Società

Divorzi all’italiana: consensuali vere o false?

36

La percentuale di separazioni consensuali nel 2012 è stata dell’85,4%. Questo potrebbe indurre qualcuno a pensare che la presunta conflittualità nel momento della separazione non esista e che ci sia una contraddizione fra le lamentele dei padri separati e questi dati che, da vent’anni a questa parte, ogni anno si discostano pochissimo da quelli dell’anno precedente. In realtà queste cifre sono vere, naturalmente, ma non rispecchiano la realtà.

Il fatto è che la separazione consensuale ha le sue indubbie attrattive: richiede molto meno tempo (in media 150 giorni contro gli 891 di una separazione giudiziale) e costa meno in termini di denaro, ma soprattutto in termini di stress. Dietro quelle “consensuali” non c’è un vero accordo, una reale condivisione di vedute, una raggiunta convinzione. C’è piuttosto la stanchezza di un percorso che è appena cominciato e già si presenta irto di difficoltà e di tensioni, lungo e costoso. C’è la voglia di mettere al più presto la parola fine a una vicenda che suscita dolore, rabbia, sconforto. Molti si fermano lì, raramente soddisfatti ma ripagati per essere almeno usciti dalle aule del Tribunale: avevano iniziato una separazione giudiziale, ma hanno capito che il prezzo da pagare era troppo elevato. Altri erano partiti con una consensuale, ma dopo un anno o due maturano la convinzione di essere stati vittime di una ingiustizia, oppure non sopportano che l’ex partner si faccia beffe delle disposizioni del giudice e riesca regolarmente a eluderle (frequenti le difficoltà sopraggiunte nella frequentazione dei figli) o ancora vogliono far presente al giudice che è sopraggiunta una circostanza nuova. Ed eccoli così di nuovo in Tribunale, con un ricorso che trasforma la separazione da consensuale in contenziosa. Nel 2010 il 12,7% delle separazioni e il 14% dei divorzi si è chiuso con un rito diverso da quello di apertura. Più frequente è il passaggio dal rito giudiziale al consensuale che non viceversa.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani