Perché è fallita la Superlega? La rivincita sociale del calcio

Fra i temi che hanno animato il dibattito pubblico negli ultimi giorni c’è la “Superlega” di calcio. Una suggestione durata circa 24 ore, ma che è riuscita – in questo breve lasso di tempo – ad offuscare, addirittura, il tema della pandemia. Ma perché il progetto di Perez e Agnelli è svanito in così poche ore? Perché è fallita la Superlega?

La rivolta contro le 12 Big

Dodici squadre. Poi diventate undici, fino all’uscita di tutte le inglesi e la presa d’atto degli organizzatori con le parole di Agnelli: «la Superlega non andrà avanti». Contro di loro un coro di proteste che ha coinvolto tifosi, politici, uomini di governo. Dalle parole di Boris Johnson («farò tutto il possibile per fermarla»), a quelle di Mario Draghi («preservare le competizioni nazionali, i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport»); fino ad arrivare alle accese proteste dei tifosi, sfociate in vere e proprie rivolte di massa al di fuori degli stadi.

Ciò che ha stupito – e che probabilmente ha fatto tramontare, nel giro di poche ore, il progetto – è stata l’unità delle proteste. Un coro unanime, che non ha riguardato solamente quei club che si sono visti estromettere dall’élite del calcio e i loro tifosi: a reagire, infatti, sono stati anche, e soprattutto, molti uomini delle stesse società i cui “padroni” avevano siglato il patto delle 12 “sorelle”. Tra tutti Josep Guardiola, personaggio chiave della “filosofia del calcio” contemporanea, il quale ha commentato con un secco «non è sport, è un’altra cosa».

Perché è fallita la Superlega?

Ma se non è sport, di cosa si tratta? E perché la Superlega ha trovato una opposizione così massiccia e omogenea tra tifosi, società di calcio e uomini di governo? Certamente, le modalità attraverso le quali i proprietari delle 12 società hanno agito, rappresentano il primo, grave limite di questa azione. L’annuncio improvviso dei 12 Club – con le dimissioni di Agnelli dall’Eca (l’Associazione dei Club Europei) –, è stato visto come un affronto. Una prova “muscolare” dei 12 Club più ricchi e indebitati d’Europa che hanno deciso per sé e per tutti, senza concertazioni, senza dialogo.

Un limite, questo, connesso al secondo, che in assoluto è un valore: la forza sociale del calcio. Le modalità di un sistema chiuso, su inviti, senza un merito effettivo (se non quello del potere economico e politico) di ingresso nella Lega dei grandi club, sono apparse per tutti inaccettabili. Questa prova di forza ha infatti toccato le corde più intime, i valori più sani di uno sport che, per quanto basato sul potere economico, ha ancora bisogno di una propria morale di fondo. Una morale fondata sul merito e sulla possibilità, quand’anche remota, che una piccola realtà di provincia riesca ad affermarsi tra le grandi.

L’Europa del calcio, nell’opporsi alla Superlega, ha dimostrato di avere ancora bisogno dei sentimenti antichi, di storie come l’Atalanta di Gasperini, o il Leicester di Ranieri. E del sogno dei tifosi che sperano che la propria squadra possa accedere al palcoscenico più importante. È stato questo, senza dubbio, il limite più grande del progetto: non tenere conto della forza sociale del calcio e dei milioni di tifosi che lo animano.

Leggi anche

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario