ferite subite dalla reazione dello Stato, sia per ritessere la “solita” rete di relazioni esterne e riprendere a fare lucrosi affari in ogni campo. Nel contempo è “esplosa” la ‘ndrangheta, forte anche di una massiccia penetrazione al Centro e Nord d’Italia ma anche oltre i nostri confini. Sta poi emergendo un fenomeno nuovo di cui si parla ancora poco: le mafie di “importazione” (dalla Nigeria come dall’Est europeo), per le quali probabilmente servirebbero nuovi strumenti legislativi a partire da un aggiornamento del 416 bis, specificamente mirati su queste nuove realtà”.

Un mafia camaleontica, capace di evolvere sfidando i cambiamenti?
“Direi una mafia che scoppia di salute. Grazie alle attività gangsteristico–predatorie, droga e appalti prima di tutto, si calcola un business complessivo di almeno 150 miliardi di euro l’anno. La quantità enorme di capitali illeciti viene poi riciclata e investita ovunque può portare utili. Di qui un progressivo inquinamento dell’economia legale, aggravato dall’attuale crisi di liquidità che permette al crimine organizzato di entrare nei gangli della macchina economica, manipolando la libera concorrenza. E’ sempre più difficile distinguere il bianco dal nero, perché dilaga il grigio. Per realizzare i loro affari i mafiosi hanno sempre più bisogno di “esperti”: ragionieri, commercialisti, immobiliaristi, operatori finanziari e bancari, notai, avvocati, politici, amministratori, uomini delle istituzioni (purtroppo, magistrati compresi): la cosiddetta borghesia mafiosa. Si infittiscono gli intrecci con pezzi del mondo politico e dei “colletti bianchi”.

Una contiguità tra apparati dello Stato e uomini “d’onore”, che continua ad essere difficile se non impossibile spezzare. Cosa dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro?
“Nel futuro cambieranno le modalità delle “relazioni esterne”, che però continueranno ad esserci, perché sono il dna della mafia. E’ questo il nodo da rescindere, altrimenti continueremo solo a parlare di mafia per riempire i talk–show”.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili