Innovazione

Cybersecurity: i giovani possono colmare questo gap. Settore permettendo

52
cybersecurity

Con un nuovo sondaggio, condotto su 12.000 utenti privati e professionisti IT negli Stati Uniti e in Europa, Kaspersky Lab ha scoperto che le persone sotto i 25 anni, altamente qualificate e suggestionabili, sono già abituate agli attacchi informatici su larga scala. La loro preoccupazione supera solo in maniera marginale la curiosità – e persino la loro considerazione – per queste tipologie di crimini. Infatti, il 64% degli italiani di età inferiore ai 25 anni considera l’hacking una competenza “notevole” e solo il 26% degli intervistati è preoccupato dalle persone che dispongono di competenze di hacking. Molti sono già in grado di confondere le informazioni, con oltre un terzo (35%) dei nostri connazionali di età inferiore ai 25 anni, ad esempio, capace di nascondere il proprio indirizzo lP.

E mentre il 43% ha preso in considerazione una carriera nella cybersecurity, considerata da molti (42%) come un modo per fare buon uso del proprio talento, molti altri hanno ammesso di essere inclini a prendere parte ad attività più discutibili. Poco più della metà degli italiani di età inferiore ai 25 anni (54%) parteciperebbe davvero alla lotta contro il cyber crimine; un numero significativo, invece, userebbe le proprie competenze per divertimento (18%), attività segrete (22%) e profitti finanziari (10%).

Eugene Kaspersky, Presidente e CEO di Kaspersky Lab ha affermato: “Il settore della sicurezza e l’istruzione devono fare molto di più per reclutare la nuova generazione di cyber professionisti. I segnali di pericolo sono evidenti. La frequenza e il profilo di cyber attacchi condotti da adolescenti stanno aumentando di pari passo con le competenze di ogni generazione, nonché con la pronta disponibilità di ‘malware as a service'”.

Sia che siano geni degli exploit o soldati semplici al servizio di organizzazioni criminali, negli ultimi anni gli hacker adolescenti sono stati collegati a numerosi cyber crimini ad alto profilo (inclusi attacchi alla società statunitense Sony Entertainment[1], al rivenditore americano Target[2], al sito web per genitori del Regno Unito Mumsnet[3] e al fornitore britannico di banda larga TalkTalk[4]. Anche le agenzie che hanno come obiettivo quello di fermare questi attacchi sono state prese di mira: nel 2012 sia la CIA che la Serious Organized Crime Agency (SOCA) sono state attaccate da hacker adolescenti[5] nel Regno Unito.

Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab ha commentato: “Il cyber crimine organizzato non è più solo un problema da discutere in sala riunioni, ma è sempre più una minaccia che mira a danneggiare, e potenzialmente mettere in imbarazzo, i singoli individui nelle loro case. Come evidenziano i recenti attacchi a Sony Entertainment[6] e ad Ashley Madison, durante i quali sono state rese pubbliche informazioni assolutamente private, il cyber crimine minaccia di rovinare vite pubbliche e private. La nostra ricerca dimostra tre cose: una grave mancanza di competenze di sicurezza informatica, l’abilità degli adolescenti di colmare le lacune e il fallimento del settore nel far fare il primo passo a questi ragazzi”.

I giovani appassionati di informatica di oggi potrebbero essere la chiave per colmare l’ampio gap di competenze informatiche, ma hanno bisogno di essere incoraggiati a utilizzare le proprie capacità nella lotta contro il cyber crimine. La recente Global Workforce Survey condotta da Frost & Sullivan, sulla base delle tendenze attuali, ha previsto una carenza di 1,5 milioni di professionisti della sicurezza informatica entro il 2020. Il sondaggio ha rilevato che il 94% riconosce la necessità di un’evoluzione della professione insieme a quella del panorama e la stessa percentuale ritiene che sia importante che i giovani si uniscono alla guerra per la sicurezza informatica.

Attualmente i datori di lavoro non riescono a indirizzare l’interesse e il talento dei giovani verso questo settore. Molti non offrono ruoli entry-level nel campo della sicurezza informatica; la maggior parte (76%) promuove personale interno, fornendo formazione se necessario, e recluta esternamente i professionisti senior della sicurezza (39%).

Secondo il settore IT, il sistema educativo gioca un ruolo chiave nell’incoraggiare i giovani talenti alla professione e nel fornir loro il livello necessario di competenze. Il 69% dei professionisti italiani sostiene che l’istruzione dovrebbe essere responsabile della formazione delle nuove generazioni di professionisti della cybersecurity. Sono già iniziati i lavori nel settore dell’istruzione. Il Presidente Obama, a gennaio, ha stanziato 4 miliardi di dollari[7] a favore dell’informatica nelle classi statunitensi. Il governo del Regno Unito ha annunciato un “Post-16 Skills Plan”[8] mirato alle competenze informatiche nell’istruzione superiore. In Europa, la Commissione Europea ha stabilito misure per migliorare le competenze digitali come parte integrante del cammino verso un mercato unico digitale[9].

Per risolvere il problema, Kaspersky Lab ritiene che i datori di lavoro dovrebbero fare di più per incoraggiare i giovani a una carriera nella sicurezza informatica. Anche tra i professionisti della sicurezza IT, il 24% ammette che anche le organizzazioni debbano impegnarsi maggiormente per offrire programmi di formazione e di specializzazione.

Eugene Kaspersky ha affermato: ” Kaspersky Lab, insieme agli altri player nell’ambito della cybersecurity, è in parte responsabile per quanto riguarda il settore. Di conseguenza, la nostra azienda sta affrontando questo problema globale in maniera diretta, contribuendo attivamente. Ne è un ottimo esempio il Talent Lab presentato recentemente”.

Talent Lab è un concorso internazionale per studenti universitari e giovani professionisti di età compresa tra i 18 e i 30 anni che incoraggia i giovani di talento a trovare soluzioni innovative alle varie sfide di cyber sicurezza. I primi premi includono una borsa di studio di 10.000 dollari per una formazione ulteriore, la partecipazione ai Leoni di Cannes e un invito al Security Analyst Summit (SAS).

Se vogliamo avvicinare i giovani alla carriera nella sicurezza informatica sarà necessario che sia il settore sia l’istruzione affrontino il gap di competenze. Questa generazione è più vicina alla tecnologia rispetto alle precedenti e presto guiderà questo settore. Se non ci saranno opportunità di includerla e di farla sbocciare, andrà ad accrescere la minaccia del cyber crimine. Il talento di questi ragazzi deve essere sfruttato e nutrito per il bene della società”, ha concluso Eugene Kaspersky.

È possibile leggere il report completo dal titolo “Il gap di competenze della cybersecurity: una bomba a orologeria”, con i dati a livello globale, al seguente link: https://media.kaspersky.com/it/business-security/Kaspersky-Cyberskills-Report_IT.pdf

 

[1] https://www.bbc.co.uk/news/technology-30849172

[2] https://www.nydailynews.com/news/world/russian-teen-made-target-neiman-marcus-malware-report-article-1.1583785

[3] https://www.bbc.co.uk/news/uk-england-surrey-36360234

[4] https://www.ft.com/cms/s/0/fdc801ae-936e-11e5-bd82-c1fb87bef7af.html

[5] https://www.theguardian.com/technology/2012/jun/25/lulzsecs-ryan-cleary-guilty-hacking

[6] https://www.cbsnews.com/news/hacking-after-sony-what-companies-need-to-know/

[7] https://www.whitehouse.gov/blog/2016/01/30/computer-science-all

[8] https://www.gov.uk/government/publications/post-16-skills-plan-and-independent-report-on-technical-education

[9] https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/news/digital-skills-core-new-skills-agenda-europe

Ultime notizie
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione