Europa, Fondo per la ripresa. Che cosa serve? L’Italia esca dall’angolo

Tutti si domandano qual era la posta in gioco al vertice europeo del 23 aprile. La risposta è semplice. Erano in discussione due questioni: la creazione di un Fondo per la ripresa e di un debito europeo, attraverso l’emissione di Covid-Bond, cioè la possibilità di emettere obbligazioni europee, visto che abbiamo una moneta unica ed una Banca Centrale, anche se zoppa. Che cosa è avvenuto veramente? Che cosa è stato approvato? I giornali si sono sbizzarriti e si sbizzarriscono nelle risposte, nelle supposizioni, nelle valutazioni. La politica, come sempre, si è divisa tra i “positivisti” ed i “negazionisti”, non solo in Italia.

Due cose al momento sono chiare. alla costituzione di un Fondo per la Ripresa. No agli Eurobond, cioè alle obbligazioni per un debito europeo. al rinvio di qualunque decisione concreta. Tutto come avevamo previsto. Dato che non è ancora chiaro l’entità della crisi economica e come questa colpirà i vari paesi, l’Unione (meglio la Germania) ha preferito non decidere nulla e posticipare ogni decisione, come sta facendo dal 2008 sulle questioni più importanti. Perciò le proposte che la Commissione preparerà, quelle che il Consiglio approverà dipenderanno dall’entità della crisi che colpirà la Germania e dalla capacità del fronte opposto di tenere la posizione sulla condivisione del debito per il Coronavirus.
Se la crisi sarà forte, forse la Merkel riuscirà a far digerire al suo paese qualche forma di “mutualizzazione” tramite il QFP, quadro finanziario pluriennale dell’Ue, per proteggere al meglio il suo sistema economico, sociale ed in particolare quello bancario, sovraccarico di debiti.

Serve a poco cimentarsi sulle varie ipotesi alle quali la Commissione potrebbe ricorrere. Sbizzarrirsi sui tecnicismi e sugli strumenti istituzionali che si potrebbero utilizzare. Piuttosto, prima dobbiamo sapere quali sono i provvedimenti che non servono, perché inutili o dannosi: no ad altro debito fatto a Bruxelles per conto degli Stati; no ad altre condizionalità; no ad una distribuzione degli aiuti in parti uguali; no a piccoli aiuti o all’elemosina; no alla tattica del rinvio continuo, in attesa che muoiano altre persone e chiudano altre imprese. Vediamo, invece, quello che serve in un’occasione come questa, quello che il Fondo per la ripresa dovrebbe fare, per le ragioni che abbiamo più volte spiegato:
1) emettere obbligazioni comuni per l’Eurozona, per una mutualizzazione del debito tra paesi che ne condividono le finalità;
2) escludere finanziamenti o garanzie da parte dei paesi;
3) avere una capacità di intervento elevata, almeno 2.000 mld di euro;
4) fornire aiuti a fondo perduto o trasferimenti, non debiti a carico dei paesi;
5) distribuire gli aiuti in base ai danni ricevuti da ciascun paese, a causa del Coronavirus.
Il vero problema è fornire liquidità in tempi certi e nella quantità sufficiente a coprire gli investimenti per la ripresa con i relativi costi sociali, riassorbendo o riconvertendo il debito nazionale ‒ sostenuto per il Coronavirus ‒ in debito europeo. Ad oggi, c’è il rischio, anzi la certezza, di dover sommare l’indebitamento diretto dei paesi con quello proveniente dall’Unione, sebbene con un tasso di interesse più basso. Porterebbe al risparmio di un miliardo appena. Un ruolo ancora più importante può essere svolto anche dalla BCE, come pagatore di ultima istanza, qualora si rendesse necessario per bloccare la speculazione sul debito dei paesi più a rischio.
Da quanto sta avvenendo in sede comunitaria si ha l’impressione che tutto continui come in passato; che non ci siano le condizioni per procedere uniti verso un accordo solidale. Un accordo che faccia prevalere la politica sulla contabilità, la solidarietà vera sugli egoismi del più forte contro i più deboli, in contrasto con quanto previsto dal Trattato. Comunque, non è tempo per recriminare. È bene, però, aver chiaro i termini del problema ‒ un vecchio problema ‒ che ormai dobbiamo affrontare. Continuare a ignorarlo, a fingere che non esista, servirà solo a produrre altri danni a tutti, in particolare all’idea di un’Europa che pensavamo di dover realizzare, ormai da 70 anni. Ognuno si assuma le proprie responsabilità. L’Unione, quella politica, deve procedere con chi ci sta. Non può vivere sempre sotto il ricatto della paura, la paura del peggio. Né si può pensare di “stare dentro” l’Unione solo per i benefici che se ne possono trarre e non per tutelare le persone, le uniche sotto scacco in questa occasione. Alcuni paesi hanno sempre difeso i loro interessi molto bene, meglio di altri. Non solo con la costruzione dell’Eurozona. Basta ripercorrere le vicende della crisi precedente per convincersene. Vicende che non vanno dimenticate. Bisogna prestare molta attenzione in questa fase. Non accontentarsi delle promesse, come sembra sia avvenuto nell’ultimo vertice, col rischio che il Paese, insieme all’Unione, paghi un ulteriore prezzo, ancora più salato di quelli precedenti. L’Italia troppe volte è stata distratta, senza valutare con la dovuta attenzione tutte le conseguenze delle decisioni prese a Bruxelles. Non possiamo permetterci lo stesso errore anche adesso, per timore di rompere, presentandoci col cappello in mano, come il fratello povero, pur essendo tra i paesi più ricchi al mondo. Bisogna uscire da questo angolo. Il problema vero non è quello di reperire più fondi, italiani o europei che siano, perché in Italia la ricchezza c’è, quanto piuttosto avere la capacità di spenderli. La capacità di farli arrivare rapidamente a destinazione. Lo spettacolo che stiamo offrendo in questi giorni non sempre è dei migliori. Abbiamo però le risorse e la capacità per venirne fuori, se la politica non pone ostacoli, anzi se libera il Paese dai lacci che lo tengono prigioniero.

*Carmelo Cedrone è il coordinatore del Laboratorio Europa dell’Eurispes

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang