Osservatorio TG

Il “Black Wednesday” delle borse

I tg di mercoledì 20 gennaio – Il mercoledì nero delle borse mondiali, con gli oltre 235 miliardi di euro bruciati solo in Europa (con Milano la peggiore al -4,83%) e il crollo disastroso degli indici bancari (MPS il peggiore, a -22%), dominano le aperture di tutte le testate. Contenendo il panico da tracollo finanziario, i Tg tentato stasera di produrre qualche analisi che chiarisca uno scenario tanto grave. Tg2, Tg3, Tg5 e Tg La7 ci propongono dei buoni approfondimenti che distinguono tra i crolli dovuti alla riduzione dei volumi di traffico mondiali (dipesi, questi, dal calo del prezzo del petrolio e dal rallentamento della crescita nei paesi asiatici) al crollo dei titoli bancari italiani, dovuto in parte alla speculazione straniera (tg5), in parte ai crediti non riscossi (oltre 350 miliardi di euro) accumulati dalle banche durante gli ultimi anni della crisi (Tg La7 e Tg2). Nessuno ancora si permette previsioni, mentre i Tg Rai diffondono le parole “rassicuranti” del ministro Padoan sulla solidità delle banche italiane.

“Junker prova a smorzare la polemica, ma il contenzioso resta alto”: così Tg La7 sintetizza le prove di riappacificazione avviate dalla Commissione europea dopo gli scontri al calor bianco degli scorsi giorni con Palazzo Chigi. L’ascia di guerra sembra essere stata risotterrata ma alcune testate (Tg1, Tg3 e Tg La7) ci ricordano che i punti di contrasto tra Bruxelles e Roma restano aperti. Per Tg5 la riappacificazione è stata permessa da movimenti da ambo le parti (leggi la nomina del sottosegretario Calenda). Per Tg1 e Tg3 un importante indice di “pacificazione” sarà il passaggio, in marzo, della norma che, nei fatti straccerà le disposizioni della Convenzione di Dublino. Su Tg4 e Studio Aperto il “ritorno del sereno” risulta non pervenuto.

Con il voto delle 20,10 – dato in diretta sui Tg delle 20 – il Senato ha approvato in seconda lettura la riforma costituzionale, provvedimento cui il governo Renzi ha dichiaratamente legato a doppio filo il proprio destino politico. Grande spazio, prima e dopo, su tutti i Tg – apertura di Studio Aperto – al discorso “storico” del premier; analogo spazio, sui Tg Mediaset, alla risposta di Berlusconi.

La presunta (e già contestata) nomina dell’“amico di Renzi” (Tg La7) Carlo Carrai al comando dell’Agenzia deputata alla sicurezza digitale in Italia è titolo e servizio per Tg3 e Tg La7. Mentana ricava dalle parole pronunciate al Question Time alla Camera dalla ministra Boschi, che la nomina sarebbe ormai scontata.

Molto, forse un po’ troppo spazio trovano gli insulti di Sarri a Mancini, riferiti da questi in conferenza stampa. “Subito ci si divide nel bar sport” è il commento del Tg3 alle variegate reazioni al turpiloquio omofobo dell’allenatore del Napoli, e proprio nelle polemiche da bar sport sembrano gettarsi le altre testate. Editoriali a braccio su Tg4 di Paolo Liguori (pro Mancini) e Raffaele Auriemma (bonario verso Sarri), mentre Mentana la butta in politica contrapponendo al senatore D’Anna le opinioni di Ivan Scalfarotto, per poi chiudere con un giudizio critico su entrambe. Segnaliamo un’espressione di Liguori che ci sentiamo di sostenere: chiamare per insultare qualcuno “finocchio” o “frocio” è, nel 2016, un insulto “indegno e, soprattutto, anacronistico”.

Per gli esteri, l’attentato in un’università in Pakistan dove sono morti 28 tra studenti e professori è servizio per molti e titolo per Tg4. La propaganda dell’Isis, nella forma di riviste che glorificano gli attentatori di Parigi, riceve attenzione su Tg1, Tg3, Tg5 e Tg La7.

Eravamo rimasti stupiti ieri sera per il mancato allarme neve, che ha portato centinaia di persone a rimanere bloccate sulla Salerno Reggio Calabria, che non aveva trovato spazio sulle scalette dei Tg. Oggi l’indignazione per l’allerta non pervenuta e la ricerca dei responsabili figura sui Tg Rai (titolo per Tg1) come su quelli Mediaset.

Segnaliamo due servizi che, in una giornata di borse e crolli, guardano invece all’economia “reale”: le proteste degli operai della Saeco a Bologna (Tg3) che oggi hanno occupato le uscite della fabbrica e i lavoratori della raffineria di Gela (Tg5) che da ieri bloccano le entrate della città.

La morte dell’ultimo grande esponente della commedia all’Italiana del dopoguerra, Ettore Scola, lascia un grande vuoto nella cultura e nel mondo del cinema italiano. Numerosi gli omaggi e i servizi su tutti i Tg. A salutarlo sul Tg1 il regista premio Oscar Paolo Sorrentino.

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale