Fase 2, countdown per la ripartenza: il prime time tra dubbi e cautele. L’analisi dei Tg

Il countdown per la ripartenza, con le tante date che “ballano” per il futuro prossimo degli italiani, ha attraversato l’intera settimana dell’informazione. Nell’attesa transizione dalla Fase 1 alla Fase 2, richiamata in numerose aperture, il prime time ha dato voce alle ansie, ai dubbi ed agli allarmi lanciati ora dalle Regioni, ora dalle Istituzioni nazionali, disegnando un quadro reso opaco dallo spettro della povertà, e dal quale emerge una parola d’ordine comune: “cautela”. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispe e Coris Sapienza dal 20 al 24 aprile.

I quotidiani bollettini della Protezione civile restano argomento di apertura per molti; a dominare le edizioni in settimana sono stati i temi europei e la discussione sul Mes, che raccolgono 7 aperture. La lettura che emerge nei servizi, che spesso ospitano vertici istituzionali e commentatori (Gentiloni, Monti e Sassoli per i Tg Rai, Charles Michel per News Mediaset), è nel complesso positiva. Ciò si deve anche all’attivismo di Berlusconi, molto presente nei Tg Mediaset di giovedì e venerdì, con forti messaggi di fiducia su Bruxelles e sugli esiti del vertice del 23 aprile. Nessuna testata “fa proprie” le istanze polemiche delle altre opposizioni. Tg4, venerdì, intervista Matteo Renzi che, commentando le posizioni di Berlusconi, si dice lieto che abbia preferito gli “europeisti” ai “sovranisti” (leggi Lega e FdI).

Man mano che discendono i numeri del contagio, con il primi cali in termini assoluti dall’inizio dell’epidemia, aumenta nei servizi il livello delle polemiche. I Tg Mediaset e Tg2 non apprezzano le misure di pena attenuate per alcuni detenuti per reati di mafia, e danno spazio agli attacchi di Salvini e alle proteste dei familiari delle vittime dei mafiosi. Ampie coperture dai Tg Rai alle indagini sulle Rsa, accompagnate dalle tragiche rilevazioni dell’Oms sulla mortalità nelle case di riposo in tutta l’Europa. Anche Tg4 affronta le indagini nelle Rsa lombarde, ma solo per segnalare una ricerca del Corriere della Sera che assolverebbe la Regione Lombardia da particolari responsabilità, considerando la situazione in molte altre Regioni.

Tra i numerosi contributi, che vedono al centro gli operatori sanitari (oggetto di una rubrica del Tg3), spicca la toccante testimonianza offerta dal Tg La7, che giovedì ha inteso “dare voce” all’ultima lettera di un anziano residente di una Rsa, testimonianza sia del dramma attuale sia, più in generale, della condizione, spesso penosa, dei residenti di questi centri.

Sempre a proposito di Tg La7, Dagospia aveva diffuso indiscrezioni su possibili dimissioni del direttore-conduttore Mentana, a seguito delle polemiche seguite all’intervento Tv del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Mentana, che sembra rimanere saldo al suo posto, anche nella scorsa settimana si è mostrato piuttosto attivo nel ruolo di “unico” vero anchorman del prime time. Non sono mancati, infatti, due editoriali “a braccio”, nelle serate di mercoledì e venerdì, circa la ricorrenza del 25 aprile: il primo contro Salvini e la sua irrisione di chi canta Bella Ciao, il secondo sui motivi che giustificano il ricordo della Liberazione, il processo che anche oggi permette a tutti noi di esprimere liberamente le proprie opinioni.

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse