Attualità

Fase 2, countdown per la ripartenza: il prime time tra dubbi e cautele. L’analisi dei Tg

Il countdown per la ripartenza, con le tante date che “ballano” per il futuro prossimo degli italiani, ha attraversato l’intera settimana dell’informazione. Nell’attesa transizione dalla Fase 1 alla Fase 2, richiamata in numerose aperture, il prime time ha dato voce alle ansie, ai dubbi ed agli allarmi lanciati ora dalle Regioni, ora dalle Istituzioni nazionali, disegnando un quadro reso opaco dallo spettro della povertà, e dal quale emerge una parola d’ordine comune: “cautela”. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispe e Coris Sapienza dal 20 al 24 aprile.

I quotidiani bollettini della Protezione civile restano argomento di apertura per molti; a dominare le edizioni in settimana sono stati i temi europei e la discussione sul Mes, che raccolgono 7 aperture. La lettura che emerge nei servizi, che spesso ospitano vertici istituzionali e commentatori (Gentiloni, Monti e Sassoli per i Tg Rai, Charles Michel per News Mediaset), è nel complesso positiva. Ciò si deve anche all’attivismo di Berlusconi, molto presente nei Tg Mediaset di giovedì e venerdì, con forti messaggi di fiducia su Bruxelles e sugli esiti del vertice del 23 aprile. Nessuna testata “fa proprie” le istanze polemiche delle altre opposizioni. Tg4, venerdì, intervista Matteo Renzi che, commentando le posizioni di Berlusconi, si dice lieto che abbia preferito gli “europeisti” ai “sovranisti” (leggi Lega e FdI).

Man mano che discendono i numeri del contagio, con il primi cali in termini assoluti dall’inizio dell’epidemia, aumenta nei servizi il livello delle polemiche. I Tg Mediaset e Tg2 non apprezzano le misure di pena attenuate per alcuni detenuti per reati di mafia, e danno spazio agli attacchi di Salvini e alle proteste dei familiari delle vittime dei mafiosi. Ampie coperture dai Tg Rai alle indagini sulle Rsa, accompagnate dalle tragiche rilevazioni dell’Oms sulla mortalità nelle case di riposo in tutta l’Europa. Anche Tg4 affronta le indagini nelle Rsa lombarde, ma solo per segnalare una ricerca del Corriere della Sera che assolverebbe la Regione Lombardia da particolari responsabilità, considerando la situazione in molte altre Regioni.

Tra i numerosi contributi, che vedono al centro gli operatori sanitari (oggetto di una rubrica del Tg3), spicca la toccante testimonianza offerta dal Tg La7, che giovedì ha inteso “dare voce” all’ultima lettera di un anziano residente di una Rsa, testimonianza sia del dramma attuale sia, più in generale, della condizione, spesso penosa, dei residenti di questi centri.

Sempre a proposito di Tg La7, Dagospia aveva diffuso indiscrezioni su possibili dimissioni del direttore-conduttore Mentana, a seguito delle polemiche seguite all’intervento Tv del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Mentana, che sembra rimanere saldo al suo posto, anche nella scorsa settimana si è mostrato piuttosto attivo nel ruolo di “unico” vero anchorman del prime time. Non sono mancati, infatti, due editoriali “a braccio”, nelle serate di mercoledì e venerdì, circa la ricorrenza del 25 aprile: il primo contro Salvini e la sua irrisione di chi canta Bella Ciao, il secondo sui motivi che giustificano il ricordo della Liberazione, il processo che anche oggi permette a tutti noi di esprimere liberamente le proprie opinioni.

Ultime notizie
Attualità

Fuga… da mezzanotte

Non è certo il coprifuoco di Parigi e dintorni, ma allo scoccare della mezzanotte dobbiamo immediatamente uscire dal nostro amato ristorante, con il conto pagato, e senza aver preso dolce o caffè.
di Emilio Albertario
Informazione

Sui Tg si torna ai “bollettini” dei contagi

L’aumento vertiginoso dei contagi impone la pandemia come tema dominante. Aperture obbligate per tutti, ad eccezione di Tg4 che – come la...
di Eurispes e Coris Sapienza
Crescita

RELEASE G-20: per la riduzione del debito e per lo sviluppo sostenibile

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un'iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.
di Roberto Ridolfi*
Metafore per l'Italia

Impegni inderogabili. Alla natura si comanda ubbidendole

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api. «Nell’attuale scenario...
di Gian Maria Fara
Ambiente

Rigenerazione urbana, le città si (ri)fanno belle

Con l’arrivo del bando per i progetti di rigenerazione urbana e di recupero delle periferie, il “restyling” delle città torna ad essere al centro dell’attenzione. Il recupero delle aree degradate passa sempre più attraverso l’impegno degli stessi cittadini, che danno vita ad un crescente fenomeno di “associazionismo urbano” per la riqualificazione degli spazi pubblici.
di Ilaria Tirelli
Attualità

2020, la teoria della cospirazione

    Una notizia postata sui social che parla di cospirazione, locale o planetaria, viene letta sei volte di più di qualsiasi altra, con...
di Emilio Albertario
Intervista

Il Presidente Luca Zaia all’Eurispes: “Il Covid insegna: più autonomia ai territori”

    A più di mille giorni dal referendum sull’autonomia del Veneto e della Lombardia, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, guarda al...
di redazione
Informazione

Tg: aperture concentrate sui contagi, l’informazione torna in lockdown

L’impennata dei contagi domina sul prime time, con 25 aperture dedicate alla crescita dei positivi ed agli appelli della politica. L’agenda mediatica...
di Eurispes e Coris Sapienza
International

The COVID-19 pandemic and the role of SMEs as innovators of sustainable inclusive employment

The Importance of SMEs as Innovators of Sustainable Inclusive Employment in Times of Pandemic and Beyond. New Evidence from Regional and Local...
di Ronald McQuaid and Aleksandra Webb*
Crescita

Covid-19, Pmi come innovatori di occupazione inclusiva e sostenibile

Le grandi sfide economiche globali dovute alla pandemia Covid-19 hanno creato uno stato di insicurezza. Grazie alla loro adattabilità e alla rapidità del processo decisionale, le Piccole e Medie Imprese (PMI) potrebbero essere idonee a guidare il cambiamento in questo contesto in dinamica evoluzione.
di Ronald McQuaid e Aleksandra Webb*