Europei, il calcio come modello di un Paese che vuole ripartire

calcio

«Il calcio è la cosa più importante delle cose meno importanti» diceva Arrigo Sacchi, allenatore del Milan e della Nazionale. Come dargli torto? Sarà per questo che per tutta la notte, milioni di italiani si sono riversati in strada a fare festa, a suonare il clacson ebbri di gioia, ad abbracciare degli sconosciuti, a urlare ritornando bambini? È proprio quello che è successo un minuto dopo la parata plastica, aerea di Gianluigi Donnarumma, portiere azzurro. Sì, perché cinquantatré anni dopo – era il 1968 l’anno della vittoria a Roma contro la Jugoslavia – l’Italia vince i campionati Europei di calcio e lo fa in una serata indimenticabile, battendo l’Inghilterra sul suo terreno, a Wembley, nel modo più crudele e apparentemente fortunoso che il gioco conosca, ai rigori. Un sistema che solo i più sprovveduti definiscono “lotteria”.

Gli Europei di calcio riportano il nome dell’Italia nella cronaca sportiva mondiale

Per gli inglesi, che questo torneo non lo hanno mai vinto, la beffa di vederselo sfuggire dopo avere mantenuto il vantaggio per oltre 67 minuti e aver creduto ad una storica vittoria. Per i giocatori di Roberto Mancini, il mister degli azzurri, è invece il coronamento di un percorso esaltante che li ha visti dominare già dalla fase di qualificazione. Il nome dell’Italia ritorna ad imporsi nella cronaca sportiva mondiale, dopo quindici anni di sconfitte e umiliazioni tra cui la mancata qualificazione ai Mondiali del 2018 tenutisi in Russia.

Non c’era modo migliore per iniziare l’estate del 2021, quella che dovrebbe portarci finalmente fuori dal dramma globale della pandemia da Covid-19 che tutto ha cambiato e trasformato e che per diciotto mesi ci ha costretto a guardare al futuro con occhi diversi, tra paure nuove e antiche, facendo vacillare le certezze consolidate e le coordinate di un futuro che pensavamo di poter gestire e dominare. Ritorna a vincere qualcosa di importante l’Italia, che prova a ritrovare la fiducia e l’unità, dinnanzi al sorriso composto del Presidente Sergio Mattarella, presente sugli spalti per rassicurare e rappresentare il Paese.

Mancini chiamato a innovare e a dare spazio a giovani talenti

E se dallo sport è possibile trarre degli spunti utili e vincenti, in grado di servire anche per leggere e interpretare la realtà economica e sociale, mutuandone schemi e modelli positivi, rivelativi, vincenti, allora dall’esperienza vittoriosa della formazione italiana a Wembley si può facilmente concludere che tutto nasce da un progetto che venne affidato nel 2018 ad un allenatore di grande esperienza come Roberto Mancini, con il compito di ricostruire e di rinnovare, dopo cocenti delusioni, in un Paese come il nostro che, come pochi altri, del calcio ha fatto una religione laica ma non meno totalizzante. Un incarico che, in un Paese che conta milioni di allenatori di calcio, nessuno voleva, per gli ostacoli e le trappole; un incarico meno remunerativo di altri incarichi perché non può competere con i budget dei ricchi club. Un compito difficile e rischioso in cui era facilissimo deragliare. Mancini era tra l’altro chiamato a innovare e a dare spazio a giovani talenti, togliendo spazio e posto a vecchi senatori della squadra.

Ecco perché la vittoria contro gli inglesi, in uno tra i campionati europei più agguerriti degli ultimi tempi, assume un grande valore: si partiva dalle macerie, dalle retrovie, dalla rifondazione. Una situazione che fa il paio con quella che il Paese è chiamato ad affrontare sul lavoro e l’economia, con il dovere della ripartenza e della ricostruzione dopo le lacerazioni causate da quello tsunami che è stata, e che è, la pandemia, la quale ha fatto traballare rendite di posizione, chiavi di lettura apparentemente buone per tutte le stagioni e paradigmi che ritenevamo inossidabili.

Il calcio come metafora di una ripartenza fondata sul gioco di squadra

E, se è consentito appropriarsi di ricette sportive da esportare nella politica e nella organizzazione della società, perché non prendere ispirazione dalla meritocrazia di questa Nazionale di calcio, dall’entusiasmo di giovani ambiziosi e di talento affiancati da compagni di grande esperienza? Perché non prendere a modello un allenatore che ha messo da parte i successi conseguiti da giocatore e da selezionatore per affrontare una sfida nuova in cui aveva tutto da perdere? Perché non riflettere sulla capacità di un gruppo in cui ognuno ha un suo ruolo e una sua funzione e in cui non esistono privilegi, capi e capetti, ma solo diverse mansioni nell’interesse generale? Ma sì, diciamolo senza remore: questa vittoria, al di là della sua dimensione sportiva, può servire da lezione anche in altri àmbiti, per una ripartenza che si fondi sulla concretezza e sul gioco di squadra, sul raggiungimento di obiettivi importanti e sulla capacità di sacrificarsi senza risparmiare fatica e impegno. Perché lo sport per alcuni è solo uno sport, ma per molti altri è mettersi in gioco ed avere un progetto, coltivarlo e dedicare ogni energia per conseguire la vittoria. E, in questi casi, lo sport è realizzazione personale, confronto con gli altri, vita.

Leggi anche

Ultime notizie
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale
G20
Briefing

G20, pandemia come cartina tornasole dell’imprescindibilità del multilateralismo

People, Planet e Prosperity sono i tre pilastri della Presidenza italiana del G20, ai quali se ne aggiunge un altro dettato dalle necessità legate alla pandemia: la salute globale. La crisi sanitaria ha reso evidente la necessità del multilateralismo, ovvero della cooperazione e condivisione delle strategie di contrasto.
di Alessandro Modiano*
G20
sardegna
Ambiente

Sardegna, un’isola in fiamme che racconta la crisi climatica

Le immagini di una Sardegna in fiamme hanno evidenziato le già note conseguenze dei cambiamenti climatici, e la necessità di una maggiore sensibilità ecologica globale. Ma bisogna anche presidiare il territorio, dato che 6 roghi su 10 risultano essere dolosi.
di Giuseppe Pulina
sardegna