Discariche abusive, 28 siti bonificati in 2 anni. Vadalà: “Scoperte infiltrazioni mafiose”

Ventotto discariche abusive bonificate in due anni, altre otto in attesa di “giudizio”, altre quaranta “in cura” fino alla fine del prossimo anno.
Il 2 dicembre 2014 la Corte di Giustizia dell’Unione europea ha condannato l’Italia al pagamento di una sanzione forfettaria di circa 40 milioni di euro e di una penalità di oltre 42 milioni per ogni semestre di ritardo, per la presenza sul territorio di 200 siti di discarica abusivamente realizzati. Il 24 marzo 2017 il Consiglio dei Ministri ha nominato il Generale dell’Arma dei Carabinieri Giuseppe Vadalà, Commissario straordinario per la realizzazione degli interventi necessari alla bonifica di 80 siti rimasti da bonificare. A due anni circa dall’inizio della sua attività commissariale, tracciamo un bilancio dei risultati ottenuti.

Generale Giuseppe Vadalà, dopo due anni circa dalla sua nomina come Commissario straordinario, proviamo a fare un bilancio del lavoro svolto. Quante sono le discariche bonificate e quante quelle che, ad oggi, sono ancora sotto infrazione dell’Unione europea?
Il risultato ottenuto finora ci conforta: alle 28 discariche abusive già fuoriuscite dal contenzioso, quindi regolarizzate e messe in sicurezza, con la risoluzione dei relativi problemi di inquinamento, si potrebbero presto aggiungere altri 8 siti (4 in Abruzzo, 2 in Campania, 1 nel Lazio e 1 in Calabria), per i quali stiamo aspettando la risposta dalla Direzione Generale Ambiente della Commissione europea e dall’ufficio che si occupa delle infrazioni dei diversi paesi. Dunque, ipotizzando che tutto vada bene, arriveremo a 36 siti fuoriusciti in concomitanza con l’ottava semestralità della nostra attività commissariale. A quel punto, degli 80 iniziali consegnati al Commissario, ne rimarrebbero altri 44. Nel corso del 2019, lavoreremo su 20 siti: la relazione per i primi 10 è prevista per il 2 giugno e per gli altri 10 il prossimo 2 dicembre. Facendo i conti, per chiudere l’infrazione nei prossimi anni, rimarrebbero 24 siti da bonificare. C’è da dire che le 80 discariche affidate al Commissario erano quelle più complesse, delle 200 iniziali, e, sicuramente, quelle che permarranno negli ultimi anni sono quelle che avranno bisogno di maggiori cure. Dal punto di vista economico, a dicembre 2014, la sanzione che l’Italia doveva pagare all’Europa ammontava a 42mln di euro ogni semestre, oggi, è scesa a 11mln e 600mila euro.

Quali sono le Regioni con maggiori criticità?
Le 80 discariche erano dislocate complessivamente in sette regioni (Calabria, Toscana, Veneto, Campania, Sicilia, Abruzzo, Lazio, Puglia): il numero maggiore di siti è localizzato in Calabria, dove erano 22. Sicuramente la Calabria ha richiesto un lavoro incessante; ma anche il Veneto è una regione che necessita di un impegno importante, perché ci sono sei grandi bonifiche da fare nell’area di Marghera, e sono quelle che hanno gli importi più considerevoli. Tuttavia, ciascuno degli 80 siti ha le sue peculiarità e complessità e la difficoltà di questa missione sta proprio nel suo carattere molto polverizzato e frammentato.

Perché in Puglia non si è riusciti finora a regolarizzare nessuna discarica?
In Puglia abbiamo trovato una situazione singolare: proprio nella semestralità del prossimo giugno, stiamo lavorando, in particolare, su due siti, uno in provincia di Foggia, l’altro di Brindisi. Erano situazioni rimaste un po’ indietro. Certo, è importante che la tabella di marcia venga rispettata, ma è fondamentale garantire che il lavoro venga fatto bene. Non possiamo rischiare che per la fretta si salti qualche passaggio.

Qual è il metodo con cui si procede e quali sono gli ostacoli che rallentano o impediscono il lavoro?
La scelta più importante dal punto di vista strategico è stata quella di effettuare sopralluoghi su tutti i siti, per verificare, sul posto, la situazione. Un altro step importante è stato quello dell’approfondimento documentale degli iter amministrativi e, non meno decisivo, l’analisi di eventuali responsabilità. Su una ventina degli 80 siti totali, abbiamo prodotto informative alle autorità giudiziarie per segnalare fatti che potrebbero avere un’esposizione penale. Un’azione importante dell’ufficio del Commissario è, poi, quella del coordinamento: abbiamo cercato di coordinare gli interventi creando tavoli di lavoro con gli enti locali, i progettisti, i rappresentanti delle agenzie regionali di protezione per l’ambiente, per cercare di condividere la soluzione ottimale e cercare di perseguirla nel modo migliore. Abbiamo siglato 30 protocolli, 13 dei quali con le stazioni appaltanti.

Da quante persone è composto il suo staff?
L’Arma dei Carabinieri ha messo a disposizione del Commissario undici persone a livello centrale che riescono a riverberare le capacità di lavoro attraverso il supporto territoriale che l’Arma dei Carabinieri ha a disposizione. Dall’inizio del nostro lavoro, sono state fatte più di 300 riunioni per sbloccare le situazioni che erano ferme.

Come vengono riutilizzati o reinseriti i siti bonificati all’interno del territorio?
Le aree bonificate vengono restituite alle collettività; vorrei ricordare, in particolare, il caso di Augusta, in provincia di Siracusa: su questo sito, dove per anni e anni è stata depositata cenere di pirite, stiamo conducendo un lavoro importante da 6 milioni di euro, per restituire al territorio il suo campo sportivo.

A quanto ammonta l’investimento totale dello Stato?
Globalmente, i fondi statali messi a disposizione per l’attività del Commissario sono 110 milioni di euro, gestiti con la modalità della “contabilità speciale”: un investimento che non considero a fondo perduto perché consente di restituire un ambiente salubre e, anche dal punto di vista idrogeologico, sistemato. A questi 110 milioni se ne aggiungono altri 90: risorse dell’Unione europea o delle Regioni, che il Commissario non gestisce direttamente, autorizzando le spese.

Che rapporto c’è, secondo la vostra conoscenza, tra l’esistenza di siti abusivi e la presenza di criminalità o mafie sul territorio?
Se al momento in cui è stata decisa questa missione dall’Arma dei Carabinieri, si poteva avere un fondato motivo che il settore fosse importante anche per le infiltrazioni illegali o criminali, dopo due anni, l’intuizione è diventata una certezza. In seguito al nostro lavoro, abbiamo evidenziato in 15 casi la presenza di criminalità di spessore di “416 bis” e di “416”. Dagli elementi che abbiamo già tratto, ma che sono in fase di approfondimento, possiamo dire che, purtroppo, esiste una infiltrazione criminale nell’ambito degli iter amministrativi e delle gare effettuate in modo non regolare.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare