Cosa mancherà di Battiato: “la cura” e il suo eterno significato

Che cosa ci mancherà di più di Franco Battiato? Sicuramente tanto, compresa anche la divertita reazione che avrebbe riservato al gran numero di “coccodrilli commemorativi” che, in questi ultimi giorni, hanno risalito la corrente del fiume virtuale della memoria. A dimostrazione del fatto che il valore di una presenza viene realmente misurato solo quando si inizia a percepirne la mancanza.

È il metabolismo del distacco che fa sì che la memoria più autentica passi sempre attraverso l’accettazione e la rielaborazione del lutto secondo un processo – sofferto e mai scontato – di cui non si possono prevedere i tempi. L’unica certezza, in questi casi, è che i tempi che dovranno passare saranno necessariamente e inevitabilmente lunghi. Dunque, per quanto, a pochi giorni dalla morte di Franco Battiato, ci si sforzi di stabilire che cosa ci rimarrà o meglio si tramanderà del suo straordinario lascito artistico, bilanci e previsioni saranno immancabilmente lacunosi e provvisori. Ma è proprio questo ciò che accade quando il patrimonio da ereditare ha un valore di cui non si può stimare l’enormità.

 

Uno, cento e più Battiato

È probabile, se non del tutto certo, che il Battiato di cui maggiormente ci si ricorderà sarà il musicista, autore e interprete di tante canzoni anzitempo diventate dei classici. In questa previsione non c’è niente di azzardato, perché il Battiato che più si conosce e ama è quello della Voce del padrone o di superbe canzoni come La cura e Ti vengo a cercare.

Tuttavia, dentro il musicista ci sono tanti strati ed espressioni di creatività che l’estimatore di Battiato farebbe bene a non trascurare. C’è il Battiato che ha amato la pittura e che deve essere stato tentato qualche volta, come è accaduto a Joni Mitchell e Cat Stevens, dal proposito di dedicarvisi anima e corpo, anche a costo di mettere per un po’ di tempo nel cantuccio la vocazione e il mestiere di musicista. C’è poi il Battiato che si è dilettato (con meno consensi e fortuna, a detta di molti) nella realizzazione di corti e lungometraggi. C’è anche il Battiato intellettuale e pensatore, mistico e gran conoscitore di più civiltà: quella occidentale di cui sentiva, seppur molto criticamente, di essere figlio e quella delle sapienze orientali da cui era fortemente attratto. C’è, infine, il Battiato “ibrido”, quello delle tante collaborazioni con artisti che il mercato discografico ha spesso colpevolmente sottovalutato come Giuni Russo e Juri Camisasca. Insomma, ce n’è davvero per tutti per scegliere il proprio e quasi esclusivo Battiato.

 

Un invito al viaggio

Potremmo intendere le esplorazioni artistiche di Battiato come un viaggio che fa di ogni sua tappa un passaggio e un’iniziazione. Un po’ come suggerisce l’inedito di quell’album di cover superbamente interpretate che è Fleurs, esplicito omaggio a Baudelaire e a Gesualdo Bufalino, l’amico scrittore conterraneo a cui dedicherà L’imboscata. In effetti, tra le tante definizioni che si possono dare della musica di Battiato può calzare a pennello quella di un Invito al viaggio, una delle tante canzoni dell’ultimo fecondissimo periodo di creatività durato una ventina di anni in compagnia di Manlio Sgalambro, il filosofo-paroliere che, in Teoria della canzone, pensando, vien da immaginare, proprio all’amico Battiato, teorizzava l’avvento di una popular music senza populismo.

 

Maestro di leggerezza

Se Calvino ha scritto della leggerezza in una delle sue memorabili lezioni d’oltreoceano, Battiato l’ha invece messa in musica. Lo ha fatto combinando spiritualità e mondanità, erudizione e non-sense, sperimentalismo e rispetto per le radici della tradizione. Ha cantato di “gesuiti euclidei vestiti come bonzi per entrare a corte degli imperatori Ming” e di discutibili preferenze gastro-culturali che potrebbero far preferire un bel piatto di insalata a una sinfonia di Beethoven o a un brano di Sinatra. Con la stessa disinvoltura si è servito di mille riferimenti a Hegel, Pascal, Lu-Tzu e ai grandi mistici dell’Occidente come Giovanni della Croce e Teresa d’Avila, convinto sostenitore della credenza che una sapienza non è mai una vera dottrina ma, semmai, la sintesi di mille altre sapienze.

 

La cura e il suo eterno significato

Non c’è ovviamente una canzone che più di altre possa rappresentare Battiato. Ci sono, però, canzoni che sembrano piacere più di altre. Di queste, La cura è stata e continua a essere una delle più amate. Cantata in più lingue, cover dalle non sempre impeccabili interpretazioni, La cura, scritta a quattro mani con Sgalambro, viene considerata una delle canzoni d’amore più belle degli ultimi anni.

A sorprendersi per il grande successo della canzone è stato per primo lo stesso Battiato, che ebbe subito (così ha dichiarato) la sensazione di essere stato attraversato da una felice ispirazione, ma non la certezza che quella sarebbe stata considerata una delle sue canzoni capolavoro. Nel testo si legge che siamo esseri speciali, che possiamo esserlo per gli altri, soprattutto se di questi sapremo prenderci cura, e che non c’è ostacolo che non possa trasformarsi in eroica impresa.

La canzone dice davvero tanto e qualsiasi tentativo di ridurla a una precisa interpretazione (compresa quella che ne vuole fare una canzone d’amore) può diventare un errore. Anche Battiato decise di non licenziare un’interpretazione unica e definitiva. Scelse di fare così non per prendersi bonariamente gioco di tanti inutili sforzi esegetici, ma perché, molto semplicemente, una canzone è come la vita, che può diventare tanto più difficile ed esigente quante più aspettative e significati in essa riponiamo.

Ultime notizie
civil aviation
Ambiente

“Green flights”: the cooperation model between Italy and China in civil aviation

The participation in the video-conference by the ambassadors of the respective countries, Luca Ferrari for Italy and Li Junhua for China, is...
di Marco Ricceri*
civil aviation
aviazione civile
Rapporti

“Voli green”: il modello di cooperazione tra Italia e Cina nell’aviazione civile

La partecipazione alla video-conferenza degli ambasciatori dei rispettivi paesi, Luca Ferrari per l’Italia e Li Junhua per la Cina, è un indice...
di Marco Ricceri*
aviazione civile
turismo di lusso
Economia

Il turismo di lusso non conosce crisi ed è già ai livelli del 2019

Il turismo di lusso ha sofferto meno la crisi del 2020, per la possibilità di offrire esperienze esclusive e in condizioni di sicurezza lontane dall’affollamento del turismo di massa e dei voli low cost. Sembra infatti che il settore sia ritornato già ai livelli pre-pandemia del 2019.
di Roberta Rega
turismo di lusso
Unione europea
Economia

Piano nazionale di ripresa, strategie territoriali per massimizzare l’impatto degli interventi

Ue, per massimizzare l’impatto degli interventi è importante agire in modo strategico e coordinato dalla fase di programmazione a quella di attuazione, e contribuendo a rafforzare gli obiettivi di addizionalità propri della coesione, in particolare nelle aree marginali del nostro Paese.
di Claudia Bugno*
Unione europea
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere